L'Inghilterra domina l'Europa: i precedenti in finale tra connazionali

Per la prima volta quattro club inglesi si giocheranno le due coppe internazionali nella stessa stagione. Ma la storia ha già raccontato molte sfide decisive tra conterranei.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Liverpool, Tottenham, Chelsea e Arsenal. Insomma, una Brexit al contrario. La stagione europea 2018/19 verrà ricordata come quella delle squadre inglesi: il dominio delle rappresentanti di oltremanica è stato tanto schiacciante quanto inaspettato, perché non solo l'approdo di quattro squadre in finale di Champions League ed Europa League ha riportato in auge il mito del calcio inglese, ma nella serata di giovedì è avvenuto anche una sorta di passaggio di consegne con la Spagna. Era infatti dalla stagione 2012/13 che le finali continentali vedevano impegnato almeno un club della Liga: l'ultimo di quest'anno, il Valencia, è stato spazzato via dall'Arsenal.

Ovviamente il grande traguardo raggiunto rappresenta anche un record storico: nella storia del calcio europeo non era mai successo che nelle due rispettive finali approdassero quattro squadre dello stesso paese, un avvenimento che finirà dritto dritto negli annali del calcio. Ma non solo, perché se in Europa League c'è un precedente (per quanto datato) tra club inglesi, in Champions League si è dovuto aspettare il 2008 per vedere due compagini britanniche sfidarsi per il trofeo più importante del mondo.

È successo a Mosca, allo stadio Luzhniki, dove il Manchester United ai tempi aveva avuto la meglio sul Chelsea ai calci di rigore, in una partita diventata tristemente famosa per l'errore decisivo di John Terry, allora capitano dei Blues. Risale invece al 1972 la sfida tra Tottenham e Wolverhampton, in campo per la prima finale assoluta dell'allora Coppa UEFA. A quei tempi l'ultima partita del torneo si giocava ancora in sfide di andata e ritorno, così - dopo la vittoria degli Spurs per 2-1 al Molineux - la compagine londinese ha festeggiato il titolo a Wembley pareggiando 1-1.

Tifosi del Manchester United festeggiano la Champions League
Un gruppo di tifosi del Manchester United festeggiano la vittoria della Champions League 2007/08, arrivata in quel di Mosca ai calci di rigore contro il Chelsea

Champions League, finali tra connazionali: spiccano i derby di Madrid

Per vedere due squadre dello stesso paese scontrarsi in finale di Champions League si è dovuto attendere fino alla stagione 1999/2000, quando allo Stade de France di Parigi - appena tirato a lucido per il Mondiale conclusosi l'anno prima - il Real Madrid ha travolto 3-0 il Valencia di Hector Cuper grazie alle reti di Fernando Morientes, Steve McManaman e Raul. Otto anni dopo sono state Manchester United e Chelsea a incrociare le spade, in quella che fino a pochi giorni fa era stato l'unico atto decisivo tra inglesi in questa manifestazione.

Poi è arrivato il momento di Milan - Juventus, probabilmente la finale che più ci ha toccati da vicino: correva l'anno 2003 quando i bianconeri, da favoriti assoluti dopo aver eliminato il Real Madrid in semifinale, hanno perso ai calci di rigore la finale contro il Milan dopo uno 0-0 decisamente bloccato e noioso. Segnata dall'assenza di Pavel Nedved per squalifica, la partita è stata decisa dalla realizzazione decisiva di Andrij Shevchenko.

Nel 2013 è toccato a Bayern Monaco e Borussia Dortmund giocarsi il titolo all'ultima gara: in quel di Wembley, tornato per l'occasione teatro della finale, i bavaresi hanno spazzato via le poche resistenze giallonere vincendo solo 2-1, ma dominando per lunghi tratti una contesa decisa da Mandzukic e Robben. Per il BVB, allenato da Jurgen Klopp, la serata era cominciata male a causa della diatriba legata all'annuncio del passaggio ai rivali di Lewandowski, allora centravanti del club della Ruhr, poche ore prima del fischio di inizio.

