Milan, parla Maldini: "Gattuso è l'allenatore giusto per noi"

Il dirigente rossonero blinda il tecnico: "Non è mai stato in discussione. La Champions? Conterà sia per mercato che entusiasmo del gruppo".

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Gattuso a rischio esonero? Neanche per sogno. Questo almeno è quello che ha detto il direttore sviluppo strategico dell'area sport del Milan, Paolo Maldini. Il dirigente rossonero non mostra alcun dubbio sulla conferma dell'allenatore sulla panchina del Diavolo anche l'anno prossimo e lo spiega chiaramente nel corso della sua intervista rilasciata a Mediaset.

Siamo contenti di Rino e non è mai stato in discussione. Non c’è mai stata l’idea di cambiarlo, siamo convinti che sia l’allenatore giusto. Da parte del club c'è un rapporto molto diretto con lui, come con i calciatori. Lui sa tutto, sa cosa pensiamo di lui e del suo lavoro.

E a quanto pare nei programmi del Milan non c'è mai stata l'idea di sostituire l'allenatore:

Mai pensato di cambiarlo, può anche dare una mano ai più giovani visto che conosce bene questo ambiente. Ha ancora due anni di contratto, non gli era stata chiesta la Champions a inizio anno ma ora che ci siamo... Io e Leonardo ci diciamo spesso: che bello sarebbe tornare a vincere con Rino in panchina. Tra me e lui è rimasta una certa schiettezza nel dirsi le cose, parliamo in modo diretto. Molto meglio che parlarsi alle spalle.

Milan, Maldini blinda Gattuso
Milan, Maldini e Gattuso insieme

Milan, Maldini sul deferimento Uefa: "Siamo pronti a tutto"

Arrivati a questo punto della stagione in questa posizione di classifica, però, è ovvio che l'obiettivo Champions sia diventato prioritario nell'ambiente rossonero. Anche perché l'eventuale raggiungimento di questo traguardo porterebbe molti vantaggi, sotto ogni punto di vista:

Conterà nel mercato ma anche per l'entusiasmo del gruppo, sarebbe brutto non andare nell'Europa dei grandi per la settima volta di fila. Tornare protagonisti in Champions necessita di tanto lavoro e vogliamo farlo nel più breve tempo possibile.

Aiuterebbe anche dal punto di vista delle entrate economiche, soprattutto adesso, dopo il nuovo deferimento dell'UEFA per il fair-play finanziario:

Anche l'anno scorso dovevamo essere esclusi dalle coppe europee e poi è intervenuto il TAS. Siamo pronti a tutto, abbiamo tante armi. Come club vogliamo che non sia un confronto duro e senza dialogo, il FPF ha azzerato i debiti nel calcio europeo ma non permettere ad una società sana e senza debiti di intervenire sul mercato è anche incostituzionale. L'Uefa ha ben capito che il Milan è una società sana, con persone competenti e vuole tornare in alto. La comunicazione non è una sorpresa, c'è un dialogo settimanale con loro. Comunque sono in discussione gli anni precedenti ad Elliott e il nostro Ceo Gazidis è già al lavoro per trovare una soluzione.

Maldini a colloquio con Gazidis, Milan
Milan, Maldini a colloquio con Gazidis

Calciomercato, Leonardo e la sfida con la Lazio

Paolo Maldini parla anche di calciomercato, a partire dalla situazione di Bakayoko, che si sta guadagnando la conferma nel Milan anche in vista della prossima stagione:

Ha dimostrato grande carattere, non aveva iniziato benissimo e si è dovuto calare in una realtà diversa a cui era abituata. Siamo super contenti di lui, proveremo a riscattarlo: dipenderà dal FPF e dalla posizione finale di campionato.

Le decisioni saranno prese come sempre insieme a Leonardo, un partner con il quale Maldini si trova benissimo:

La sua chiamata è stata una fortuna, lui ha avuto esperienze importanti da dirigente. Avere vicino uno che conosce a 360 gradi la struttura di un club per me è fondamentale. Io e Leo ci dividiamo tra ufficio e campo, i risultati determinano il successo del nostro lavoro. Cerchiamo di infondere l'idea del Milan vincente in questo gruppo.

Infine una battuta sulla partita di sabato contro la Lazio:

Se facessimo due buoni risultati con Lazio e Torino saremmo in vantaggio con loro anche in caso di arrivo a pari punti. L'idea è di riprendere il cammino dopo aver fatto un punto in quattro partite, ma siamo ancora lì. La partita contro la Juventus ci ha dato tante certezze: ci siamo fisicamente e mentalmente.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.