Liverpool ricorda le 96 vittime: 30 anni fa la strage di Hillsborough

Il 15 aprile 1989 il disastro di Sheffield durante la semifinale di FA Cup tra i Reds e il Nottingham Forest. Ieri la celebrazione ad Anfield contro il Chelsea.

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

La partita contro il Chelsea non è stata solo uno snodo cruciale per la corsa alla Premier League, ma anche l'occasione per ricordare compagni di tifo, concittadini, familiari e amici scomparsi ormai 30 anni fa. Anfield accoglie il Liverpool nella tipica atmosfera di metà aprile, quella della commemorazione delle vittime di Hillsborough.

Una domenica speciale nel Merseyside, perché è il giorno che anticipa il 30° anniversario di un giorno terribile per il calcio inglese. I 96 morti di Sheffield vengono ricordati con la coreografia che copre tutto lo stadio, con il numero 96 che si staglia al centro della Kop, centro del tifo per i Reds. Un minuto di silenzio, poi l'inizio del match nel clima surreale che avvolge la città nel periodo dell'anniversario.

I gol di Mané e Salah servono a conservare il primo posto momentaneo davanti al Manchester City, che ha ancora una partita in meno rispetto al Liverpool. Il 2-0 ai Blues, però, è anche un regalo che la squadra di Klopp è riuscita a fare anche quest'anno, per la memoria di chi ha perso la vita nella semifinale di FA Cup del 1989. Il calore di Anfield, in un momento dell'anno così sentito, è l'arma in più anche nei big match di Premier League.

Liverpool ricorda Hillsborough, 30 anni fa il disastro di Sheffield
Liverpool ricorda Hillsborough, 30 anni fa il disastro di Sheffield

Il ricordo di Liverpool: 30 anni fa i 96 morti di Hillsborough

Era il 15 aprile 1989 quando i tifosi dei Reds si recarono a Sheffield per la semifinale di FA Cup contro il Nottingham Forest. Il regolamento dell'epoca prevedeva anche la penultima fase del torneo su campo neutro, motivo di grande apprensione dal punto di vista della sicurezza all'interno dello stadio e fuori. Le recenti stragi dell'Heysel a Bruxelles e del Valley Parade a Bradford avevano scosso e cambiato radicalmente il calcio inglese.

Durante le riunioni pre-match tra la Football Association e la polizia del South Yorkshire, fu inspiegabilmente deciso che il settore meno capiente di Hillsborough, la Leppings Lane, venisse assegnato ai tifosi più numerosi, quelli del Liverpool, poiché più vicino alla fermata dei mezzi di trasporto che li avrebbe portati allo stadio di Sheffield.

Il fattore che le forze dell'ordine non presero in considerazione fu la calca agli ingressi della curva. Ad un quarto d'ora dall'inizio del match, quasi 8mila tifosi del Liverpool su oltre 14mila erano ancora all'esterno dell'impianto. Per accelerare le operazioni ai tornelli, il capo della polizia David Duckenfield autorizzò l'apertura del Gate C, un varco non adibito al transito e all'ingresso dei tifosi.

Il tunnel, per quanto largo, permetteva l'accesso soltanto ad uno spicchio della Leppings Lane, che poteva contenere appena 2mila tifosi: una volta riempito questo spazio, delimitato dai pannelli divisori con il resto della curva, in migliaia rimasero bloccati nel settore e all'esterno, ma soprattutto all'interno del Gate C. Nel giro di pochissimi minuti, erano centinaia le persone schiacciate dai compagni di tifo che, dall'area di prefiltraggio, non si accorgevano della tragedia che si stava consumando. Chi era già sugli spalti cominciò ad invadere il terreno di gioco, fino al crollo della barriera divisoria che fece sprofondare i supporter in campo.

L'arbitro sospese il match dopo appena 6 minuti, in modo da favorire le operazioni di soccorso. In poco più di un'ora, con il trasporto di vittime e feriti in corso, fu già possibile fare una stima della tragedia. Il bilancio fu di 96 morti e 766 feriti più o meno gravi.

Il verdetto e il ribaltamento della sentenza

Una testimonianza anonima rilasciata al Sun pochi giorni più tardi, poi, fu la base su cui venne costruito il processo. La polizia del South Yorkshire venne scagionata dalle rivelazioni fatte al tabloid inglese, pur senza nessuna verifica da parte delle autorità. La colpa del disastro venne data agli hooligans, bersaglio facile dopo l'Heysel: nel 1993 venne rigettata l'ultima richiesta per la revisione delle indagini.

Con la nascita dell'Hillsborough Independent Panel e la creazione dell'Hillsborough Family Support Group, la comunità di Liverpool riuscì a raccogliere materiale sufficiente per cambiare l'esito del processo. Un team di professori universitari, medici e autorità religiose presentarono la propria versione dei fatti, fino alle responsabilità emerse nel 2012 e accertate dalla giustizia soltanto nel 2016. Il Sun si scusò, la polizia del South Yorkshire fece i conti con diversi elementi degradati o rimossi dai propri incarichi.

Hillsborough
Le 96 vittime di Hillsborough hanno ottenuto giustizia solo nel 2016, 27 anni dopo la strage

Hillsborough nella cultura della città

Dopo la coreografia durante Liverpool-Chelsea, nella giornata di oggi sono previste le commemorazioni di tifosi e squadra nei pressi dell'Hillsborough Memorial, il monumento di Anfield che ricorda le 96 vittime. Per il momento, due memorie storiche dei Reds come Steven Gerrard e Jamie Carragher hanno inaugurato una giornata speciale, celebrata e rispettata in tutta l'Inghilterra.

View this post on Instagram

Jft96 ❤️never forgotten

A post shared by Steven Gerrard (@stevengerrard) on

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.