Serie A, Cairo: "Il Torino non può giocare il derby il 4 maggio"

La Lega ha ufficializzato il calendario del campionato fino alla 18esima di ritorno, ma il Toro non ci sta: "Non possiamo giocare il derby nell'anniversario di Superga".

22 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Il Consiglio della Lega di Serie A ha preso importanti decisioni nella riunione tenutasi ieri sera e conclusa a tarda notte. E non tutte saranno gradite, almeno stando ai primi commenti che sono trapelati.

Partendo dal prossimo campionato, non mancano le novità che faranno discutere. La più eclatante è il ritorno al passato per quanto riguarda il Boxing Day. La sua reintroduzione nella stagione in corso era piaciuta ai tifosi ma non alle pay-tv che avevano lamentato difficoltà a vendere il prodotto televisivo nel mese di gennaio, a loro dire penalizzato dalle due settimane di stop obbligatorio che ne seguiva. Resta da capire perché in Premier League funzioni da sempre e da noi basti un anno per tornare indietro.

Ristabilita quindi la pausa invernale a cavallo di fine anno, fra il 23 dicembre e il 4 gennaio, in un campionato che per la Serie A comincerà il 25 agosto 2019 e si concluderà il 24 maggio 2020. Quattro saranno le soste per gli impegni della Nazionale - 8 settembre, 13 ottobre, 17 novembre e 29 marzo - mentre per la Supercoppa italiana sono state individuate tre date - 17 agosto, 23 dicembre e 4 gennaio - fra cui scegliere il giorno della finale da disputare con ogni probabilità ancora in Arabia Saudita. La Coppa Italia, infine, prenderà il via il 4 agosto e terminerà indicativamente il 13 maggio, salvo impegni europei delle contendenti.

Serie A: Cairo in campo
Serie A, Cairo contro il derby di Torino il 4 maggio

Serie A, Cairo: "No a Juventus-Torino il 4 maggio"

Ma c'è una decisione, che riguarda la stagione in corso, che sta già facendo discutere. Il Consiglio di Lega, infatti, ha reso noto il calendario ufficiale della Serie A 2018-19 dalla 34esima alla 37esima giornata: Inter-Juventus si giocherà sabato 27 aprile alle 20.30, Roma-Juventus sarà il posticipo serale di domenica 12 maggio, così come Napoli-Inter per la domenica seguente. Ma il nodo è il derby della Mole che, sembra uno scherzo del destino, è previsto per il 4 maggio, una data che evoca ricordi dolorosi non solo per i tifosi granata, ma per tutto il calcio italiano.

Quest'anno, poi, ricorre proprio il 70esimo anniversario della tragedia di Superga: era il 4 maggio 1949 quando l'aereo che trasportava i giocatori e lo staff del Grande Torino di ritorno dal Portogallo si schiantò sulla collina che sovrasta il capoluogo piemontese. Trentuno furono le vittime, fra le quali 18 giocatori granata. Un lutto per tutto il mondo del calcio, tanto che qualche anno fa la stessa FIFA aveva deciso di proclamare il 4 maggio Giornata mondiale del gioco del calcio. Per questo è subito insorto il presidente del Torino Urbano Cairo che, con toni pacati, ha chiesto di cambiare la data di Juventus-Torino:

Troviamo un'alternativa, non si può giocare il 4 maggio, quando ricorrerà il 70esimo anniversario della tragedia di Superga. Credo sia opportuno un incontro con Lega e Juventus per arrivare a una soluzione condivisa.

Quel derby del 1967

Scandalizzate le reazioni social dei tifosi granata. Vero che la data è stata scelta per agevolare l'eventuale cammino europeo dei bianconeri, ma è probabile che, con impegno comune, se ne possa trovare una migliore. Non è la prima volta, comunque, che il destino lega il derby con la Juventus a una tragedia della storia granata. Il 22 ottobre 1967, infatti, si giocò al vecchio Comunale uno Juventus-Torino carico di lutto e di ricordi: una settimana prima era morto Gigi Meroni, talentuoso idolo granata. Il Toro dominò il match nel silenzio dello stadio: 0-4 il risultato finale con tripletta di Combin e rete di Carelli, la più emozionante perché segnata dal giocatore con la maglia numero 7, quella indossata solitamente dalla "farfalla granata".

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.