Atletica, parte la Stramilano Halfmarathon: favoriti Birech e Jeptoo

La storica mezza maratona, giunta ormai alla sua 48esima edizione si preannuncia da record: previsti oltre 60.000 partecipanti.

Oggi c'è la Stramilano Half Marathon

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Si preannuncia una Stramilano da record con oltre 60.000 partenti, che daranno vita alla popolare corsa milanese giunta alla sua quarantottesima edizione. Come da tradizione la Stramilano vivrà tre partenze diverse con la corsa amatoriale di 10 km che prenderà il via alle ore 9 dalla centralissima Piazza del Duomo, la Stramilanina di 5 km aperta ai bambini e alle famiglie al via alle 10 sempre da Piazza del Duomo e la quarantaquattresima edizione della Stramilano Half Marathon di 21 km con partenza alle 10.30 da Piazza Castello e arrivo nello stesso punto un’ora dopo circa.

La Stramilano fu organizzata per la prima volta nel 1972 quando 3400 partecipanti presero parte all’edizione inaugurale riservata agli amatori. Alla corsa amatoriale si affiancò nel 1976 la prima edizione della Half Marathon riservata ai professionisti. La Stramilano si è affermata con successo grazie alla conduzione del compianto organizzatore Francesco Alzati e al Gruppo Alpinistico Fior di Roccia.

La corsa milanese ha conosciuto grandi momenti di notorietà a livello internazionale negli anni 80 e 90 con le vittorie dei campioni keniani John Ngugi (1989), Moses Tanui (1990, 1991, 1992 e 1993) e Paul Tergat (cinque volte vincitore dal 1994 al 1999). Tergat realizzò il record del mondo nel 1998 con 59’17”, tempo che è rimasto record della gara fino al 2016 quando James Wangari si impose in 59’12”. In campo femminile il record della manifestazione è stato stabilito da Ruth Chepngetich con 1h07’42” nel 2017. Chepngetich si è successivamente affermata a livello mondiale vincendo le maratone di Istanbul in 2h18’35” nel 2018 e di Dubai nel 2019 in 2h17’08” (terza di sempre a livello mondiale alle spalle di Paula Radcliffe e di Mary Keitany).

Jeptoo parteciperà alla Stramilano Half Marathon
Jeptoo favorita alla Stramilano Half Marathon

Atletica, Stramilano Half Marathon: Birech e Jeptoo favoriti

L’edizione 2019 della Stramilano Half Marathon si disputerà sul percorso veloce lungo i viali della circonvallazione per il secondo anno consecutivo. Ottimo il cast allestito anche quest’anno dall’appassionato organizzatore Aldo Gelosa.

I grandi favoriti di quest’anno saranno i top runner Jairus Birech e Priscah Jeptoo. Birech debutterà sulla mezza maratona dopo essere stato uno dei principali interpreti dei 3000 siepi a livello mondiale negli ultimi anni.

L’atleta keniano fa parte di una ristretta élite di atleti in grado di infrangere la barriera degli 8 minuti sui 3000 siepi con l’eccellente 7’58”41 realizzato a Bruxelles del 2014. Sempre in questa specialità ha vinto due edizioni consecutive della Diamond League nel 2014 e nel 2015 con un totale di dieci gare vinte in carriera nel circuito dei diamanti e si è classificato quarto ai Mondiali di Pechino 2015. Negli ultimi mesi è stato il grande protagonista delle corse italiane più famose con i secondi posti alla Boclassic di Bolzano e al Cross della Vallagarina e la seconda affermazione in carriera alla Cinque Mulini di San Vittore Olona.

Tra gli altri protagonisti annunciati ci saranno il keniano Frederick Moranga, vincitore alla Stramilano 2017 con il personale di 1h01’20” e partente con il pettorale numero 1, e il connazionale James Kibet, primo classificato al Campaccio del 2018 e autore di un personale di 13’08”53 sui 5000 metri stabilito a Berlino nel 2017. Kibet fa parte del team run2gether guidato da Marco Rampi, Presidente dell’Associazione Africa e Sport, che sostiene e porta avanti progetti a supporto delle popolazioni africane.

