Salah fa il fenomeno, Mané pure: il Liverpool batte il Chelsea 2-0

Primo tempo a rete inviolate, poi nella ripresa si scatenano i due attaccanti dei Reds: prima Sadio, poi Momo con un gol pazzesco. Klopp risponde al Manchester City e ritorna primo.

1 condivisione 1 commento

di - | aggiornato

Share

Mané e Salah, cantano i due tenori del Liverpool contro il Chelsea. I Reds tornano momentaneamente primi in Premier League dopo aver giocato una partita che non ammetteva errori. Con i due lì davanti Klopp se la ride. Primo tempo poco spettacolare finito 0-0. Nella ripresa, in 2’, i padroni di casa risolvono la pratica.

Un buon Hazard non basta alla banda di Sarri. Il belga, pure sfortunato dopo aver colpito un palo, risulta tra i migliori in campo senza riuscire a trovare la via del gol. Dentro nella ripresa Higuain, il Pipita però incide.

I blues rimangono quarti in Premier League (dietro c’è il Manchester United sempre con una partita con meno). Praticamente impossibile espugnare il fortino Anfield. Il bilancio casalingo del Liverpool in Premier League è di 14 vittorie e 2 soli pareggi con Manchester City e Leicester. E sono imbattuti da 37 partite.

Premier League, immagine di Liverpool-Chelsea
Premier League, Liverpool-Chelsea: primo tempo equilibrato

Premier League, Liverpool-Chelsea: fiammate e poco più

A viso aperto con una cornice di pubblico stratosferica. Prima del fischio d'inizio vengono ricordati i 96 morti della strage di Hillsborough, che accadeva esattamente il 15 aprile di 30 anni fa. Da brividi. Il Liverpool inizia forte, al 6’ Salah gira in area e Kepa blocca. Dall’altra parte è Hazard l’uomo più pericoloso, anche se si muove da punta centrale, un ruolo che non gli piace. E infatti galleggia tra la trequarti e l’attacco senza però essere incisivo. Così è Mané ad avere un’altra occasione ghiotta, il suo destro esce di poco per la disperazione dei tifosi Reds. Prima grana per Sarri: si fa male Rudiger. L’ex Roma accusa un problema al ginocchio, al suo posto entra Christensen. Tanta intensità, ma poche vere occasioni. Le squadre vanno a riposo sullo 0-0.

Reds avanti con i tenori

Henderson per Mané, che questa volta non sbaglia: colpo di testa a vantaggio del Liverpool. Diciottesimo gol in Premier League e 21esimo in stagione per il senegalese. Si apre così la ripresa e non è finita. Perché Salah è in giornata e fa la sua classica giocata: con il mancino si accentra e scarica un bolide che si piazza all’incrocio, imparabile per Kepa. Due gol in 2’, Chelsea alle corde. Entra Higuain per Hudson-Odoi, Sarri mette la trazione anteriore per cercare di riaprire la partita.

Hazard ci prova, ma colpisce il palo. Poco dopo è Alisson a dirgli di no. Il Chelsea scompare dai radar, il match scivola via tra i cori dei tifosi Liverpool. Standing ovation finale per Salah, che lascia il campo nel finale a Shaqiri. La sfida al Manchester City per il titolo (che deve recuperare una partita, il derby con lo United) è vivissima. Impossibile non crederci.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.