Formula 1, Bottas: "Pole non perfetta". Vettel: "Mercedes più forti"

Le dichiarazioni di Bottas, Hamilton, Vettel e Leclerc dopo le Qualifiche di Formula 1 a Shanghai. Soddisfazione in casa Mercedes.

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Un Valtteri Bottas che si è confermato in grandissima forma anche in Cina. Sua la pole position nelle Qualifiche di Formula 1 allo Shanghai International Circuit. Per la settima volta in carriera il pilota finlandese scatterà dalla prima posizione. È il terzo poleman diverso nei primi tre gran premi di questo campionato 2019.

Doppietta Mercedes, la cinquantanovesima, completata da Lewis Hamilton. Il campione del mondo in carica della Formula 1 è stato battuto per soli 23 millesimi dal compagno. Ovviamente non gli piace mai arrivare secondo, ma in gara alla partenza avrà modo di tentare di mettersi davanti a Bottas. Si prevede una grande lotta già dai primi metri della corsa. Entrambi i piloti con la W10 hanno un ottimo passo e possono puntare alla vittoria in Cina.

Partono dalla seconda fila le Ferrari, che hanno accusato circa 3 decimi di ritardo rispetto a Valtteri. Sebastian Vettel e Charles Leclers sono, rispettivamente, terzo e quarto. SF90 molto veloci in rettilineo, ma che pagano qualcosa in alcune curve. Comunque il passo di ambedue i driver è buono e pertanto bisognerà vedere cosa succederà domenica. Allo start sarebbe importante riuscire a guadagnare posizioni. Ma è fondamentale pure evitare di essere superati dalle Red Bull, che partono nella fila dietro.

Valtteri Bottas e Lewis Hamilton dopo le Qualifiche Formula 1 in Cina
Valtteri Bottas e Lewis Hamilton felici dopo le Qualifiche Formula 1 in Cina.

Formula 1, GP Cina 2019: Bottas e Hamilton dopo le Qualifiche

Bottas al settimo cielo per aver conquistato la pole position nel GP numero 1000 della storia della Formula 1. È leader della classifica del campionato 2019 e gli piacerebbe replicare il successo già ottenuto nella prima gara di Melbourne per poter allungare. Intanto si gode la prestazione odierna a Shanghai.

Bel weekend finora per me - afferma Valtteri -, mi sono sentito a mio agio già dal mattino nelle prove libere. Nelle qualifiche ho faticato in Q3 nel mettere assieme il giro, però è stato sufficiente. Il giro è stato non male, però non totalmente come avrei voluto. Per fortuna è bastato per la pole position. La macchina è stata molto buona in tutte le sessioni. Anche Lewis è riuscito a migliorare tanto ed è arrivato vicinissimo a me. La giornata importante sarà quella di domani. Attaccheremo di sicuro.

Hamilton partirà affianco al compagno e cercherà certamente di superarlo alla partenza per poi dettare il ritmo. Però sarà tutt'altro che facile, perché anche il passo del finlandese è ottimo e dunque ci può essere lotta serrata tra i due alfieri della Mercedes.

Non ho mollato - commenta Lewis dopo le Qualifiche -, ho spinto fino alla fine. Faccio i complimenti a Valtteri, è stato stellare tutto il weekend. Io ho un po' faticato, lottando con la macchina ma pian piano mi sono avvicinato. A un certo punto ero ad otto decimi e alla fine ero vicinissimo, è fantastico. Un risultato incredibile per il team. Non vedo l'ora di correre la gara. Le Ferrari sono più veloci in rettilineo, però noi abbiamo grandi prestazioni in curva. È stato fatto un grande lavoro dalla Mercedes.

Charles Leclerc nel box Ferrari Formula 1 in Cina
Charles Leclerc non felice al 100% delle sue Qualifiche a Shanghai

Vettel e Leclerc commentano le Qualifiche a Shanghai

Vettel scatterà dalla terza casella della griglia di partenza e non è messo male, però i piloti Mercedes impressionano per velocità nelle curve e quella superiore sul dritto della Ferrari può non essere sufficiente per vincere in gara. Complicato fare previsioni, però servirà un capolavoro a Seb per trionfare in Cina.

Oggi purtroppo la Mercedes è stata più veloce. Già dal Q1 sono partiti in una condizione migliore rispetto a noi. Abbiamo comunque fatto una buona sessione, forse c'era ancora qualcosa da spremere. Ma alla fine sono abbastanza contento del mio ultimo tentativo. Forse potevo fare qualcosa di più, però non abbastanza per battere le Mercedes. Loro sono più veloci in curva, noi invece abbiamo vantaggio in rettilineo. Siamo migliorati rispetto a ieri. La gara è lunga, vedremo come andrà. Potrebbe essere una buona giornata per noi.

Leclerc affianca il compagno in seconda fila ed è stato battuto per pochi centesimi. Un piccolo errore nel suo tentativo migliore, però il monegasco è abbastanza fiducioso in vista della gara. Sicuramente non ha lo strapotere visto in Bahrain, però potrà almeno inserirsi nella lotta per il podio. 

Ero molto veloce nell'ultimo giro, ma ho fatto un errore e non sono felice oggi. Però, mi consola il fatto che la macchina ha compiuto dei progressi durante il week-end: vedremo domani. Le Mercedes andavano forte nel secondo settore, ma noi ci crediamo e io darò tutto per ottenere il massimo nella gara di domani.

Verstappen attacca Vettel

Se c'è un pilota decisamente arrabbiato in questo sabato di Qualifiche di Formula 1, questo è sicuramente Max Verstappen. Nel finale della Q3 non è riuscito a migliorare il suo tempo, dato che non ha tagliato in tempo il traguardo per fare l'ultimo tentativo. La responsabilità andrebbe data principalmente ad Hamilton, che era in testa al gruppo e ha rallentato tutti, ma il figlio d'arte se l'è presa soprattutto con Vettel per averlo superato mentre si stava preparando a lanciarsi. Il driver della Ferrari è stato imitato poco dopo dai colleghi della Renault, visto che mancano pochi secondi al termine del turno e hanno accelerato.

Ero dietro a Leclerc e mi stavo preparando per il mio giro, ma all'improvviso sono arrivati Vettel e i piloti Renault a superarmi. Mi hanno rovinato il giro. C'è una regola non scritta che dice che non si può superare in quei momenti. Volevo essere corretto, potevo superare anche io. Non sono assolutamente contento, è stato fastidioso. La prossima volta capiterà ad un altro, magari sarò io a sorpassare allora. Oggi potevo puntare al terzo posto. 

Il pilota della Red Bull promette "vendetta". Vettel si è difeso spiegando che il team lo aveva avvertito quando mancavano solamente 10 secondi al termine del Q3, allora ha deciso di accelerare per poter fare l'ultimo time-attack e ci è riuscito. Non si sente colpevole di nulla, ritiene che anche Max avrebbe dovuto aumentare il ritmo. E pure Hamilton ha dato contro al pilota della Red Bull quando il profilo ufficiale Instagram della F1 ha riportato le parole del giovane olandese sull'esistenza di una regola non scritta che prevede di non superare nell'ultimo settore in quella fase della qualifica. Il cinque volte campione del mondo ha risposto con secco "No".

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.