Serie A, l'ultima volta che la Lazio ha battuto il Milan a San Siro

Un tabù lungo 30 anni: era il 3 settembre 1989, decisiva un'autorete di Paolo Maldini. Da quel momento i biancocelesti non hanno più vinto al Meazza in campionato.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

"Mister, riuscirà a sfatare questo tabù?". Il leitmotiv è sempre lo stesso, si ripete dal 1989 a oggi, anno dopo anno. Ci sono passati praticamente tutti gli allenatori che si sono avvicendati sulla panchina della Lazio da quel momento, da quando l'allora allenatore dei biancocelesti, Beppe Materazzi, portò la sua squadra a vincere a San Siro, contro il Milan, in una partita di Serie A.

Era il 3 settembre 1989, seconda giornata di campionato. All'epoca ancora i punti per una vittoria erano 2, i numeri di maglia non erano personalizzati, ma andavano in ordine dall'1 all'11. Non esistevano i "quinti" di centrocampo, quando si parlava di giocatori laterali si diceva al massimo "terzini" o "ali".

Paolo Maldini era ancora un giocatore del Milan (tant'è che realizzò l'autogol decisivo), Ciro Immobile doveva ancora nascere (sua mamma era incinta di 4 mesi). E le partite si ascoltavano alla radio nel pomeriggio della domenica, lo spezzatino era ancora un semplice piatto da mangiare. Ne è passato di tempo, si sono avvicendati in tanti sulla panchina della Lazio. Ma da Beppe Materazzi in poi, nessun altro è più riuscito a ripetere quell'impresa.

Milan-Lazio, l'ultima vittoria biancoceleste in Serie A grazie a un autogol di Maldini
Serie A, un autogol di Maldini ha dato alla Lazio l'ultima vittoria con il Milan a San Siro

Serie A, un tabù lungo 30 anni a San Siro

Ci hanno provato nell'ordine: Dino Zoff, Zdenek Zeman, Sven Goran Eriksson, Alberto Zaccheroni, Roberto Mancini, Roberto Papadopulo, Delio Rossi, Edoardo Reja, Vladimir Petkovic, Stefano Pioli e, infine, Simone Inzaghi (Davide Ballardini, Mimmo Caso e ovviamente Marcelo Bielsa non hanno avuto abbastanza tempo nemmeno per provarci). Tutti loro si sono ritrovati a fare i conti con la stessa domanda, dando più o meno la stessa risposta:

Il tabù Milan? I tabù sono fatti per essere sfatati, ci proveremo.

Lo ha detto anche nell'ultima conferenza stampa Simone Inzaghi, lo ripeterà lui stesso o, nel caso, chiunque lo dovesse sostituire la prossima stagione, se anche questa volta la Lazio non dovesse riuscire a vincere con il Milan a San Siro.

Già adesso si tratta di un record per il club rossonero, arrivato a ben 28 partite consecutive di Serie A in casa contro i biancocelesti senza uscire sconfitto (17 vittorie e 11 pareggi): contro nessun'altra squadra il Diavolo è riuscito a raggiungere una striscia così lunga. Simone Inzaghi vuole provare a interrompere una volta per tutte questa streak negativa, che come dicevamo dura ormai da oltre trent'anni. Da quando quel 3 settembre 1989 vinse la Lazio 0-1, decisiva un'autorete di Paolo Maldini.

Il tabellino di Milan-Lazio del 3 settembre 1989

Ecco qui di seguito il tabellino di una partita di Serie A d'altri tempi, ma che ogni anno torna di moda e continuerà a farlo fino a che qualcuno non riuscirà a infrangere una volta per tutte questo tabù.

Milan-Lazio 0-1 (41' autogol Maldini)

Milan: Giovanni Galli; Tassotti, Maldini; Colombo (46' Evani), Filippo Galli, Baresi; Donadoni, Ancelotti, Borgonovo, Rijkaard, Massaro (66' Simone). Allenatore: Sacchi.

Lazio: Fiori; Bergodi, Beruatto; Pin, Gregucci (65' Monti), Soldà; Di Canio, Icardi (60' Marchegiani), Amarildo, Sclosa, Bertoni. Allenatore: Materazzi.

Arbitro: Carlo Sguizzato.

Ammoniti: Tassotti, Baresi, Fiori, Soldà, Di Canio.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.