Più recentemente, Real Madrid e Atletico Madrid si sono giocate la Champions League in ben due occasioni, con i Colchoneros decisamente sfortunati in entrambe le sfide. Il 4-1 di Lisbona è probabilmente il risultato più bugiardo degli ultimi tempi, con il gol segnato al 93esimo da Sergio Ramos utile a impattare l'iniziale vantaggio di Godin. Poi, ai supplementari, sono arrivate le reti di Bale, Marcelo e Cristiano Ronaldo. Due anni più tardi è toccato alla lotteria dei rigori dichiarare la vincitrice della coppa, dopo un 1-1 maturato nei primi 120 minuti di gioco grazie alle segnature del solito Ramos e di Carrasco.

Europa League, otto finali tra connazionali: comanda l'Italia

Chelsea - Arsenal sarà la decima finale di Europa League tra squadre dello stesso paese. A comandare questa speciale classifica troviamo sorprendentemente l'Italia, che guida con ben quattro precedenti. Tutti, va detto, arrivati quando ancora questa manifestazione si chiamava Coppa UEFA: nel 1995 a sollevare il trofeo al cielo di San Siro è stato il Parma di Nevio Scala, che con un pareggio (1-1) è riuscito a mantenere il piccolo vantaggio maturato al Tardini sulla favorita Juventus. Qualche anno dopo invece è stato il turno dell'Inter e del 3-0 alla Lazio, una finale nella quale la scena se l'è presa un "certo" Ronaldo, autore di uno dei gol più belli mai segnati in questa competizione.

Gli altri due precedenti risalgono invece all'inizio degli anni '90. Nel 1990 la Juventus ha conquistato la sua prima Coppa UEFA battendo nella doppia finale la Fiorentina: dopo aver vinto 3-1 a Torino, l'allora squadra allenata da Giovanni Trapattoni è andata a pareggiare per 0-0 a Firenze, alzando un trofeo che poi riabbraccerà solo due anni dopo. In mezzo è arrivato anche il successo dell'Inter sulla Roma: decisivo il 2-0 di San Siro, seguito dall'inutile 1-0 per i giallorossi maturato all'Olimpico.

E le altre? Della prima edizione si è già parlato e, la cosa curiosa, è che il Tottenham al momento è l'unica squadra ad aver giocato una finale di Champions League e una di Europa League contro rispettive connazionali, mentre i tedeschi si sono scontrati tra di loro solo nel lontano 1980, quando l'Eintracht ha avuto la meglio nella doppia partita contro il Borussia Moenchengladbach. Più recenti i precedenti spagnoli, che risalgono al 2007 e al 2012: nel primo caso a vincere è stato il Siviglia, che ha avuto la meglio ai rigori sull'Espanyol, nel secondo l'Atletico Madrid di Quique Sanchez Flores (3-0 all'Athletic di Bielsa). Nel 2011, infine, il Porto ha battuto 1-0 il Braga grazie al gol di Falcao. 

Champions League - I precedenti

  • 1999/00 Real Madrid 3-0 Valencia
  • 2002/03 Juventus 0-0 (2-3 dcr) Milan
  • 2007/08 Manchester United 1-1 (6-5 dcr) Chelsea
  • 2012/13 Bayern Monaco 2-1 Borussia Dortmund
  • 2013/14 Real Madrid 4-1 (dts) Atletico Madrid
  • 2015/16 Real Madrid 1-1 (5-3 dcr) Atletico Madrid
  • 2018/19 Liverpool - Tottenham

Europa League - I precedenti

  • 1971/72 Tottenham 2-1/1-1 Wolverhampton
  • 1979/80 Eintracht 2-3/1-0 Borussia-MG
  • 1989/90 Juventus 3-1/0-0 Fiorentina
  • 1990/91 Inter 2-0/0-1 Roma
  • 1994/95 Parma 1-0/1-1 Juventus
  • 1997/98 Inter 3-0 Lazio
  • 2006/07 Siviglia 2-2 (3-1 dcr) Espanyol
  • 2010/11 Porto 1-0 Braga
  • 2011/12 Atletico Madrid 3-0 Athletic Bilbao

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.