Drinkwater ubriaco per dimenticare? Sarri: “Sa che non giocherà mai”

Il centrocampista non è adatto al suo gioco: “In estate gli dissi che non lo avrei mai schierato, ma ha scelto di rimanere". E intanto Fabregas lo soprannomina Drinkwhat...

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Quando un calciatore finisce per alzare un po' troppo il gomito, può essere spinto da motivazioni diverse: o vuole festeggiare degnamente una vittoria oppure deve dimenticare, una sconfitta o comunque una delusione cocente. Danny Drinkwater, centrocampista almeno formalmente in forza al Chelsea, ricade sicuramente in quest'ultimo caso.

L'altra sera Danny è stato arrestato e successivamente rilasciato su cauzione, per guida in stato di ebbrezza, venuta alla luce in seguito a un incidente stradale nei dintorni di Manchester, la sua città natale dove si era recato per prendere parte a una festa.

Fortunatamente, la polizia della zona non ha segnalato la presenza di feriti gravi nell'incidente, ma pare accertato che il giocatore abbia perso il controllo della sua Range Rover e sia finito contro l'auto di una ragazza. Essere beccato alticcio, a dispetto del cognome, non è proprio una novità per Drinkwater, tanto che quel burlone del suo ex compagno di squadra Cesc Fabregas, in un tweet poi rimosso, lo ha malignamente soprannominato 'Danny Drinkwhat?'.

Chelsea Drinkwater
L'ultima partita di Drinkwater risale ad agosto: Community Shield contro il Manchester City

Chelsea: Drinkwater ubriaco per dimenticare?

Del resto, per quanto molto ben pagato, non si può dire che Danny stia passando la migliore stagione della sua carriera. I numeri, infatti, parlano impietosamente chiaro: minuti giocati in Premier League 0, in Europa League 0, in EFL Cup 0. Per trovare la sua ultima presenza nel Chelsea bisogna tornare in piena estate, al 5 agosto scorso, quando in palio c'era il Community Shield e Sarri lo mandò in campo negli ultimi 30 minuti al posto proprio di Fabregas. Da allora solo una panchina contro il Derby County in Coppa e una in Premier League contro il Cardiff, ma soltanto perché oltre a van Ginkel mancavano anche Fabregas e Loftus-Cheek. Un'emergenza insomma.

twitter

Sarri: "Gli ho sempre detto che con me non avrebbe mai giocato"

Mica facile allenarsi tutta la settimana con i compagni e rimanere poi regolarmente fuori dalle convocazioni: se poi il Chelsea gioca a Stamford Bridge, lui va a sostenerli, quando invece va in trasferta, Danny viene aggregato alla Under 23... Ma a questo punto la domanda è una sola: perché un giocatore che guadagna oltre 7 milioni di euro all'anno - terzo al Chelsea dopo Hazard e Kepa - viene sistematicamente ignorato dal suo allenatore? Il motivo lo ha svelato ieri lo stesso Sarri al Mail:

Ad agosto, quando sono arrivato gli ho parlato e gli ho detto che con me non avrebbe mai giocato. Le sue caratteristiche non vanno bene per il mio sistema di gioco. Lui può giocare molto bene in un 4-4-2 o un 4-2-3-1, ma non è adatto a me: lui lo sapeva, conosceva molto bene la situazione e ha accettato di restare. Ho un ottimo rapporto con lui perché, a mio parere, è un bravo ragazzo. L’incidente? Non ne abbiamo ancora parlato".

Povero Danny. Non sarà Pogba, ma a quante squadre italiane avrebbe fatto comodo, magari in prestito a gennaio?

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.