Champions League, delusione Cristiano Ronaldo: non usciva ai quarti dal 2010

Il portoghese non riesce a trascinare la Juve in semifinale nonostante abbia segnato il 100% dei gol bianconeri nella fase a eliminazione diretta. La sconfitta gli costerà pure il Pallone d'Oro.

0 condivisioni 1 commento

di - | aggiornato

Share

E alla fine fu sconfitta. Pesante, inattesa, cocente. Ma soprattutto inusuale. Specie per Cristiano Ronaldo. Il portoghese non ci sarà nelle semifinali di Champions League. Una notizia, visto che non capitava addirittura dal 2009-10. Nelle otto stagioni successive CR7 è sempre riuscito a portare la sua squadra oltre i quarti, in cinque occasioni perfino a vincere la coppa.

Anche nel 2009-10 l'eliminazione di Cristiano Ronaldo fu una grandissima sorpresa: era alla sua prima stagione con il Real Madrid, dopo che con il Manchester United l'anno prima aveva perso la finale di Champions League contro il Barcellona. I madrileni, in quell'estate, presero anche Kakà, Benzema e Xabi Alonso: dovevano dominare in Europa ma vennero eliminati ai quarti dal Lione. Dopo aver perso 1-0 in Francia, il Real al ritorno passò in vantaggio per 1-0 proprio grazie a CR7, ma subì l'1-1 di Pjanic a un quarto d'ora dalla fine.

Quella di ieri sera è la prima eliminazione di Ronaldo dalla Champions League 1434 dopo l'ultima volta. Il portoghese non veniva sconfitto nella massima competizione europea dal 13 maggio 2015, quando con il suo Real Madrid fu costretto ad arrendersi proprio alla Juve (i bianconeri vinsero 2-1 a Torino l'andata prima di pareggiare 1-1 al Santiago Bernabeu). 

Cristiano Ronaldo eliminato dalla Champions League già ai quarti
Cristiano Ronaldo eliminato dalla Champions League già ai quarti

Champions League: era dal 2010 che Ronaldo non usciva ai quarti

Da quel momento CR7 ha fatto un salto di qualità, trascinando con sé il Real Madrid: nel 2011 segnò sia all'andata che al ritorno dei quarti giocati contro il Tottenham, prima di esser eliminato dal Barcellona in semifinale. Nel 2012 altri due gol ai quarti contro l'Apoel Nicosia, prima di uscire in semifinale contro il Bayern Monaco. Nel 2013 tre gol realizzati al Galatasaray (poi ancora un'eliminazione in semifinale contro il Borussia Dortmund). Nel 2014 la tanto attesa vittoria della Champions League (contro l'Atletico) è passata proprio per la vittoria ai quarti contro il Dortmund, grazie a un gol di Ronaldo. L'unico anno senza reti ai quarti è il 2015, ma il Real si qualificò comunque contro l'Atletico prima di uscire con la Juve.

Nei tre anni successivi altri tre titoli conquistati: nel 2016 CR7 riuscì a ribaltare il Wolfsburg che aveva vinto 2-0 l'andata, realizzando una tripletta nel ritorno. Nel 2017 totalizzò 5 gol, fra andata e ritorno, ai quarti contro il Bayern. L'anno scorso i 3 gol totali realizzati alla Juve, compreso quello in rovesciata. Dall'ultima eliminazione così precoce in Champions, Ronaldo ha segnato 21 gol in 17 quarti di finale disputati (saltò solo quella di ritorno contro il Dortmund nel 2014), risultando sempre decisivo per l'ingresso della sua squadra fra le prime 4 d'Europa. Anche in questa occasione è realizzato gol pesanti, che alla Juve però non sono bastati.

L'eliminazione in Champions può costargli il Pallone d'Oro

L'eliminazione con l'Ajax può avere ripercussioni pesantissime su Cristiano Ronaldo. Il Barcellona ieri si è qualificato grazie alla doppietta del suo eterno rivale Lionel Messi, che è il capocannoniere dell'attuale edizione della Champions League con 10 gol segnati. In una stagione nella quale non ci sono né Europei né Mondiali, sarà difficile per il portoghese risultare il migliore al mondo e conquistare così il Pallone d'Oro.

Vota anche tu!

Cristiano Ronaldo riuscirà a vincere ancora una volta il Pallone d'Oro?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Messi e Ronaldo, al momento, hanno vinto 5 volte a testa il trofeo prima dell'acuto di Modric, in grado di imporsi proprio grazie alle sue ottime prestazioni ai Mondiali di Russia (oltre che in Champions League). CR7 rischia quindi di esser staccato da Messi. Forse non il primo pensiero del portoghese ieri al fischio finale, ma comunque un fastidio ulteriore. Per questo la sconfitta con l'Ajax è così pesante e cocente. Oltre che inattesa.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.