Atletica, South Eastern Conference: Duplantis vola a 6 metri

Lo svedese è il protagonista del weekend, bene anche gli ostacolisti Holloway e Roberts.

Atletica, Duplantis vola a 6 metri

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

L’astista svedese Armand Duplantis e gli ostacolisti Grant Holloway  e Daniel Roberts sono stati i protagonisti del fine settimana dell’atletica internazionale. I triplisti Samuele Cerro e Tobia Bocchi protagonisti della fase regionale dei Societari

Il campione europeo e primatista mondiale under 20 del salto con l’asta Armand “Mondo” Duplantis ha superato la barriera dei 6.00 metri alla terza prova nel Campionato di South Eastern Conference (SEC) di Fayetteville migliorando lo storico primato NCAA della specialità detenuto dallo statunitense Lawrence Johnson con 5.98m dal 1998 (tre anni prima che Duplantis nascesse).

Lo svedese ha superato 5.45m, 5.63m e 5.81m sempre al primo tentativo. La scorsa estate il figlio d’arte di Greg Duplantis vinse il titolo europeo a Berlino con 6.05m. Sempre sulla pista di Fayetteville il talento dei Florida Gators Grant Holloway ha stabilito il miglior crono mondiale dell’anno sui 110 ostacoli con 13”07 nella batteria battendo l’altro talento Daniel Roberts, studente della Kentucky University.

L'astitsta svedese Duplantiss
Deplantis vola oltre i 6 metri

Atletica, South Eastern Conference: Duplantis salta a 6 metri

Holloway, campione NCAA outdoor 2017 e indoor 2018, ha corso il secondo miglior crono nella storia dell’atletica NCAA dopo il 13”00 dell’ex primatista mondiale Renaldo Nehemiah stabilito a Westwood in California nel 1979. Holloway ha migliorato di otto centesimi di secondo il precedente record personale di 13”15 stabilito l’anno scorso. Roberts si è preso la rivincita vincendo la finale con lo stesso tempo di 13”07 davanti a Holloway (13”12) e Isiah Moore (13”42).

Holloway ha gareggiato anche nel salto in lungo classificandosi sesto con 7.84m nella gara vinta da Jamari Ward con 8.10m davanti a Javaughn Harrison (8.02m). Harrison si è aggiudicato il salto in alto con 2.24m.

Il talento giapponese Hakim Sani Brown (campione del mondo under 18 sui 100m e sui 200m a Cali 2015) è sceso per la prima volta in carriera sotto i 10 secondi con 9”99 sfiorando di un centesimo di secondo il record nazionale detenuto da Yoshide Kiryu con 9”98. Brown è il secondo giapponese della storia al di sotto della barriera dei 10 secondi. Di ottimo livello anche il 10”02 di Raymond Ekevwo e il 10”08 di Mustakwem Williams. Brown ha corso anche i 200 metri in 20”36 si è classificato secondo con la staffetta 4x100 dei Gators insieme al compagno Grant Holloway.

La junior Sha’Carri Richardson ha fatto doppietta vincendo i 100 metri in 11”00 e i 200 metri in 22”57. Successo di Mustakweem Williams sui 200 metri maschili in 20”31.

Quincy Hall si è confermato su eccellenti livelli vincendo i 400 metri in 44”60 dopo il 44”53 di inizio stagione. Kethlin Campbell si è imposta sui 400 metri femminili con 51”03 davanti a Syayyaira Richardson (51”17). Devin Dixon ha migliorato il personale sugli 800 metri con 1’44”76. Ininite Tucker ha vinto i 400 ostacoli in 49”38 precedendo di nove centesimi di secondo Robet Grant.

Janeek Brown ha stabilito la migliore prestazione mondiale dell’anno sui 100 ostacoli femminili con 12”55 correndo più velocemente rispetto alla primatista mondiale Kendra Harrison (12”63 a metà Aprile a Torrance). Secondo posto per Payton Chadwick con 12”70.

La francese Yanis David (campionessa NCAA indoor) ha fatto doppietta vincendo il salto in lungo con 6.65m e il salto triplo con un buon 14.35m. Il talento di Grenada Anderson Peters si è imposto nel lancio del giavellotto con la buona misura di 83.35m.

