Formula 1, Ferrari a Baku con aggiornamenti: l'annuncio di Binotto

Il team principal ferrarista conferma che sulle SF90 di Vettel e Leclerc ci saranno novità nel Gran Premio d'Azerbaigian.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

La Ferrari vuole reagire al deludente inizio di campionato 2019 di Formula 1. Tra Australia, Bahrain e Cina la scuderia di Maranello ha raccolto meno di quanto si aspettasse e vuole riscattarsi. Nel weekend andrà in scena il Gran Premio d'Azerbaigian e la Rossa spera finalmente di poter tornare alla vittoria.

Sulle SF90 di Sebastian Vettel e Charles Leclerc ci saranno delle novità a Baku. La Ferrari deve recuperare terreno rispetto alla Mercedes, pertanto ha deciso di agire subito e di non attendere il successivo GP a Barcellona per portare un primo pacchetto di sviluppi sulle monoposto. È stato il team principal Mattia Binotto ad annunciare i cambiamenti in vista del fine settimana.

Venendo da tre gare nelle quali non abbiamo raggiunto il risultato che speravamo, questo GP è per noi ancora una volta molto importante. Ci siamo preparati al meglio, analizzando tutti i dati sin qui disponibili, cercando di individuare le aree di miglioramento e di adattare il nostro assetto e la gestione della power unit a quelle che sono le caratteristiche della pista. A Baku porteremo alcuni aggiornamenti che rappresentano un primo passo nella direzione dello sviluppo della SF90.

Sebastian Vettel e Charles Leclerc in Cina per il GP di Formula 1
Sebastian Vettel e Charles Leclerc vogliono iniziare da Baku la rimonta sulla Mercedes

Formula 1, aggiornamenti sulla Ferrari: gap ridotto dalla Mercedes?

La Ferrari in questo campionato di Formula 1 ha portato in pista una monoposto che a livello di motore è probabilmente la più forte. In Bahrain abbiamo visto che sul piano prestazionale la SF90 era davanti a tutte le altre. Se ci sono rettilinei, la macchina di Maranello è certamente efficace. A Baku ce ne sono e andranno sfruttati, ma la pista azera è costituita anche da curve lente che sono il tallone d'Achille della vettura.

La scuderia italiana deve lavorare soprattutto nell'ambito dell'aerodinamica. La Ferrari SF90 necessita di maggiore carico per poter essere maggiormente efficace nei punti nei quali attualmente soffre. Binotto settimane fa aveva parlato di una nuova ala posteriore in elaborazione a Maranello. Ora bisognerà vedere quando verrà portata in pista. C'è chi ha sollevato dubbi pure sull'ala anteriore, concettualmente diversa da quella della Mercedes e sulla quale sicuramente si stanno facendo delle riflessioni all'interno del team.

Intanto per il Gran Premio d'Azerbaigian vengono portati dei primi aggiornamenti e ci sarà curiosità di vedere gli ambiti coinvolti. Lo capiremo meglio venerdì in occasione dei primi turni di prove libere, quando a Baku le monoposto scenderanno in pista e sarà possibile vedere concretamente i cambiamenti. Il progetto 2019 della Ferrari ha alcune lacune che vanno colmate nel più breve tempo possibile, perché la Mercedes è già in fuga nella classifica mondiale di Formula 1. La stagione è lunga, ma servirebbe iniziare a recuperare già da questo fine settimana.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.