Milan, il piano triennale di Elliott per rivendere a un miliardo

Paul Singer prevede di impiegare tre anni per rilanciare il club rossonero prima di venderlo. L'imprenditore ha già fissato la cifra.

2 condivisioni 1 commento

di - | aggiornato

Share

Elliott vuole che il Milan torni a splendere nella costellazione dei club più brillanti del calcio europeo. Il suo è un progetto ambizioso, studiato nel dettaglio. Paul Singer lo ha analizzato scrupolosamente la scorsa estate, quando la Elliott Management Corporation si è impossessata della società rossonera. Perché mentre Yonghong Li arrancava nel tentativo di rimborsarlo, l'imprenditore americano era già col naso sul taccuino, pronto a definire il piano triennale finalizzato a valorizzare la sua nuova proprietà.

È così che agisce un grande uomo d'affari: valuta i modi e subito dopo i tempi. Ha capito in fretta che per tornare a brillare il Milan avrebbe avuto bisogno della Champions, ma non solo. Al club, infatti, serve energia per splendere di nuovo di luce propria. Ed Elliott - stando a quanto riportato dal portale Calciomercato.com - ha previsto di impiegare tre anni per immagazzinarne a sufficienza. Lo stesso tempo utile a rientrare dei soldi investiti prima di vendere la società alla cifra già fissata di un miliardo di euro. 

Singer è abituato a pensare a lungo termine, soprattutto quando si tratta di gestire i soldi del suo fondo. La prassi è pianificare e dilazionare il progetto in tre anni. Ecco perché quando l'imprenditore ha deciso di appropriarsi del Milan non lo ha fatto con l'intenzione di rivendere il club in tempi brevi. Il piano era un altro. Prima di cedere la società, Elliott avrebbe dovuto risanare i conti. Nel club rossonero ha investito ben 500 milioni. Una cifra consistente anche per uno dei più grandi fondi di investimento al mondo. La somma comprende i 180 milioni di prestito non ancora interamente resi da Yonghong Li e quelli spesi per il mercato e la gestione del Milan. Senza dimenticare i 100 milioni di aumento di capitale. 

Paul Singer, proprietario del fondo Elliott e del Milan

Milan, Elliott ha previsto di rivendere il club a un miliardo

Il tempo fissato nel progetto del fondo Elliott sarà utile anche a trovare qualcuno pronto a offrire per il Milan la cifra richiesta da Singer. Tre anni potrebbero bastare per riunire la "modica" somma di un miliardo di euro. L'imprenditore americano sembra fiducioso. Crede nel potenziale del Milan e sa di poter valorizzare la sua proprietà fino a quel punto. Ha scommesso sulla società rossonera, che a sua volta ha puntato su Gattuso. E se confrontata con il risanamento del bilancio del club, quella della Champions non sembra poi un'impresa così ardua.

Al momento, però, le certezze sono poche. A sei giornate dalla fine del campionato il Milan sta ancora lottando per il quarto posto. La Roma, l'Atalanta, la Lazio e persino il Torino sono ancora troppo vicine alla soglia della Champions e i 55 punti collezionati finora non sono abbastanza. Ma si sa, i progetti più ambiziosi sono anche i più faticosi. E l'impegno che richiedono è a lungo termine. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.