MotoGP, test Jerez: soddisfazione Quartararo, Dovi 11°, Rossi 17°

Quartararo il più veloce nei test IRTA a Jerez. Poche novità in casa Ducati, Yamaha lavora sull'elettronica, Honda su un nuovo telaio in carbonio. Out Iannone dopo 2 giri.

3 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

La classe MotoGP è tornata in pista per una giornata di test IRTA a Jerez de la Frontera all'indomani della gara. Diverse le novità testate dai team sia in ottica 2020 che per il proseguimento del campionato. Suzuki ha seguito la 'moda' generale montando uno spoiler al posteriore in stile Ducati con l'obiettivo di raffreddare la gomma, ma Alex Rins ha potuto effettuare solo due giri prima che il deflettore si danneggiasse nella parte centrale dopo un contatto con l'asfalto. Probabilmente lo spagnolo è andato lungo sulla ghiaia erompendo il profilo più grande dei tre elementi che lo compongono.

Grandi novità anche in casa Honda. Marc Marquez ha fatto qualche giro con la RC213V con cui ha vinto la gara di ieri, prima di tornare ai box e saltare sul prototipo utilizzato ieri dal collaudatore tedesco Stefan Bradl. Si tratta di una moto-laboratorio dotata di un telaio in alluminio rivestito con una maggior quantità di fibra di carbonio. L'obiettivo dovrebbe essere quello di alleggerire la struttura e renderla più flessibile, ma si tratta di una soluzione da impiegare nella prossima stagione MotoGP. Caduta di Jorge Lorenzo in curva 6, ma fortunatamente nessuna conseguenza per il pilota e la moto. Il pentacampione ha lavorato soprattutto su nuove scelte ergonomiche per migliorare il feeling con l'anteriore.

Prove di elettronica nel box Yamaha, al fine di ottimizzare l'erogazione del gas sulle M1 di Valentino Rossi e Maverick Vinales. Il Dottore, sceso in pista dopo due ore dal via, ha lavorato molto con gomme usate e questo spiegherebbe i suoi tempi piuttosto alti. Poche novità in casa Ducati, con Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci che hanno testato un assetto estremo per la Desmosedici GP19 da utilizzare eventualmente in certe occasioni. Aprilia ha lavorato sull'elettronica e la distribuzione dei pesi con Aleix Espargarò. Andrea Iannone ha provato a girare dopo l'incidente rimediato nelle FP4 di sabato, ma dopo due giri il dolore lo ha costretto a tornare ai box. Fra gli aggiornamenti al vaglio di KTM un forcellone con inserti in carbonio.

Valentino Rossi in sella alla Yamaha M1
Valentino Rossi a Jerez

MotoGP, Test Jerez: tempi e classifica finale

La giornata di Test MotoGP a Jerez si chiude con Fabio Quartararo al comando in 1'36"379, prendendosi un'altra bella soddisfazione dopo il guasto tecnico che lo ha costretto ad abbandonare la gara. Alle sue spalle Cal Crutchlow e l'altra Yamaha satellite di Franco Morbidelli. 4° Pol Espargarò a 735 millesimi, davanti a Maverick Vinales e Joan Mir. 7° Marc Marquez, 8° Alex Rins, mentre a chiudere la top-10 le Honda di Jorge Lorenzo e Takaaki Nakagami. Fuori dalla top-1' Andrea Dovizioso, mentre Valentino Rossi lascia il circuito andaluso in 17esima piazza.

  1. Quartararo, Yamaha, 1'36"379
  2. Crutchlow, Honda, 1:36,797, + 0,418 sec
  3. Morbidelli, Yamaha, 1:37,093, + 0,714
  4. Pol Espargaró, KTM, 1:37,114, + 0,735
  5. Viñales, Yamaha, 1:37,226, + 0,847
  6. Mir, Suzuki, 1:37,233, + 0,854
  7. Márquez, Honda, 1:37,260, + 0,881
  8. Rins, Suzuki, 1:37,275, + 0,896
  9. Lorenzo, Honda, 1:37,466, + 1,087
  10. Nakagami, Honda, 1.37,468, + 1,089
  11. Dovizioso, Ducati, 1:37,601, + 1,222
  12. 1Bagnaia, Ducati, 1:37,698, + 1,319
  13. Miller, Ducati, 1:37,701, + 1,322
  14. Petrucci, Ducati, 1:37,720, + 1,341
  15. Aleix Espargaró, Aprilia, 1:37,758, + 1,379
  16. Zarco, KTM, 1:37,895, + 1,516
  17. Rossi, Yamaha, 1:38,056, + 1,677
  18. Rabat, Ducati, 1:38,061, + 1,682
  19. Abraham, Ducati, 1:38,075, + 1,696
  20. Smith, Aprilia, 1:38,077, + 1,698
  21. Oliveira, KTM, 1:38,649, + 2,270
  22. Syahrin, KTM, 1:39,053, + 2,674
  23. Guintoli, Suzuki, 1:39,637, + 3,258

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.