Roma, Ranieri: "La Lazio si scanserà con l'Atalanta? Io sono leale"

Le parole del tecnico giallorosso in conferenza stampa a due giorni dalla sfida col Genoa.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Due giorni a Genoa-Roma, match valido per la 35esima giornata di Serie A. In conferenza stampa ha parlato Claudio Ranieri, a cui - tra le tante domande - è stata fatta una domanda quantomeno particolare.

Al tecnico dei giallorossi è stato infatti chiesto se teme che la Lazio possa "scansarsi" contro l'Atalanta per favorire i bergamaschi nella corsa Champions, come se i biancocelesti non fossero in corsa per nessun obiettivo. 

Nel 2010 andò così - ha detto Ranieri ricordando quanto successo in un Lazio-Inter di nove anni fa, quando i tifosi biancocelesti invitarono i loro giocatori a "scansarsi" per danneggiare la Roma nella lotta Scudetto - ma io devo pensare a giocare. Ora non so, ci pensi la Lega. Io sono sempre stato leale e questo per me è importante

Poi si è focalizzato sulla partita col Genoa: 

Mi aspetto una partita difficile. Il Genoa ha vinto contro Lazio, Atalanta e Juventus. Noi dobbiamo essere super concentrati. Dzeko? Ho ancora due allenamenti, spero stia bene. Ha avuto una piccola distorsione alla caviglia e spero possa allenarsi oggi e domani. C'è Schick disponibile che è molto forte. Ho letto oggi le dichiarazioni del suo agente e le condivido. Io scommetto su questo ragazzo, c’è chi matura subito e chi ha bisogno di più tempo, ma lui è veramente valido

Su Zaniolo e Pellegrini:

Nicolò è pronto, è un generoso, ma non è che al primo anno può avere la facilità di corsa. Però la forza interiore e il fisico lo aiutano. È sempre pronto e disponibile. Lorenzo è giovane, ha facilità di corsa e di calcio notevole. Più gioca e più acquista consapevolezza nel ruolo di centrocampista. È un'ottima mezzala e mi dà la possibilità di avere più opzioni

Ranieri ha proseguito, parlando anche del suo futuro:

Ci aspettano tutte partite difficili e particolari. Ho bisogno di tutti i calciatori al 100%, così ho più facilità di scelta. Chi non viene utilizzato dall'inizio non deve sentirsi declassato, è più importante la Roma, non il proprio ego. Faccio appello ai miei calciatori perché la Champions è per tutti, saranno tutti necessari. Futuro? Io sono qui per aiutare la squadra con l'aiuto dei tifosi. Io sono un uomo di campo, tutto il resto non conta. Io cerco di fare il massimo di quello che mi è stato chiesto. Ho chiesto aiuto ai tifosi e ce lo stanno dando, il resto non è compito mio

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.