Garin supera Berrettini nella finale di Monaco di Baviera

Christian Garin batte Matteo Berrettini nella finale del torneo ATP di Monaco di Baviera. Stefanos Tsitsipas si impone su Pablo Cuevas nella finale di Estoril.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Il ventiduenne cileno Christian Garin ha vinto la finale del torneo BMW Open di Monaco di Baviera battendo l’azzurro Matteo Berrettini in tre set per 6-1 3-6 7-6 (7-1) in una giornata molto fredda nella quale è comparso qualche fiocco di neve come era già successo nelle edizioni più recenti del torneo bavarese. Il numeroso pubblico presente indossava vestiti pesanti e cappellini di lana che ricordavano una gara di sci alpino piuttosto che un torneo di tennis.

Garin ha bissato il successo di un mese fa a Houston diventando il quarto giocatore in grado di aggiudicarsi due titoli in questa stagione dopo Roger Federer (Dubai e Miami), Dominic Thiem (Indian Wells e Barcellona) e Stefanos Tsitsipas (Marsiglia e Estoril).

Garin ha preso break di vantaggio nel quarto e nel sesto game e ha concluso i primo set per 6-1 al quarto set point. La partita è cambiata nel secondo set dove Berrettini ha conquistato il break nell’ottavo game.

Nel terzo set i due giocatori hanno tenuto il servizio fino all’ottavo game, dove Garin ha sfruttato la prima delle due palle break con un dritto vincente. Berrettini ha reagito conquistando il controbreak immediato con una volée. Il terzo set si è deciso al tie-break dove Garin ha portato a casa la partita per 7-1 al primo match point.

Il giovane sudamericano ha vinto 19 match sulla terra battuta e ne ha perse solo cinque. Davvero un bilancio eccellente se si pensa che solo un anno fa era fuori dai primi 200 del ranking ATP e ora ha scalato la classifica arrivando fino alla trentatreesima posizione. Garin è il secondo cileno a vincere nel torneo della città bavarese dopo Fernando Gonzales, che si impose su un altro italiano Simone Bolelli nel 2008.

Garin ha raggiunto la terza finale a livello ATP Tour della sua carriera dopo quelle di San Paolo del Brasile e di Houston dove si impose sul Next Gen norvegese Casper Ruud. Nella settimana del torneo di Monaco di Baviera il cileno ha battuto il giovane fuoriclasse tedesco Alexander Zverev dopo aver salvato due match point.

Il cileno Christian Garin ha vinto la sua semifinale battendo l’altro italiano Marco Cecchinato per 6-2 6-4 al termine di un match interrotto due volte dalla pioggia. Cecchinato è andato sotto per 1-3 nel secondo set dopo aver subito un break nel primo game ma è riuscito a rimanere in partita portandosi sul 3-4 con il servizio prima dell’interruzione per pioggia. Garin ha servito sul 5-4 per andare in finale aggiudicandosi due match point. Cecchinato li ha salvati entrambi ma si è dovuto arrendere al terzo match point.

Garin è allenato dal coach Andrès Schneiter, che in passato aveva già seguito grandi tennisti sudamericani come Nicolas Massu, Fabio Squillari, Marian Puerta (finalista al Roland Garros 2005) e Agustin Calleri.

Berrettini ha perso la prima finale della sua carriera dopo le vittorie nei tornei di Gstaad nel Luglio 2018 e di Budapest settimana scorsa ma può consolarsi con il trentunesimo posto in classifica (suo best ranking). Nella semifinale disputata poche ore prima a causa della pioggia caduta su Monaco nella giornata di Domenica Berrettini aveva superato il forte giocatore spagnolo Roberto Bautista Agut in due set con il punteggio di 6-2 6-4.

Nei turni precedenti del torneo di Monaco di Baviera Berrettini ha dimostrato una condizione di forma eccellente vincendo il suo quarto di finale con il tedesco Phillip Kohlschreiber per 4-6 6-4 6-0. Per il giovane italiano si tratta di una vittoria prestigiosa contro il tennista di Augsburg, che in passato aveva vinto tre edizioni del torneo bavarese.

