Milan, Sacchi: "Berlusconi nel 1988 chiese a tutti un mese di astinenza"

I rossoneri si contendevano il titolo con il Napoli di Maradona e il presidente, pur di vincere il suo primo Scudetto, chiese ai giocatori un sacrificio particolare.

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Il punto di svolta. E per ottenerlo al Milan erano disposti a tutto. Fra la fine degli anni 70 e l'inizio degli anni 80 i rossoneri hanno vissuto uno dei periodi più delicati della propria storia. La retrocessione d'ufficio in Serie B dovuta allo scandalo del Totonero (il calcioscommesse del 1980) e la conseguente astinenza dallo Scudetto.

Dopo il titolo vinto nel 1978-79 con Liedholm in panchina, il Milan non era più riuscito a dominare il campionato italiano. Nel marzo del 1986 però arrivò Silvio Berlusconi e la storia cambiò. Non immediatamente, e per riuscire a far fare il salto di qualità alla squadra e alla società il presidente chiese qualche sacrificio fisico ai giocatori.

Ospite di Che Tempo Che Fa, programma televisivo condotto da Fabio Fazio su Rai1, l'ex allenatore del Milan Arrigo Sacchi (è rimasto seduto sulla panchina rossonera prima dal 1987 al 1991, per poi tornarci nel 1996-97) ha raccontato un aneddoto curioso. Nel campionato di Serie A 1987-88 i milanesi si contendevano lo Scudetto con il Napoli di Diego Armando Maradona (capocannoniere di quel campionato), conquistare il titolo non era semplice: serviva uno sforzo da parte di tutti.

Berlusconi e il suo braccio destro Galliani ai tempi del Milan
Berlusconi e il suo braccio destro Galliani ai tempi del Milan

Milan, Sacchi racconta: "Nel 1988 Berlusconi chiese ai giocatori un mese di astinenza dal sesso"

Berlusconi, diventato presidente appena due anni prima, voleva conquistare il suo primo Scudetto. Sapeva che poteva essere la svolta per la società. Sapeva potesse diventare il punto di partenza del periodo più vincente della storia del Milan. Serviva però che la squadra fosse concentrata esclusivamente sull'obiettivo. Per questo, come svelato da Sacchi, il presidente chiese ai giocatori un sacrificio particolare: un mese di astinenza sessuale.

Arrigo Sacchi con il Milan ha vinto uno scudetto e due Coppe dei Campioni
Arrigo Sacchi con il Milan ha vinto uno scudetto e due Coppe dei Campioni

Sacchi sapeva che i suoi giocatori non erano convinti e così fece rispondere Ruud Gullit, Pallone d'Oro in carica:

Berlusconi voleva che per un mese i giocatori praticassero l'astinenza dal sesso. Guardai Gullit che scuoteva la testa e dissi al presidente che Ruud aveva qualcosa da ridire. L'olandese affermava che per lui correre sarebbe stato più difficile...

L'episodio era stato raccontato tempo fa dallo stesso Gullit, che svelò che tutto lo spogliatoio scoppiò a ridere alla sua risposta. Il Milan, comunque, in quella stagione riuscì a vincere il campionato dopo 9 anni di attesa, prima di conquistare la Coppa Campioni sia nel 1989 che nel 1990. Quello Scudetto, di fatto, ha rappresentato il punto di svolta della storia rossonera. Indipendentemente dai sacrifici chiesti dal presidente Berlusconi ai suoi giocatori.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.