Liga, il Real Madrid ringrazia Benzema: l'Eibar cade nel finale 2-1

La doppietta del centravanti francese salva Zidane e gli risparmia la seconda sconfitta consecutiva. Eibar in vantaggio con Cardona, poi ecco Benzema. Real a quota 60.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Soffre, rischia, ma alla fine vince il Real Madrid. L'Eibar ci crede, ma capitola nei minuti conclusivi e vede allontanarsi la zona europea. È decisivo Karim Benzema, autore di una doppietta, che scaccia i fantasmi da un Bernabeu rumoreggiante di rabbia e scoramento dopo il gol di Cardona e risparmia a Zidane la seconda sconfitta consecutiva in Liga. Il francese è sempre più il trascinatore dei Blancos in questo momento della stagione. 

Con questi tre punti, intanto, il Real si porta a -2 dall'Atletico che in serata scenderà in campo contro il Barcellona nell'estremo tentativo di riaprire un campionato che sembra avviato sulla strada blaugrana ormai da mesi. 

Il diciannovesimo successo in questa Liga non toglie il sapore amaro di una stagione di transizione, fatta di sconfitte spesso umilianti, ma comunque dà un po' di fiato a un ambiente che è già proiettato al futuro e al mercato. Il ritorno di Zidane è stato il primo tassello della ricostruzione, ora Perez è chiamato a spendere e a far tornare grande il Real. L'Eibar dal canto suo può recriminare per non aver saputo gestire il vantaggio, ma la vittoria dei padroni di casa è ampiamente meritata e anche stretta nelle dimensioni considerando che al Real sono stati annullati due gol e Benzema ha colto anche un palo. 

Liga, Real Madrid-Eibar: la cronaca del match

Zidane senza Ramos, Marcelo, Carvajal, Cortuois, Vinicius, tiene in panchina anche Kroos e Casemiro e sgancia in mediana Valverde, con Isco mezzala e Asensio insieme a Benzema e Bale in avanti. L'Eibar risponde con un 4-1-4-1 che però è molto più simile a un 4-5-1 molto accorto. La partita in avvio è poco scoppiettante. Il copione del match è chiaro sin da subito. 

Real a fare la gara ed Eibar compatto dietro a difendere. La squadra di Mendilibar non lascia spazi, tiene le linee strette e poi riparte anche se non con troppa convinzione. Al 9' il Bernabeu si illude, perché Benzema segna ma la bandierina del primo assistente è già alzata e quindi non si potrebbe nemmeno parlare di gol annullato. 

La difesa ospite è brava a interpretare la trappola del fuorigioco e sia Asensio, che Bale ne cadono spesso vittime. Lo stadio comincia a rumoreggiare e al 39' ecco che l'Eibar passa al primo affondo. Grande azione sulla destra di Escalante che non trova opposizione da Odriozola e trova un magnifico filtrante per Cardona che solo davanti a Keylor Navas lo beffa con un bel tocco sotto. I mormorii diventano fischi e si va a riposo così.

La ripresa

Zidane non cambia nulla nell'intervallo. Il Real riparte ancora al piccolo trotto, comanda sì le operazioni, ma non riesce a trovare il varco giusto per far male all'Eibar che continua nella sua interpretazione accorta della partita. Al 56' è ancora Benzema e ancora un'illusione per il Bernabeu, il gol del francese inizialmente viene convalidato, ma stavolta è il Var a strozzare in gola la gioia, quasi rabbiosa, del Real per il gol dell'1-1.

Una gioia che però per esplodere deve attendere solo 180''. Ed è sempre lui, il numero 9 di Zidane, a riportare i suoi in linea di galleggiamento. Cross da destra di Asensio, Oliveira marca per modo di dire e Benzema schiaccia senza lasciare scampo a Dmitrovic. Il gol scuote il Real che da quel momento comincia ad alzare il ritmo. Asensio ci prova, ma il suo destro non è angolato e non impensierisce il portiere. 

Zidane ci prova con i cambi: entrano Kroos e Lucas Vazquez per Modric e Bale e all'81' ecco che arriva il sorpasso. E indovinate a firma di chi? Sì proprio lui, ancora Benzema che fa 16 in Liga e regala al Bernabeu la sospirata vittoria. Gol in fotocopia del primo: schema da angolo, cross stavolta di Toni Kroos e stacco vincente dell'attaccante francese che nel finale si vede negare la gioia del tris dal palo. Poco male. Zidane può sorridere e con lui il Real Madrid. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.