Torneo di Estoril: Tsitsipas vince il quarto titolo della sua carriera e il primo sulla terra battuta

Il Next Gen greco Stefanos Tsitsipas ha vinto la finale del torneo ATP 250 di Estoril in Portogallo battendo il lucky loser uruguaiano Pablo Cuevas per 6-3 7-6 (7-4).

Tsitsipas ha vinto il quarto titolo della sua carriera dopo Stoccolma, le Next Gen ATP Finals di Milano nel 2018 e Marsiglia nel 2019 sempre su campi indoor. Il trionfo di Estoril è il primo sulla terra battuta dopo la sconfitta nella finale di Barcellona contro Rafa Nadal nel 2018.

Tsitsipas ha conquistato il primo set per 6-3 con un solo break nel quarto game. Il figlio del coach Apostolos Tsitsipas ha realizzato subito un break all’inizio del secondo set involandosi verso un vantaggio di 4-2. Cuevas ha avuto il merito di non mollare e ha conquistato tre palle break consecutivo nell’ottavo game. L’uruguaiano ha sfruttato la prima delle tre palle del controbreak. Tsitsipas ha subito il contraccolpo concedendo il set point a Cuevas dopo aver mancato due palle del 5-5. Tsitsipas ha annullato il set point conquistando il tie-break. Il giovane greco ha preso il largo involandosi sul 6-1 prima di concludere la partita al terzo match point dopo 1 ora e 45 minuti di gioco.

Stefanos Tsitsipas:

Ho dovuto combattere duramente e dare l’anima in campo. Questo titolo significa molto per me perché è il primo sulla terra battuta, una delle mie superfici preferite. E’ bello aver completato la collezione di vittorie sulla terra battuta e sul cemento. Ora mi manca solo una vittoria sull’erba

Il tennista ateniese si è qualificato per la finale battendo in rimonta il belga David Goffin per 3-6 6-4 6-4 dopo 2 ore e 18 minuti di gioco. Cuevas ha centrato l’ingresso in finale battendo il diciannovenne Next Gen spagnolo di madre russa e di padre svedese Alejandro Fokina rimontando un set di vantaggio con il punteggio di 3-6 6-3 6-2. Il sudamericano ha disputato la prima finale dal Marzo 2017. Con la finale raggiunta in Portogallo Cuevas scalerà sedici posizioni ritornando nella top 50.

Fokina, campione del torneo di Wimbledon Juniores nel 2017, ha messo a segno la più grande sorpresa del torneo portoghese battendo nell’ordine Taylor Fritz, Jeremy Chardy prima di vincere un combattuto quarto di finale con Gael Monfils (vincitore del torneo di Rotterdam 2019) con il punteggio di 6-7 (2-7) 7-5 6-4. Fokina, tennista nato nel Giugno 1999 a La Cala del Moral a 15 km da Malaga in Andalusia, è entrato nei primi 150 giocatori del mondo grazie alla semifinale raggiunta ad Estoril.

Sinner in finale al Challenger di Ostrava

Continua la grande stagione del diciassettenne altoatesino Jannick Sinner, che ha conquistato la seconda finale in un torneo ATP Challenger a Ostrava vincendo la semifinale contro Steven Diez per 6-4 4-6 6-2. Nella finale il tennista originario di Sesto Pusteria ha perso per 6-1 6-0 dal polacco Kamil Majchrzak dopo 64 minuti di gioco. Sinner ha giocato la seconda finale in un ATP Challenger dopo l’affermazione al torneo di Bergamo dello scorso Febbraio. Con la vittoria in semifinale il tennista allenato da Andrea Volpini ha ottenuto il ventiquattresimo successo su 28 match disputati ed è salito di 36 posizioni nel ranking ATP arrivando fino al 262° posto. Sinner è diventato il l’italiano under 18 con la migliore classifica ATP della storia. Settimana scorsa ha vinto il primo match della sua carriera nel circuito ATP Tour a Budapest prima di venire battuto dal serbo Laslo Djere nel secondo turno.

Torneo di Madrid

E’ scattato nell’impianto della Caja Magica il torneo combined di Madrid, doppio appuntamento con il Masters 1000 maschile e il WTA Premier Mandatory femminile. Madrid precede di una settimana gli Internazionali BNL d’Italia al Foro Italico di Roma.