Nadia Maffo si migliora nel martello nelle finali di conference di Charlotteville

La ventiduenne italiana Nadia Maffo ha stabilito il record personale nel lancio del martello con la misura di 64.53m nelle finali dell’Atlantic Coast Conference di Charlotteville. La studentessa friulana cresciuta nell’Atletica Malignani Libertas Udine in forza al team dei Florida State Seminoles aveva un personale di 62.04m realizzato due anni e si è migliorata al terzo lancio con 62.85m prima di incrementare il suo record con 64.53m.

Il ventitreenne mezzofondista italiano Iliass Aouani, studente di ingegneria alla Syracuse University, ha conquistato il doppio successo sui 10000 metri con 29’01”13 e sui 5000m con 14’00”38. L’atleta cresciuto nell’Atletica Riccardi Milano ha stabilito il record personale su questa distanza con 28’25”36 in questa stagione.

La studentessa universitaria dei Coyotes del South Dakota Helen Falda ha superato 3.93m nel salto con l’asta prima di sbagliare tre tentativi a 4.03m nella Summit League di Macomb. La studentessa piemontese ha migliorato il suo record personale con 4.40m una settimana fa.

Simone Fassina ha conquistato il terzo posto nel decathlon con il nuovo personale di 7390 punti nel Big 12 di Norman in California. Fassina, originario di Vimercate, gareggia per il Team dei Wildcats di Kansas State. Aveva un personale di 7228 a Tucson.

Giulia Sportoletti, altra studentessa lombarda di stanza negli States, ha avvicinato il record personale nell’eptathlon con 5152 punti a Charlotte in North Carolina, dove ha gareggiato con la maglia degli Owls della Rice University.

Samuele Cerro e Tobia Bocchi in luce nella Fase regionale dei Campionati di società Con la prima fase dei Campionati di società é entrata nel vivo la stagione dell’atletica italiana con gare disputate in diciotto sedi in tutta Italia.

I risultati di spicco sono arrivati dai giovani triplisti Samuele Cerro e Tobia Bocchi.

Il finalista europeo under 23 Samuele Cerro ha migliorato di 30 centimetri il record personale nel salto triplo con 16.59m e un secondo miglior salto di 16.33m ad Agropoli, località di mare conosciuta come la Perla del Cilento e sede di una bella edizione dei Campionati Italiani Juniores e Promesse nel 2018.

Nella sede dell’Emilia Romagna a Modena il parmense Tobia Bocchi ha realizzato un buon 16.20m nel salto triplo, a 51 centimetri dal primato personale di 16.71m realizzato lo scorso Febbraio in occasione della sfida con Simone Forte e Fabrizio Donato ai Campionati Italiani Indoor di Ancona. Il figlio d’arte Diego Pettorossi ha eguagliato il personale sui 100 metri con 10”55.

La figlia d’arte e primatista italiana under 23 Sara Fantini ha realizzato la misura di 65.83m nel lancio del martello due mesi dopo aver stabilito il record personale con 69.25 in occasione della Coppa Europa di lanci invernali di Samorin.

La promettente junior Chiara Gherardi ha realizzato i migliori tempi sui 100 metri femminili in 11”77 e sui 200 metri con 24”16 con vento contrario di -0.6 m/s sulla pista del Campo Paolo Rosi di Roma. Eloisa Coiro ha fermato il crono in 54”97 sui 400 metri femminili. Hassane Fofana ha corso i 110 ostacoli in 14”05 con vento contrario di 1.1 m/s. Roberta Bruni ha superato 4.10m nel salto con l’asta in una gara interrotta dalla pioggia.

Paolo Dal Molin è tornato a correre i 110 ostacoli dopo l’infortunio dello scorso anno agli Europei di Berlino correndo in 14”03 con vento contrario di -1.3 m/s a Bolzano. Ottima prova della finalista europea dei 3000 siepi Isabel Mattuzzi, che ha migliorato di 15 secondi il personale sui 5000 metri con 15’53”89.