Tra gli altri nomi da seguire vanno segnalati anche quelli degli altri keniani Paul Tiongik, che di recente si è imposto alla Festa del Cross di Venaria Reale vicino a Torino, James Murithi Mburugu e Joel Maina Mwangi.

Il principale top runner italiano sarà il livornese classe 1995 Lorenzo Dini, medaglia d’argento agli Europei Under 20 dei 10000 metri di Rieti 2013 nella stessa rassegna in cui il gemello Samuele si aggiudicò il secondo posto sui 5000 metri. L’atleta toscano ora allenato dal campione olimpico di maratona di Atene 2004 Stefano Baldini ha realizzato i record personali di 28’30”01 sui 10000 metri nel 2018 a Londra e di 1h03’53” nella mezza maratona nel 2019 a Verona. Si è classificato terzo in occasione dell’ultima Festa del Cross di Venaria Reale. Gli altri protagonisti saranno Giovanni Gualdi, lo specialista della corsa in montagna Nadir Cavagna, e Ali Mahamat Hissein, atleta originario del Chad allenato da Giorgio Rondelli. Sarà al via anche una vecchia gloria come lo spagnolo Martin Fiz, campione europeo a Helsinki 1994, oro mondale a Goteborg 1995 e quarto ai Giochi Olimpici di Atlanta 1996 nella maratona.

Nella gara femminile la top runner keniana Priscah Jeptoo torna alle competizioni dopo due anni di pausa dedicati alla famiglia. Nella sua carriera Jeptoo ha conquistato due medaglie d’argento nella maratona ai Mondiali di Daegu 2011 e alle Olimpiadi di Londra 2012, due vittorie nello stesso anno nelle classiche della 42 km a Londra in 2h20’15” e a New York in 2h25’07”. Ha stabilito i suoi record personali di 2h20’14” sulla maratona a Londra nel 2012 e di 1h06’11” sulla mezza maratona a Ras Al Khaimah nel 2013. I riflettori saranno puntati sulla connazionale Lucy Wambui Murigi, vincitrice alla Stramilano nel 2014 con il record personale di 1h10’52” e vincitrice delle ultime due edizioni dei Campionati del Mondo di corsa in montagna. Wambui affronta la Stramilano come test di velocità prima di tornare a preparare le corse in montagna. Come James Kibet, Wambui difende i colori del team run2gether.

L’ultima edizione ha fatto registrare la vittoria dell’etiope Sutuma Kebede con il record personale 1h07’54”. Da seguire anche l’etiope Meleka Meseret Dinke, vincitrice alla mezza maratona di Lagos e le keniane Lenah Jerotich e Ivyne Jerotich Lagat.

La migliore italiana in gara è Elena Romagnolo, due volte finalista olimpica sui 3000 siepi a Pechino 2008 e sui 5000 metri a Londra 2012 e attuale primatista nazionale sui 3000 siepi con 9’27”48. La trentaseienne biellese è diventata mamma di Carlotta nel Febbraio 2016. Sempre in chiave italiana saranno da seguire Beatrice Boccalini, autrice di un personale di 1h13’36” realizzato a Cittadella, la campionessa italiana di maratona 2013 Elisa Stefani e Sarah Giomi ((2h40’22” in maratona). 

Gli organizzatori della Stramilano hanno donato una borsa di studio al mezzofondista bergamasco di origini marocchine Abdelhakim Eliasmine, campione italiano su diverse distanze e in attesa di ottenere la cittadinanza italiana, per consentirgli di continuare gli studi. L’iniziativa è stata promossa dal Presidente del Comitato Regionale della Fidal Lombardia Gianni Mauri, che da anni collabora con l’organizzazione come apprezzato speaker della gara agonistica.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.