Serie A, le pagelle di Roma-Udinese: Dzeko-gol, Pellegrini è decisivo

La Roma batte l'Udinese con un acuto di Dzeko nella ripresa e sale momentaneamente al quarto posto. Molto bene Pellegrini, decisivo nella ripresa.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

La Roma batte l'Udinese al termine di una partita dai due volti, con i giallorossi lenti e in difficoltà nel primo tempo, poi più aggressivi e vivaci nella ripresa. Proprio nel momento di maggior pressione della squadra di Ranieri arriva il gol di Dzeko che non segnava all'Olimpico, in Serie A, da oltre un anno.

Un gol pesante perché dà alla Roma tre punti fondamentali nella corsa alla Champions League e il momentaneo quarto posto in attesa delle partite delle altre. L'Udinese invece può recriminare per non aver sfruttato le titubanze della Roma del primo tempo, squadra lenta e compassata, con tante difficoltà nel costruire. Poco coraggiosa la squadra di Tudor nel tentare di attaccare l'avversario. 

Ora ai giallorossi servirà continuità, qualcosa che è mancato molto in questa stagione. Nel prossimo turno la trasferta di San Siro contro l'Inter dirà molto su quello che sarà il futuro in campionato della Roma. Per l'Udinese invece una sconfitta pesante, soprattutto considerando la vittoria della Spal. La zona salvezza resta pericolosamente vicina.

Serie A, festeggia la Roma
Serie A, gol di Dzeko e Roma vince contro l'Udinese

Serie A, le pagelle di Roma-Udinese

Roma (4-2-4): Mirante 6; Juan Jesus 5,5 (dal 46' Florenzi 6,5), Manolas 6,5, Fazio 6, Marcano 6,5; Cristante 6, De Rossi 6 (dal 69' Under 6); Zaniolo 6, Schick 5,5 (dal 46' Pellegrini 7), Dzeko 6,5, El Shaarawy 6,5. Allenatore: Ranieri 6,5

Udinese (3-5-2): Musso 6,5; De Maio 6 (dall'83' Teodorczyk sv), Troost-Ekong 5, Samir 6; Stryger Larsen 5,5, Fofana 6, Mandragora 5 (dal 69' Sandro 6), De Paul 6,5, D’Alessandro 5,5 (dal 71' Pussetto 5,5); Okaka 5,5, Lasagna 5,5. Allenatore: Tudor 5,5

I migliori

Pellegrini 7

Il suo ingresso in campo cambia il volto della Roma: apatica e lenta nella prima frazione, aggressiva e ispirata nella ripresa. Si piazza alle spalle di Dzeko e crea tanti problemi all'Udinese, mandando in tilt i piani tattici di Tudor. Crea tante difficoltà soprattutto a Mandragora che non riesce a trovare le misure ai suoi movimenti. Esce spesso incontro dando un appoggio e uno sbocco alla manovra dei suoi che ne giovano molto. 

Dzeko 6,5

Partita difficile la sua stretto nella morsa della difesa friulana che gli lascia pochi spazi, in più c'è pure una Roma non proprio ispirata a rendere le cose più complicate. Lui si sbatte, cerca un varco e lo trova al 68' quando El Shaarawy lo trova in profondità, lui scappa a Troos-Ekong e sigla il suo primo gol in Serie A all'Olimpico dopo un anno. Una liberazione per lui, una boccata d'ossigeno per la Roma.

Manolas 6,5

Duello in velocità con Lasagna e il greco lo vince alla grande. Si conferma pedina fondamentale per la difesa e per la Roma tutta. Senza di lui si balla, con lui in campo invece c'è maggiore stabilità. L'attaccante dell'Udinese lo chiama spesso allo scatto, testandone la rapidità, ma il centrale giallorosso non molla di un centimetro e non lascia che le briciole a Lasagna e a chi transita dalle sue parti. Nel primo tempo in spaccata salva proprio su Lasagna ed evita guai alla Roma.

Serie A, Schick contrasta un avversario
Serie A, la Roma vince contro l'Udinese

I peggiori

Juan Jesus 5,5

Fatica a contenere da quella parte D'Alessandro perché troppo tardi accorcia sull'esterno bianconero, ma sono soprattutto i movimenti ad allargarsi di De Paul che patisce. L'argentino spesso lo chiama fuori dalla linea difensiva e apre spazi pericolosi che non sempre i compagni sfruttano. Lui allora deve ricorrere alle maniere forti e viene ammonito. Esce nell'intervallo dopo un colpo alla testa.

Troost-Ekong 5

Gioca una buona partita per oltre un'ora, comandando la linea a tre dell'Udinese e vincendo spesso i duelli con Dzeko. Poi però è lentissimo a leggere il passaggio di El Shaarawy e a quel punto il bosniaco gli prende quei tre metri decisivi per andare a battere a rete e a portare in vantaggio la Roma. Una disattenzione fatale.

Mandragora 5

Un suo destro dai 20 metri impegna Mirante dopo pochi minuti, poi esce lentamente e inesorabilmente dalla partita. Se il suo primo tempo è sufficiente, l'ingresso di Pellegrini lo manda fuori giri. Non trova mai le misure ai movimenti del centrocampista giallorosso. L'avversario è abile nel portarlo a spasso, facendo perdere lo schermo protettivo davanti alla difesa all'Udinese. Tudor infatti lo toglie e al suo posto inserisce Sandro.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.