Juventus, senti Pjanic: "Voglio la Champions. PSG? Tutto è possibile"

Il centrocampista bianconero ha parlato con l'emittente Canal+, aprendo a un suo possibile trasferimento in Francia nella prossima stagione.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Miralem Pjanic lascia la Juventus? La voce si sta rincorrendo ormai da diverse settimane e non sarebbe del tutto infondata. Che la società bianconera voglia cambiare un bel po' di volti in vista della prossima stagione non è certo un mistero, soprattutto se in panchina dovesse rimanere Massimiliano Allegri. Il tecnico, di recente, ha fatto sapere che, qualora dovesse fermarsi ancora un anno a Torino, chiederà alla dirigenza di avere a disposizione almeno 7 o 8 nuovi calciatori. Il che, tradotto in soldoni, significa che ci saranno anche delle uscite importanti.

Fare cassa sarà fondamentale, ed ecco che da questo punto di vista la possibile cessione del centrocampista bosniaco verrebbe considerata come tale. A 29 anni Pjanic potrebbe decidere di rimettersi in discussione in un altro contesto, nuovo e sconosciuto ma ugualmente vincente. Il PSG sembra rispondere esattamente all'identikit di cui sopra: in Francia l'ex romanista troverebbe un ambiente molto simile a quello bianconero, una squadra schiacciasassi tra le mura amiche (quest'anno è arrivata la sesta Ligue 1 negli ultimi 7 anni) che però sta cercando di emergere in maniera definitiva anche in campo internazionale.

La Champions League è una vera ossessione, un obiettivo che anche il prossimo anno la compagine parigina cercherà di vincere. Per farlo serve gente di esperienza, abituata a giocare un certo tipo di partite. In tal senso Pjanic rappresenterebbe un profilo di primissimo piano, perché se è vero che la coppa dalle grandi orecchie non l'ha mai alzata, è altrettanto giusto rimarcare come con la Juventus abbia messo in fila tre stagioni assolutamente positive. Il primo anno addirittura fu finale, poi persa contro il Real Madrid.

Miralem Pjanic parla con un arbitro
Miralem Pjanic si allontana dalla Juventus e ammicca al PSG: come dichiarato a Canal+, il bosniaco sarebbe tentato di volare in Francia per tentare di vincere la Champions League con la compagine parigina

Pjanic a Canal+: "PSG? Se chiama, si ascolta attentamente cos'ha da dire"

Arrivati a questo punto l'addio alla società torinese non sarebbe più un'ipotesi troppo campata in aria. Pjanic potrebbe lasciare la Juventus durante la prossima sessione di mercato, quando la dirigenza bianconera interverrà massicciamente sul reparto di centrocampo. A rivelarlo è lui stesso a Canal+, una delle emittenti sportive storiche d'oltralpe. Il bosniaco ha parlato della sua situazione attuale e degli obiettivi futuri, che potrebbero non collimare con quelli della società che attualmente ne detiene il cartellino:

Sono in Italia da 8 anni: è normale che stia pensando di cambiare, anche se per farlo dobbiamo essere tutti d'accordo. Il calcio è così, non si può mai sapere cosa succederà. Ora andrò in vacanza e al mio rientro faremo delle valutazioni.

Parole importanti, che non escludono affatto un addio alla Juventus da qui a pochi mesi. Ed è qui che entra in gioco il PSG, che potrebbe garantire al calciatore un contratto importante e uno stipendio decisamente più alto riguardo a quello percepito in bianconero. La società francese è alla ricerca di almeno un centrocampista di spessore, dopo aver dato la caccia al napoletano Allan a gennaio e dando per scontato che perderà Adrien Rabiot:

Il PSG è uno degli otto club più importanti in Europa e ha ambizione di vincere la Champions. Tutti vorrebbero andarci perché ci sono un grande progetto e grandi calciatori. È una realtà rispettata, quindi se arriva la chiamata si rimane in ascolto.

A Parigi Pjanic riabbraccerebbe anche un suo vecchio compagno di battaglie come Gianluigi Buffon, che stando alle ultime indiscrezioni dovrebbe rinnovare il suo vincolo con i parigini per un'ulteriore stagione. I due si conoscono e si stimano, quindi non è da escludere che la dirigenza francese abbia chiesto una parere al portiere prima di avvicinarsi al bosniaco. I messaggi sono chiari: le basi per parlarne sembrano esserci, ora non resta che fissare l'incontro.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.