Mattia Pasini, da protagonista vincente a riserva di lusso in Moto2

L'esperto ed ancora veloce Pasini non ha un contratto da titolare nella classe Moto2, ma interpreta bene il ruolo di sostituto dei piloti infortunati, andando ancora forte.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Appiedato a sine 2018, Mattia Pasini non voleva accettare di smettere. A ben vedute ragioni: due vittorie ed altrettanti podi, più gare da protagonista per lui in Moto2. Il ruolo di commentatre tecnico gli stava stretto. Non potendo portare in dote budget sostanziosi, i team hanno preferito i corridori con la valigia. Lui stesso aveva denunciato questo aspetto del motosport, non nuovo a situazioni del genere.

Il bello è arrivato dopo. Convocato in fretta e furia, Mattia parte per Austin. In Texas c'era la Kalex del team Pons ad aspettarlo. Il titolare Fernandez si era infortunato e Sito ha pensato a Pasini per la sostituzione. Ebbene, malgrado il romagnolo non avesse mai provato la Kalex motorizzata Triumph, ha quasi centrato il colpaccio. Senza allenamento, il numero 54 sfiora il podio e batte rivali giovani e meglio rodati.

Meno bene è andata a Jerez, dove Pasini non ha terminato il Gran Premio. La KTM lasciata libera dall'acciaccato Jake Dixon non faceva per lui. Decisamente rammaricato, il trentatreenne di Rimini sapeva di poter fare meglio, molto meglio. Mentre stirava la camicia da indossare di fronte alla tv, una telefonata lo interrompe. A sorpresa, pure stavolta, arriva la terza chiamata. Un'altra Kalex sarà affidata a Mattia. Nel prossimo appuntamento fissato in Francia, il team Petronas schiererà Pasini. A Le Mans vedremo indossargli l'ennesima tuta diversa in cinque tappe della Moto2.

Pasini correrà a Le Mans il Gran Premio di Francia Moto2
Pasini a centro gruppo nel Gran Premio di Jerez della Moto2

Moto2, Pasini: "Se fossi titolare mi giocherei il titolo"

Per un pilota esperto ed ancora veloce è difficile rimanere fermo a guardare i colleghi correre. Pasini ha iniziato l'avventura nel Motomondiale 15 anni fa, nel 2004. Sommando le migliori performance ottenute da Mattia, contiamo 12 vittorie, 30 podi, 19 pole position e sei giri veloci. Mica male per un pilota che non ha mai pagato per esserci. Okay, anche lui è sostenuto da qualche sponsor personale che lo aiuta, ma non pensiate ai fiumi di euro elargito da altri "professionisti", tuttora titolari. Senza fare nomi.

Non mi piace correre pensando che un collega sia infortunato, ma non mi tiro indietro. Io so cosa voglia dire non poter partecipare ad una gara, non è bello, però voglio sfruttare al meglio questa occasione. Sarò con il team Petronas, una squadra dalle capacità notevoli, con grosse competenze tecniche. Mi impegnerò al massimo per onorare la loro chiamata

Pasini ha provato la Kalex Petronas nel test spagnolo, a seguito della gara di domenica scorsa. Gli è piaciuta la moto, gli sono piaciuti i componenti dello staff. Da qui a Le Mans il pilota italiano avrà il tempo necessario per allenarsi, perché in Francia Mattia non farà la semplice comparsa. Il suo obiettivo è finire  più avanti possibile, ma non solo. Lui punta ad una riconferma, sapendo che nel Motomondiale tutto è possibile.

Correre a chiamata non è il meglio che io possa desiderare, però mi adeguo. Per ora. A Le Mans voglio essere competitivo, credo che se mi trovassi in lotta con Baldassarri, proverei a superare Lorenzo. Io credo che se fossi titolare, con una buona moto mi giocherei il titolo mondiale

Come avete potuto leggere, Pasini è carico e convinto. Giusto così, un pilota deve esserlo, sempre. Anche se non munge denaro, lui va sempre forte in tutte gli appelli in cui è chiamato a presenziare. La pensione per lui è ancora lontana, il ruolo di commentatore tv può aspettare. Sapere di essere più veloce di avversari che batte regolarmente nella Moto2 infastidisce Mattia ed infastidirebbe - crediamo - chiunque.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.