Cristiano Ronaldo: "A Madrid mi dicono 'torna a casa', mi piace"

Altra anticipazione della lunga intervista rilasciata da CR7 a ICON, l'inserto domenicale del quotidiano El Pais.

3 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Continuano a emergere nuove anticipazioni dell'intervista di Cristiano Ronaldo a ICON, il supplemento del quotidiano spagnolo El Pais che andrà in edicola questa domenica. Dopo quelle diffuse da As ieri, in cui il portoghese si soffermava principalmente sul primo bilancio della sua esperienza alla Juventus, stavolta l'argomento delle sue parole (diffuse da Mundo Deportivo) riguarda il passato.

Nel Real Madrid CR7 è diventato una leggenda, ha vinto tutto quello che c'era da vincere e scritto pagine di storia di uno dei club più importanti della storia del calcio.

I suoi record difficilmente saranno eguagliabili, ecco perché non sorprende il fatto che molti tifosi delle Merengues rimpiangano l'addio dell'estate scorsa, quando Cristiano Ronaldo passò alla Juventus. Il legame tra lui e Madrid, insomma, resta sempre molto forte. E la conferma si può leggere direttamente nella parole del numero 7 bianconero:

Continuo ad avere un grande affetto per il popolo spagnolo.

Cristiano Ronaldo e la sua quinta Champions League
Sono 5 le Champions League vinte da Cristiano Ronaldo

Cristiano Ronaldo e il suo rapporto con il Real Madrid

L'occasione per parlarne del suo rapporto con il Real Madrid è la domanda sull'apertura della sua nuova attività imprenditoriale in Spagna (una clinica specializzata nel trapianto di capelli), nonostante i grossi problemi con il fisco locale:

Gli spagnoli mi hanno sempre trattato bene. Volevo dare loro dei posti di lavoro, a prescindere dai problemi che ho avuto con l'Hacienda, perché questo non posso dimenticarlo o nasconderlo, la mia vita è un libro aperto. Vado avanti a testa alta, so che la gente mi ama. Sanno che ho dato molto al club e loro a loro volta fatto lo stesso con me. Per strada mi dicono: "Cris, torna a casa, questa casa è sempre tua". Mi piace sentirlo.

Altro passaggio dell'intervista è quello in cui Cristiano Ronaldo parla della pressione con la quale deve misurarsi ogni singolo giorno della sua vita:

Non ho intenzione di negare che a volte mi infastidisca e mi stanchi, perché sembra che ogni anno io debba dimostrare di essere molto bravo. Ma ormai la considero una cosa normale.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.