Auger Aliassime batte Shapovalov nel derby canadese

Le prime partite del Madrid Mutua Open disputate Domenica hanno fatto registrare il successo di Felix Auger Aliassime sul connazionale Denis Shapovalov nel derby dei Next Gen canadesi con il punteggio di 6-2 7-6 (9-7). Auger Aliassime ha trasformato tre delle nove palle break a sua disposizione e ha concluso la partita al quarto match point. Nell’altro incontro di primo turno il tedesco Jan Lennard Struff ha superato l’australiano Nick Kyrgios per 7-6 (7-4) 6-4 e affronterà il vincente tra Marin Cilic e Martin Klizan.

Federer torna a giocare sulla terra battuta

Il torneo madrileno segnerà il grande ritorno di Roger Federer in un torneo sulla terra battuta a tre anni di distanza dall’ultima partita disputata su questa superficie dagli Internazionali d’Italia di Roma del 2016. Il fuoriclasse elvetico, tre volte vincitore al Madrid Mutua Open e campione dell’ultimo Masters 1000 disputato a Miami, debutterà nel secondo turno contro il vincitore del match tra il francese Richard Gasquet e il Next Gen spagnolo Alejandro Davidovich Fokina. Nei successivi turni Federer potrebbe incrociare Gael Monfils, David Goffin oppure Andreas Seppi al terzo turno e Dominic Thiem nei quarti di finale nella possibile rivincita della finale di Indian Wells dello scorso Marzo vinta dall’austriaco per 3-6 6-3 7-5. Thiem ha vinto il suo secondo torneo stagionale a Barcellona. Possibile l’incrocio tra Federer e Novak Djokovic in semifinale. Il serbo insegue il primo successo in un torneo sulla terra battuta dal Roland Garros 2016.

Nella stessa parte di tabellone di Federer e Thiem è presente anche il neo vincitore del torneo di Montecarlo Fabio Fognini, che debutta contro il britannico Kyle Edmund. Negli altri incontri di primo turno che riguardano i giocatori italiani Andreas Seppi affronterà Gael Monfils, mentre Marco Cecchinato debutterà contro l’argentino Diego Schwartzman. Cecchinato potrebbe incontrare Novak Djokovic negli ottavi di finale in una possibile rivincita della semifinale del Roland Garros 2018.

Il cinque volte vincitore del torneo di Madrid Rafael Nadal ha partecipato alla cerimonia del sorteggio del torneo di Madrid al famoso Museo del Prado. Il maiorchino inizierà il suo torneo direttamente al secondo turno affrontando Auger Aliassime. Se supererà l’ostacolo canadese Nadal potrebbe affrontare il georgiano Nikoloz Basilashvili nel terzo turno, Kei Nishikori o Danil Medvedev nei quarti di finale, il campione in carica di Madrid Alexander Zverev o Stefanos Tsitsipas in semifinale.

Tabellone femminile: passano il turno Osaka e Svitolina, fuori Muguruza

Il tabellone femminile vedrà al via 19 delle prime 20 giocatrici del Ranking WTA comprese la numero 1 del mondo Naomi Osaka, la campionessa uscente Petra Kvitova, la campionessa del Roland Garros 2018 Simona Halep, Angelique Kerber e la vincitrice degli Internazionali d’Italia 2017 e 2018 Elina Svitolina.

Nella giornata inaugurale la campionessa degli Australian Open 2019 Naomi Osaka ha vinto la prima partita della sua carriera a Madrid battendo la vincitrice delle WTA Finals 2016 Dominika Cibulkova per 6-2 7-6 (8-6). La nipponica ha dovuto recuperare un break di svantaggio nel second set. Nel prossimo turno Osaka affronterà la spagnola Sara Sorribes Tormo.

La due volte vincitrice del torneo di Madrid Simona Halep ha vinto agevolmente per 6-0 6-4 sulla russa Margaryta Gasparyan. La romena ha incontrato qualche difficoltà solo nel nono game del secondo set quando ha sprecato un match point.

