MMA, UFC 236: spettacolo ad Atlanta, Poirier e Adesanya nuovi campioni

Il Diamante della Louisiana e The Last Stylebender escono dalla State Farm Arena di Atlanta con due cinture alla vita. Una serata pazzesca quella di UFC 236!

4 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

UFC elegge due nuovi campioni. Ad interim, certo, ma pur sempre campioni. Le grandi MMA trovano dunque due re momentanei, in attesa di scoprire chi uscirà con le corone indiscusse nei match di unificazione dei titoli. Sconfitti Max Holloway e Kelvin Gastelum, con Dustin Poirier e Israel Adesanya che escono rispettivamente con la cintura pesi leggeri e pesi medi ad interim stretta alla propria vita. Un gran lavoro da parte del Diamante, che riesce a bissare la vittoria su Blessed del febbraio 2012: al tempo, a UFC 143, l'attuale campione pesi piuma cadde contro il neo-detentore della corona ad interim delle 155 libbre per sottomissione al primo round.

Una sfida combattuta quella del main event di UFC 236, con Holloway che sembra giovare dal salto di categoria ma che, probabilmente, patisce anche un po' di pressione mentale forse perché memore della sconfitta di oltre 7 anni fa. Poirier che conquista legittimamente il titolo, mostrandosi più solido del campione pesi piuma e mettendo a segno degli ottimi jab, conditi da delle ottime combinazioni testa-figura chiuse con degli ottimi low kick. Holloway che prova a rispondere come può, mettendo a sua volta colpi pesanti ma non riuscendo mai a trovare concretamente le misure all'avversario. Nel co-main event, invece, impossibile non menzionare l'opera di logoramento di Adesanya, che dopo aver perso - anche male, nel caso della ripresa iniziale - i primi due round sale in cattedra mettendo in mostra il suo fantasioso striking.

Non solo colpi in piedi però per The Last Stylebender, che si dimostra MMA fighter alquanto completo quando, nelle riprese finali, per poco non chiude un triangolo che rischia di farsi beffe di un Gastelum che, alla fine dei conti, uscirà comunque sconfitto dall'ottagono di UFC 236. Non si ferma dunque l'inarrestabile scalata di Adesanya, che adesso affronterà l'altro campione neozelandese pesi medi - quello indiscusso - Robert Whittaker per contendersi il titolo indiscusso delle 185 libbre UFC. Un match questo che, come già chiarito dal presidente della promotion più importante al mondo nel settore delle MMA Dana White, non si disputerà su suolo americano: si volerà, infatti, in Oceania, per la stipula di un evento che già promette incassi record sia dal vivo che in PPV.

MMA, il campione pesi medi UFC Robert Whittaker
MMA: Robert Whittaker, campione pesi medi UFC, parla in occasione di un evento organizzato da GQ Australia.

MMA, UFC 236: il resto della card

Nel resto della card, invece, da segnalare la vittoria di Khalil Rountree su Eryk Anders, con l'ex The Ultimate Fighter 23 che manda addirittura 4 volte knockdown l'avversario imponendosi con un punteggio finale di 30-26 sui cartellini dei giudici. Vince anche Nikita Krylov, che sconfigge a sorpresa Ovince Saint Preux centrando uno degli upset più inattesi di tutta la serata.

Tra gli incontri della card preliminare, invece, non si può non parlare dei trionfi di Matt Frevola, Alexandre Pantoja, Max Griffin e Poliana Botelho, che hanno avuto rispettivamente la meglio su Jalin Turner, Wilson Reis, Zelim Imadaev e Lauren Mueller. Sorprende la caduta di Andre Soukhamthath, che cede ai punti a Montel Jackson. Brandon Davis, invece, vince al debutto nella divisone pesi gallo UFC. Trionfi, infine, per Belad Muhammad su Curtis Milender e per Khalid Taha su Boston Salmon.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.