Formula 1, GP d'Australia: Bottas mette dietro Hamilton, Vettel delude

Gara magistrale di Valtteri Bottas che si mette alle spalle Lewis Hamilton sin dalla partenza. Verstappen sul podio, delusione in casa Ferrari.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Valtteri Bottas, dopo un lungo silenzio mediatico invernale, si aggiudica una schiacciante vittoria a Melbourne. Il finlandese nella stagione 2018 fi Formula 1 ha conquistato una sola vittoria, quest'anno esordisce subito con un trionfo nel GP d'Australia che potrebbe dare il via ad un campionato corpo a corpo con il compagno di squadra Lewis Hamilton. Grande gara anche per Max Verstappen che ha sfiorato il secondo gradino del podio, ma un errore negli ultimi giri gli ha impedito l'assalto alla Mercedes iridata.

C'è delusione in casa Ferrari. Il motore non sembra all'altezza delle dirette avversarie, a Maranello ci sarà tanto da interrogarsi nei prossimi giorni. La speranza è che il circuito sui generis di Melbourne sia un'eccezione. Il prossimo round in Bahrain sarà la prova del nove. Antonio Giovinazzi chiude la sua prima gara al volante dell'Alfa Romeo Racing con un 15esimo posto.

  • 1 - V. Bottas
  • 2 - L. Hamilton
  • 3 - M. Verstappen
  • 4 - S. Vettel
  • 5 - C. Leclerc
  • 6 - K. Magnussen
  • 7 - N. Hulkenberg
  • 8 - K. Raikkonen
  • 9 - L. Stroll
  • 10 - D. Kvyat
  • 11 - P. Gasly
  • 12 - L. Norris
  • 13 - S. Perez
  • 14 - A. Albon
  • 15 - A. Giovinazzi
  • 16 - G. Russell
  • 17 - R. Kubica

Ritirati 

  • R. Grosjean
  • D. Ricciardo
  • C. Sainz

Formula 1, la cronaca del GP d'Australia 2019

55° giro - Giro veloce per Verstappen!

52° giro - La top 10 a sei giri dal traguardo: Bottas, Hamilton, Verstappen, Vettel, Leclerc, Magnussen, Hulkenberg, Raikkonen, Stroll, Kvyat

50° giro - Escursione sull'erba per Verstappen che perde 2". Leclerc a 0,9" da Vettel, tenterà l'attacco?

48° giro - Bottas a +24,7", l'olandese della Red Bull preannuncia l'assalto alla Mercedes di Hamilton.

45° giro - Verstappen si avvicina al campione in carica: 1,3" il distacco

43° giro - Vettel si chiede perché va così piano, ce lo chiediamo anche noi!

41° giro - La top-5: Bottas, Hamilton, Verstappen, Vettel, Leclerc

38° giro - Pit stop anche per Gasly. Bottas a +20" da Hamilton

37° giro - Duello Stroll-Kvyat, il pilota russo sulla ghiaia ma riesce a rientrare

35° giro - Gasly è l'unico pilota a non aver effettuato il pit-stop. Bottas saldamente al comando con 18" di vantaggio su Hamilton. Ma Verstappen incalza in terza piazza. Vettel chiede info sul motore, dal muretto rispondono tutto ok

33° giro - Out Grosjean

31° giro - Verstappen supera Vettel, si ritira Ricciardo.

29° giro - La classifica aggiornata: Bottas, Leclerc, Hamilton, Vettel, Verstappen, Gasly, Magnussen, Hulkenberg, Raikkonen, Stroll

26° giro - Rientra l'olandese della Red Bull, Bottas si ritrova davanti

24° giro - Pit Stop di Bottas, Verstappen al comando ma deve ancora rientrare ai box

21° giro - Perde terreno Giovinazzi che scivola al 12° posto. Hamilton e Vettel soffrono con la gomma gialla.

19° giro - La top 10: Bottas, Verstappen, Leclerc, Hamilton, Vettel, Stroll, Kvyat, Gasly, Magnussen, Giovinazzi

16° giro - Pit stop anche per Hamilton che copia la strategia di Vettel.

15° giro - Pit stop per Vettel che monta gomma gialla e rientra in sesta posizione

14° giro - Bottas prosegue la sua cavalcata e scava un gap di 3,5" da Hamilton.

11° giro - A fuoco la McLaren di Carlos Sainz.

9° giro - Leclerc finisce sull'erba ma non perde posizioni. La Ferrari dimostra di avere qualche problema in fase di inserimento di curva, ma i tecnici assicurano che sarà così solo a Melbourne.

7° giro - Bottas scava 2" da Hamilton, 4" da Vettel, 5" da Verstappen, 8" da Leclerc. Timido esordio di Giovinazzi in 17esima posizione, 9° Raikkonen

4° giro - Verstappen è molto vicino a Vettel, le Mercedes per il momento non prendono il largo.

1° giro - Semaforo verde, inizia il Mondiale di Formula 1. Bottas si mette davanti a Lewis Hamiltom. seguono Vettel, Verstappen e Ricciardo. Contatto per Daniel Ricciardo che deve rientrare per cambiare l'ala anteriore.

6:09 - Quasi tutti hanno adottato le gomme morbide. Si parte con il giro di collaudo.

6:00 - Si rivede in pista Casey Stoner, il due volte campione del mondo di MotoGP. Da quest'anno l'australiano ha definitivamente appeso il casco al chiodo dopo l'esperienza di collaudatore.

5:55 - Un minuto di silenzio per Charlie Whiting, il Race Director della Formula 1 scomparso nella notte tra mercoledì e giovedì. Suona l'inno australiano.

Formula 1, il riassunto del sabato di qualifiche

Il Mondiale di Formula 1 prende il via dall’Albert park di Melbourne che, sin dalle prime battute, ha regalato qualche piccolo colpo di scena. Dopo i test invernali si attendeva una Ferrari da prima fila, invece Sebastian Vettel si ritrova ancora una volta a dover inseguire le Mercedes. Al termine delle qualifiche del sabato il tedesco ha accusato un gap di 7 decimi dal campione in carica Lewis Hamilton che lascia molto riflettere nel box del Cavallino. Il driver inglese della Mercedes ha persino segnato il nuovo record del circuito australiano in 1’20”486, anticipando di 112 millesimi il compagno di squadra Valtteri Bottas

In seconda fila Sebastian Vettel e l’amico di tanti scontri Max Verstappen (Red Bull) che all’ultimo tentativo della Q3 ha strappato il 4° posto a Charles Leclerc, che ha ammesso qualche errore personale. Kimi Raikkonen comincia la nuova avventura in Sauber dalla nona finestra in griglia, mentre il pugliese Antonio Giovinazzi partirà dalla 14esima piazza. Ultima fila per le due Williams, con George Russell e Robert Kubica. Il pilota polacco purtroppo riparte in Formula 1 dall’ultima posizione.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.