La prima grande sorpresa della prima giornata è arrivata dalla croata Petra Martic che ha battuto la due volte campionessa Slam Garbine Muguruza per 7-5 7-6 (7-2). Muguruza non ha sfruttato tre set point nel primo set e si è fatta recuperare un break di vantaggio nel secondo parziale. Non meno sorprendente la sconfitta della vincitrice delle ultime due edizioni del torneo di Roma Elina Svitolina contro la francese Pauline Parmentier con il punteggio di 6-4 7-6 (8-6).

Karolina Pliskova ha dovuto recuperare un set di svantaggio contro la giovane ucraina Dayana Yastremska prima di aggiudicarsi un match sofferto per 5-7 7-6 (7-5) 6-3 dopo 2 ore e 20 minuti. Tutto facile per la tedesca Angelique Kerber, che si è imposta per 6-3 6-3 su Lesla Tsurenko. La vincitrice del torneo di Dubai Belinda Bencic ha superato la belga Allison an Uytvanck per 6-4 6-3. La campionessa degli US Open 2017 Sloane Stephens ha avuto la meglio su Polona Hercog 6-2 7-6 (7-4).  

Maria Sakkari vince il primo torneo della carriera a Rabat

La giovane tennista greca Maria Sakkari ha battuto la britannica Johanna Konta con il punteggio di 2-6 6-4 6-1 nella finale del torneo marocchino di Rabat aggiudicandosi il primo torneo WTA della sua carriera. Durante il torneo WTA International (l’unico ad essere disputato su suolo africano) la figlia d’arte dell’ex tennista greca Angeliki Kanellopoulou ha eliminato la semifinalista dell’Australian Open 2018 e campionessa uscente del torneo di Rabat Elise Mertens e l’altra belga Allison Van Uytvanck (vincitrice del torneo di Budapest 2019) senza mai perdere un set. Prima di Rabat l’ellenica aveva raggiunto una sola finale a San José l’anno scorso.

Grazie a questo trionfo Sakkari è diventata la seconda tennista greca della storia a vincere un torneo del WTA Tour dopo Lena Danililidou nel 2008.

Johanna Konta è andata in vantaggio di un set e ha realizzato un nuovo break nel quinto game del secondo set portandosi in testa per 4-2. Il match è cambiato completamente e Sakkari ha rimontato aggiudicandosi il secondo set per 6-4 grazie a due break consecutivi prima di dominare il terzo set con cinque game vinti di fila.

Konta, nata a Sydney da genitori di origini ungheresi ma diventata britannica nel 2012, ha raggiunto la prima finale sulla terra battuta della sua carriera dopo aver sconfitto nei turni precedenti la cinese Wang Yafan, la romena Ana Bogdan e la forte giocatrice di Taipei Hsieh Su Wei sempre in tre set e l’australiana Alja Tomljanovic in semifinale in due set.

Torneo WTA di Praga: Teichman a sorpresa

La tennista svizzera Jil Teichmann (numero 146) ha vinto il primo torneo WTA della sua carriera battendo la giocatrice di casa Karolina Muchova per 7-6 (7-5) 3-6 6-4 dopo 2 ore e 44 minuti sulla terra battuta di Praga. Teichman aveva dovuto superare il turno di qualificazione prima di battere due giocatrici molto quotate come Svetlana Kuznetsova e Barbora Strycova nel main draw. Grazie a questa affermazione Teichmann è entrata per la prima volta in carriera nella top 100 del Ranking WTA.

Teichmann ha conquistato tre set point in risposta sul punteggio di 6-5 in suo favore, ma Muchova li ha salvati portando il primo set al tie-break. Teichmann si è aggiudicata il tie-break per 7-5 ma Muchova ha reagito portando a casa il secondo set per 6-4 grazie ad un break nel sesto game. La ceca è andata in vantaggio di un break per due volte nel corso del terzo e decisivo set ma Teichmann è riuscita ad ottenere il controbreak in entrambe le occasioni prima di acciuffare la vittoria con un terzo break nel decimo game fissando il punteggio finale sul 6-4.

Jil Teichmann si è rivolta emozionata al padre in tribuna nel discorso durante la cerimonia di premiazione.

Jil Teichmann:

Sono senza parole. Ho combattuto fino alla fine. E’ stata una grande battaglia e provo una sensazione di sollievo. Sono esausta ma Karolina ha giocato una grande partita. Alla fine una delle due giocatrici doveva vincere

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.