Milan, Suso deve uscire dalla crisi: il futuro è in bilico

L'esterno offensivo spagnolo si gioca il proprio futuro in questo finale di stagione. In ballo il suo rinnovo con il club rossonero, che potrebbe anche decidere di cederlo.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Quella 2018/2019 non è stata la stagione che ci aspettava per Jesus Suso, chiamato a compiere un salto di qualità per dimostrare di poter essere un grande giocatore. Il numero 8 del Milan ha deluso, entrando in una crisi profonda che ancora non sta vedendo sbocco. E ciò ovviamente comporta inevitabili dubbi e rumors di calciomercato per quanto riguarda il suo futuro.

Eppure l'inizio di stagione dell'esterno offensivo spagnolo era stato positivo: nelle prime 14 partite tra Serie A ed Europa League aveva messo insieme 5 gol e 8 assist. Sembrava il preambolo giusto per un'annata di grande livello per l'ex giocatore del Liverpool. Tuttavia, da Milan-Juventus dell'11 novembre 2018 il rendimento di Suso ha subito un drastico calo. Proprio sul più bello, quando Gennaro Gattuso si attendeva il suo step di crescita successivo, le sue prestazioni hanno iniziato ad avere una picchiata netta.

A condizionarlo tra dicembre e inizio gennaio anche un'infiammazione del pube che gli ha fatto perdere tre partite e fatto giocare altre in condizioni fisiche non ottimali. Suso ha stretto i denti e lavorato per stare meglio. In un'intervista di inizio febbraio aveva dichiarato di stare ormai bene, quindi il suo rendimento del 2019 non trova spiegazioni. Solo una rete segnata e zero assist trasformati in gol dai compagni. Anche se su quest'ultimo dato va detto che a volte è stata colpa di qualche compagno poco bravo a buttare dentro il pallone da lui servito. Ad esempio nel recente Juventus-Milan, con Krzysztof Piatek che a pochi passi dalla porta ha mandato clamorosamente fuori di testa su cross preciso del 25enne di Cadice.

Jesus Suso e Gennaro Gattuso durante un match di Serie A del Milan
Il futuro di Jesus Suso al Milan è in bilico, nella prossima sessione di mercato potrebbe lasciare Milanello.

Calciomercato Milan, tra rinnovo e cessione: quale futuro per Suso?

Sono tante le prestazioni anonime di Suso in questi mesi. E non basta qualche singola fiammata per rivalutarlo in positivo. I grandi giocatori si distinguono soprattutto per la loro continuità nel riuscire ad incidere positivamente nelle sorti della propria squadra. Lo spagnolo non ci sta riuscendo, ma ha ancora sette partite di campionato e almeno una di Coppa Italia per risollevare le sorti della propria stagione e aiutare il Milan a qualificarsi alla prossima Champions League.

Nonostante la lunga crisi che sta attraversando, Gattuso ha sempre dato fiducia al calciatore e lo schierato costantemente titolare nella speranza che prima o poi scoccasse la scintilla. In casa Milan auspicano in una svolta da parte del proprio numero 8 in questo finale di stagione. L'esterno offensivo originario di Cadice non segna dal 21 gennaio contro il Genoa e l'ultimo assist trasformato in gol risale al 4 novembre nella trasferta contro l'Udinese. È giunto il momento nel quale Suso deve salire in cattedra, tornando quello dei suoi giorni migliori. La squadra vive un momento decisivo della propria annata, la lotta per entrare in Champions League è nel vivo e già lo scontro diretto Milan-Lazio di sabato a San Siro può essere decisivo. C'è bisogno che tutti diano il massimo, soprattutto gli elementi maggiormente dotati tecnicamente e che possono fare la differenza.

Il club rossonero si sta giocando tanto, ma anche Suso stesso. Il futuro dell'ex talento del Liverpool è incerto. Come riportato dalla Gazzetta dello Sport, la trattativa per il rinnovo del contratto è rimasta in stand-by. L'attuale accordo in scadenza a giugno 2023 prevede un ingaggio da circa 3 milioni di euro annui, bonus inclusi. Difficile per lui e il suo agente Alessandro Lucci giocare troppo al rialzo se il rendimento sul campo non migliorerà nelle prossime partite. Il Milan ha deciso di affrontare l'argomento a fine stagione, visto che adesso le priorità sono altre, e non è detto che il 25enne iberico sia destinato a rimanere nella prossima finestra estiva del calciomercato. Nell'attuale contratto è presente una clausola rescissoria da 40 milioni che può consentire a società straniere di acquistare il cartellino del calciatore senza trattare direttamente con Leonardo e Paolo Maldini. Bisogna dire, però, che per attirare l'interesse di squadre importanti rimane necessario migliorare le prestazioni nell'ultimo scorcio di stagione. Suso ha il proprio futuro in mano.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.