Formula 1, Palmer attacca Vettel: "Un dilettante in Bahrain"

L'ex pilota Renault critica Sebastian per l'errore commesso nella gara di Sakhir durante il duello con Hamilton. Un testacoda che ritiene inaccettabile.

Sebastian Vettel nel box Ferrari Formula 1 in Bahrein

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Quello del Bahrain doveva essere il gran premio del rilancio per la Ferrari in questo inizio di campionato di Formula 1, ma si è poi trasformato in un mezzo incubo. La doppietta era assolutamente alla portata, però è sfumata in maniera abbastanza clamorosa nel corso della gara.

Charles Leclerc, autore della pole position, era stato bravo a recuperare dopo una partenza non ideale. Riscavalcati Valtteri Bottas e il proprio compagno, il pilota monegasco si era messo in testa alla corsa e l'ha poi dominata. Peccato che a 10 giri dalla fine un corto circuito interno del motore della sua SF90 gli abbia negato la gioia della sua prima vittoria in Formula 1. Ha conquistato comunque il suo primo podio, finendo terzo, ma la delusione è stata tanta.

Molta amarezza anche per quanto concerne Sebastian Vettel. Ma se il risultato di Leclerc è dipeso da un problema della monoposto, quello del tedesco (quinto posto) è la conseguenza del suo grave errore commesso mentre stava duellando con Lewis Hamilton. Nel testacoda ha spiattellato le gomme, inoltre la sua Ferrari SF90 aveva poi delle vibrazioni che hanno provocato delle vibrazioni decisive per far cedere l'ala anteriore in rettilineo. 

Charles Leclerc e Sebastian Vettel nella gara di Formula 1 in Bahrein
Sebastian Vettel sotto pressione per la presenza di Charles Leclerc in Ferrari

Formula 1, Palmer critica pesantemente Vettel dopo il Bahrain

Vettel avrebbe potuto anche vincere in Bahrain, considerando quanto successo a Leclerc verso fine gara. È vero che Hamilton lo aveva superato, però Seb aveva le carte in regola per rimettersi davanti al cinque volte campione del mondo di Formula 1. La quinta posizione finale è stata molto deludente sia per lui che per il team.

Ovviamente Vettel è stato oggetto di parecchie critiche, dato che non è raro vedere suoi errori. Soprattutto nel 2018 ne ha commessi alcuni importanti e non ci si aspettava di vederlo già in questa situazione alla seconda gara della stagione. Un pilota della sua esperienza avrebbe dovuto gestire meglio quel momento. Tra coloro che la pensano così ed hanno criticato Seb c'è Jolyon Palmer, pilota che ha corso in F1 nel 2016 e 2017 con la Renault. Attualmente è commentatore delle gare per la BBC e in una sua recente analisi non ha mancato di attaccare il driver della Ferrari.

Un testacoda da dilettante. Il motivo sembra sempre lo stesso: va in panico quando si trova nel pieno di una battaglia. Se un debuttante si fosse girato come lui, sarebbe stato deriso dopo la gara. Dovrebbe essere impensabile per un quattro volte campione del mondo fare ciò che ha fatto. Gli errori capitano, ma è la quarta volta nelle ultime dieci gare. Una tendenza inaccettabile per un contendente al titolo. Poi adesso ha un altro mal di testa: il suo compagno di squadra Leclerc, che è stato più veloce di lui finora. Vettel non sa gestire bene la pressione e adesso ne ha ancora di più.

Palmer considera inaccettabile quanto fatto da Seb nella gara di Sakhir. A suo avviso il pilota tedesco non è abbastanza abile quando si tratta di battagliare con un altro collega, visto che si fa eccessivamente prendere dal panico. Patisce molto le pressioni che ha addosso e l'arrivo di un compagno competitivo come Leclerc le ha fatte aumentare. Toccherà a Vettel reagire già dal Gran Premio della Cina che si corre nel weekend in arrivo. È un quattro volte campione iridato e deve riscattarsi subito per non rischiare di entrare in crisi.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.