Nuova follia di Barton: picchia allenatore avversario e cerca la fuga

Joey Barton, tecnico del Fleetwood Town, avrebbe aggredito l'allenatore avversario al termine di un match di League One. La polizia indaga sull'accaduto

4 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio. Joey Barton torna a riempire tutte le prime pagine dei tabloid britannici. Ancora una volta non per meriti sportivi. L'ex centrocampista di Newcastle e Manchester City, ora allenatore del Fleetwood Town, squadra di League One (Terza divisione inglese), è stato bloccato all’uscita dello stadio dalla polizia dopo il match in trasferta contro il Barnsley. L'accusa? Secondo quanto riportato dai media inglesi, aver aggredito l’allenatore avversario.

L'ex Bad Boy della Premier League avrebbe iniziato a litigare con la panchina avversaria già al 65' della gara, a causa dell'espulsione del suo difensore, Harry Souttar. Al termine della partita, vinta dal Barnsley per 4-2, ha continuato a discutere animatamente con Stendel, allenatore dei padroni di casa, seguendolo prima nel tunnel e poi fino alla porta agli spogliatoi, dove sarebbe avvenuta l’aggressione. Le autorità hanno riferito che Barton, ha infine tentato di lasciare lo stadio in macchina, ma è stato prontamente fermato dalla polizia.

A commentare l'accaduto ci ha pensato il giovane attaccante del Barnsley, Cauley Woodrow che dopo pochi minuti ha condiviso questo tweet al vetriolo, successivamente cancellato.

Il tweet di Woodrow, giovane attaccante del Barnsley, sull'aggressione di Barton

Prima di tutto aggredire un allenatore nel tunnel, facendolo sanguinare, è disgustoso. Le persone come te non meritano un posto nel calcio, sei un folle! Grande vittoria oggi del Barnsley

I padroni di casa del Barnsley nelle ore successive hanno rilasciato questo comunicato:

Confermiamo che c'è stato un presunto incidente nell'area del tunnel dopo la conclusione della partita di oggi e che la polizia del South Yorkshire sta attualmente indagando. Il club sta assistendo le forze dell'ordine nelle indagini e, di conseguenza, non siamo in grado di fare ulteriori commenti in questo momento.

Joey Barton con la maglia dei Rangers

Barton, una carriera di guai fuori e dentro il campo

Barton ha terminato la sua carriera da giocatore al Burnley nel 2017. Ha annunciato il suo ritiro dai campi dopo essere stato condannato per diciotto mesi dalla FA per aver violato il regolamento sulle scommesse, avendone effettuate più di mille in dieci anni. Nella stessa mattinata il giocatore, tramite una lettera pubblicata sul proprio sito, ha ammesso di essere malato di ludopatia, imputando la situazione al suo background culturale.

La vita calcistica del 36enne originario di Liverpool, è costellata di episodi controversi fuori e dentro il campo. Ai tempi del City, nel corso di una cena con i compagni, spense un sigaro nell'occhio sinistro di Jamie Tandy, un giocatore del settore giovanile.

Prontamente multato, venne costretto dalla società a partecipare a un terapia per la gestione della rabbia. Nel 2007 fu denunciato da un tassista di Liverpool per aggressione aggravata. E sul terreno di gioco non è stato da meno: negli anni ha collezionato cartellini rossi per entrate spezza gambe e reazioni violente. A quanto pare la carriera da allenatore, iniziata in questa stagione con un triennale al Fleetwood sembra seguire la stessa traccia.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.