Napoli, Ancelotti mai così arrabbiato con i suoi. E l'Arsenal preoccupa...

Carletto è preoccupato in vista della partita di Europa League contro l'Arsenal: "Dobbiamo difendere meglio, da squadra. E soprattutto senza pigrizia".

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Per farlo arrabbiare ce ne vuole. Quando succede però tremano i muri. Carlo Ancelotti non ha digerito l'atteggiamento del suo Napoli nella partita pareggiata 1-1 contro il Genoa nell'ultimo turno di Serie A. Durante l'intervallo della sfida del San Paolo il tecnico italiano ha quindi alzato la voce con i suoi. Come mai fatto da quando è arrivato in Campania.

Lo sguardo durante la partita era perplesso, a tratti preoccupato. Il sopracciglio era alzato. Il Napoli non ha saputo difendere il vantaggio iniziale contro il Genoa a causa di diversi errori e per la troppa confusione in fase difensiva. Giovedì, in Europa League, Carletto sa che si gioca tanto, forse tutto. Tenere il passo della Juventus in questa stagione era quasi impossibile, ma i partenopei l'anno scorso avevano 77 punti in campionato, ora ne hanno 7 in meno. In Champions League, proprio come l'anno scorso (anche se il girone era più difficile), è arrivato il terzo posto nella fase a gironi e la conseguente retrocessione in Europa League, in Coppa Italia l'eliminazione già a gennaio.

Insomma, per fare meglio di Sarri, Ancelotti è chiamato all'impresa in Europa League. Non per forza deve vincerla, ma contro il primo vero grande avversario non può perdere. Per questo la sfida con l'Arsenal è così importante. Al termine della gara con il Genoa il tecnico ha quindi precisato che una prestazione del genere, contro i londinesi, non sarebbe sufficiente.

Ancelotti è arrabbiato per l'atteggiamento del Napoli nelle ultime partite
Ancelotti è arrabbiato per l'atteggiamento del Napoli nelle ultime partite

Napoli, Ancelotti striglia i suoi nello spogliatoio e in pubblico

Ancelotti non si è però limitato ad alzare la voce nello spogliatoio. Lo ha fatto anche in pubblico. Perché il messaggio deve essere chiaro a tutti. 

Non sono preoccupato per quel che riguarda l'approccio o la mentalità dei miei, ma più per un discorso tecnico tattico. Dobbiamo difendere meglio di come stiamo facendo. Abbiamo dimostrato di essere forti quando giochiamo da squadra. Ci si deve sacrificare, senza pigrizia.

Vota anche tu!

Il Napoli supererà il turno contro l'Arsenal?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Un’analisi lucida, che non risparmia critiche alla squadra e, soprattutto, alla difesa che continua a commettere errori fin troppo evidenti. Mancano ancora solo due giorni, poi ci sarà la sfida di Londra. Serve una squadra concentrata, unita, compatta e grintosa. Altrimenti la situazione si complica. E si rischia di farlo arrabbiare ulteriormente. Lui, e a quel punto anche il presidente De Laurentiis, che all'Europa League ci tiene tantissimo (anche perché l'avversario più accreditato è il Chelsea di Maurizio Sarri). I giocatori del Napoli però sanno che hanno un paio di figuracce da farsi perdonare.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.