Formula 1, Vettel sotto pressione. Rosberg: "Sta crollando di nuovo"

Dopo due Gran Premi, il tedesco non è ancora andato a podio. Vuole sempre vincere, ma continua a sbagliare. E ora la pressione è massima anche in casa: Leclerc fa paura.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Un inizio di stagione da incubo per Sebastian Vettel. A secco di podi e quinto nel Mondiale di Formula 1, distante già 22 punti dal leader Valtteri Bottas. Il tedesco, dopo il GP del Bahrain, si deve anche difendere dalle critiche. Un testacoda ha condizionato la sua gara. Adesso è il tempo delle analisi e del rammarico.

Chi dice la sua ed è incredulo è Nico Rosberg. L’ex Campione del Mondo, ai microfoni di Sky UK, non usa mezze parole: “Seb sta crollando sotto la pressione ancora una volta”. Il riferimento, chiaro, è a quanto accaduto l’anno scorso, quando il ferrarista con una serie di errori nella parte cruciale della stagione si è lasciato scivolare di mano il titolo a favore di Hamilton.

E ieri il duello lo ha perso ancora una volta contro Lewis, in un corpo a corpo all’uscita dei box. La Ferrari si è girata, causando danni alle gomme e all’ala anteriore. Sosta forzata e addio al secondo posto. Nella scuderia di Maranello è tempo di leccarsi le ferite.

Formul 1, i problemi di Vettel dopo due gare della stagione
Formula 1, Vettel già sente la pressione: guai dopo due GP

Formula 1, disastro Vettel. Rosberg: “Crolla sotto pressione”

Una notte a ripensare a quell’errore che ha condizionato la seconda gara della stagione della Formula 1 2019. L’anno di Vettel è iniziato molto male. In Australia la SF90 non sembrava in forma. In Bahrain lo era, ma lui ha sbagliato. Il testacoda è arrivato nel duello con Hamilton: un disastro. A caldo, il tedesco lo ha subito ammesso:

Faticherò a digerire l’errore. Io e Hamilton eravamo molto vicini, ho cercato di prendere l’interno come avevo fatto il giro prima. Credo che la curva 4 sia una delle più complicate, ma è stato un mio sbaglio, ho perso il posteriore e mi sono girato. Ho danneggiato le gomme a tal punto che le vibrazioni hanno fatto saltare l'ala.

Delusione totale. Nico Rosberg, che dopo il Mondiale di Formula 1 vinto nel 2016 ha appeso il volante chiodo, non risparmia critiche verso il ferrarista:

Non ci credo, questo non è il Sebastian degli ultimi anni. Prima di tutto la Ferrari ha sbagliato strategia in prova e lui era già arrabbiato. Ma poi in gara, con quel ruota a ruota con Lewis, si è girato completamente da solo, rovinando tutto il weekend. Deve trovare una via d’uscita. Ha rovinato la sua gara, ma soprattutto ha visto Leclerc andare benissimo. Attenzione, può continuare così il monegasco. Vettel sta crollando sotto la pressione, ancora una volta.

Formula 1, Vettel con la Ferrari danneggiata dopo il testacoda
Formula 1, la Rossa di Vettel ai box dopo il testacoda

Il giovane compagno

Vincere. In Ferrari chiedono solo questo a Seb. Eppure lui sembra non reggere la pressione nei momenti cruciali. Va in difficoltà, ieri l'ennesima dimostrazione. E ora, oltre alla Mercedes, preoccupa anche Leclerc. Hamilton, Bottas e il giovane compagno di squadra. In Bahrain ha conquistato la sua prima pole. In partenza l’ha bruciato, ma poi si è fatto riacciuffare. La Ferrari del monegasco sembrava andare il doppio (purtroppo fermata da noie al motore e finita terza). Un problema in più. In Australia, un ordine di scuderia aveva fermato Charles pronto a prendersi il quarto posto del caposquadra. In Bahrain niente limiti, sarà gara vera. Le gerarchie sono già saltate? Presto per dirlo, ma i conti, punti alla mano, qualcuno già li fa.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.