Buoni riscontri cronometrici sui 100 metri maschili nella sede lombarda di Chiari dove il pluricampione italiano giovanile dei 200 metri Simone Tanzilli ha realizzato il personale sui 100 metri in 10”54 davanti a Mattia Donola (10”58), a Giovanni Galbieri (10”64) e al semifinalista europeo dei 60 ostacoli Lorenzo Perini (10”76 record personale). Tanzilli ha concesso il bis vincendo anche i 200m in 21”42 con vento contrario di -0.5 m/s precedendo di due centesimi di secondo Donola. Il campione del mondo juniores della staffetta 4x400 Andrea Romani si è imposto sui 400 metri con 47”96. Gabriele Acquaro ha vinto un buon 800 metri in 1’48”80 davanti a a Leonardo Cuzzolin (1’49”02) e ad Andrea Romani (1’49”86). Nuovo progresso di Silvia Taini, che ha firmato il personale sui 100 metri ostacoli con 13”61 a Mariano Comense.

Il campione italiano del getto del peso indoor Leonardo Fabbri si è cimentato nel lancio del disco ottenendo la misura di 53.02m ad Arezzo. La figlia d’arte Larissa Iapichino è diventata la terza italiana di sempre sui 100 ostacoli con barriere da 84 cm fermando il cronometro in 13”63 e si è imposta nel salto in lungo con 6.29m avvicinando il record personale di nove centimetri. Luca Antonio Cassano ha fermato il cronometro in 10”51 sui 100 metri. Rachele Mori (nipote del campione mondiale dei 400 ostacoli di Siviglia 1999 Fabrizio Mori) si è messa ancora in luce vincendo il martello con attrezzo da 4 kg con 56.86m.

Sulla pista di Palermo il saltatore in lungo Filippo Randazzo si è migliorato di 27 centesimi di secondo sui 100 metri con 10”52 precedendo con lo stesso tempo Nicholas Artuso, mentre il terzo posto è andato al giovane talento under 18 siracusano Matteo Melluzzo (10”63). Melluzzo ha limato di un centesimo il personale sui 200 metri con 21”87. Randazzo si è imposto nel salto in lungo con 7.72m. Ala Zoghlami ha corso i 3000 siepi in 8’41”50 dopo un mese di allenamenti in Arizona. Il fratello gemello Osama Zoghlami ha migliorato il suo record personale sui 5000 metri con 14’00”55.

Il campione italiano indoor degli 800 metri Simone Barontini ha migliorato il personale sui 400 metri con 47”22. La figlia d’arte Eleonora Vandi si è aggiudicata gli 800 metri femminili in 2’05”86. Il bronzo olimpico giovanile del getto del peso di Buenos Aires 2018 Carmelo Musci ha incrementato il personale di 36 cm con 49.48m. La lettone Lauma Griva ha realizzato 6.39m nel salto in lungo sulla pedana di Agropoli.

Haratyk lancia lontano nel getto del peso

Il campione europeo indoor ed outdoor del getto del peso Michal Haratyk ha stabilito la migliore prestazione europea dell’anno con 21.46m precedendo Jakub Szyszowski (20.77m) e Konrad Bukowiecki (19.99m) a Kjelche in Polonia.

Doppietta cinese nel Challenge iAAF di Taicang

La cinese Qieyang Shenjie ha vinto la 20 km femminile della tappa cinese del World Race Walking Challenge di marcia in 1h28’00” precedendo la campionessa del mondo Wang Jayiu (1h28’16”) e la medaglia d’oro olimpica Liu Hong (1h28’22”). Wang Kaihua ha completato la doppietta cinese vincendo la 20 km maschile in 1h19’48” davanti a Cai Zelin (1h20’13”) e Yin Jaixing (1h20’41”).

Kamworor vince la 10 miglia su strada di Berna

Il due volte campione del mondo di mezza maratona e di corsa campestre Geoffrey Kamworor ha vinto la corsa su strada sulle 10 miglia di Berna in 44’57” battendo di 4 minuti il maratoneta svizzero di origini eritree Abraham Tadesse (49’06”).

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.