Moratti media tra Inter e Icardi: "Mettete da parte motivi del cavolo"

L'ex numero uno nerazzurro è tornato a parlare della delicata situazione legata all'ex capitano: "È il momento di chiarirsi per il bene della squadra".

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Alla vigilia di un derby che vale molto più del semplice dominio cittadino, in casa Inter tiene ancora banco la vicenda legata a Mauro Icardi. Il centravanti nerazzurro è fuori squadra ormai da un mese e, nonostante le notizie ufficiali parlino di uno stop dovuto a un fastidio al ginocchio, ufficiosamente lo strappo tra le parti è ancora ben lontano da una ricucitura totale e completa.

Nelle ultime settimane è successo veramente di tutto: dopo che la società ha deciso di togliere la fascia di capitano al suo numero 9, l'argentino ha rifiutato la convocazione in vista della trasferta di Europa League contro il Rapid Vienna, scatenando così le ire del club che - con il discorso del rinnovo ancora in bilico - si è ritrovato a gestire un caso molto delicato. Come se non bastasse, anche la moglie-agente di Icardi ha contribuito a spruzzare ulteriore benzina sul fuoco: in diretta nazionale Wanda Nara ha più volte attaccato l'Inter, accusando i dirigenti di essersi comportati in maniera scorretta con il marito.

Secondo la soubrette, i vertici nerazzurri non avrebbero dovuto declassare Maurito a "soldato semplice", visto il suo attaccamento alla maglia dimostrato a suon di gol. Dopo la trasferta di Sassuolo, la partita in cui Politano aveva dedicato una rete a Icardi portandosi le mani alle orecchie, era sceso in campo anche Massimo Moratti. L'intento dell'ex numero uno nerazzurro era quello di mediare le posizioni tra le parti, in modo che la vicenda si potesse facilmente concludere.

Inter, Moratti parla del caso Icardi
Mauro Icardi dopo il gol segnato all'Udinese: l'ex capitano nerazzurro è fuori da metà febbraio

Inter, Moratti sulla questione Icardi: "Il bene della squadra è la cosa più importante"

Effettivamente in un primo momento l'intervento di Moratti sembrava aver sbloccato definitivamente lo stallo: il suo incontro con Icardi e Wanda Nara, programmato qualche ora prima che il calciatore si riunisse con i dirigenti dell'Inter, aveva lo scopo di "ammorbidire" le posizioni dell'ex capitano nerazzurro, il quale per rientrare a far parte del gruppo avrebbe dovuto chiedere scusa allo spogliatoio accettando che la fascia rimanesse sul braccio di Handanovic.

In realtà poi le cose non hanno preso la piega sperata. Poche ore fa Moratti, intervistato da Rai Sport, è tornato sull'argomento facendo il punto della situazione. Secondo lui in questo momento dovrebbero prevalere il buon senso e la voglia di mettere gli interessi del collettivo al centro di tutto:

La faccenda è partita male e adesso ognuno vuole rimanere orgogliosamente sulle proprie posizioni, ma oggi la squadra dev'essere più importante di tutti i loro motivi del cavolo.

View this post on Instagram

⚫️ #MI9 ⚫️

A post shared by Mauro Icardi - MI9 (@mauroicardi) on

Parole dure, che fanno trasparire una certa delusione soprattutto nella componente tifosa che anima i sentimenti di Massimo Moratti. L'ex presidente ha poi voluto dare un consiglio ai giocatori dell'Inter, chiedendo loro di mettere da parte le rivalità personali e di lottare insieme verso l'unico obiettivo stagionale rimasto, ovvero la qualificazione alla prossima Champions League:

Chiedo alla squadra di guardarsi negli occhi e parlare, devono essere professionali e mettere da parte quelle ripicche che hanno spaccato a metà lo spogliatoio.

Il pensiero finale va invece a Luciano Spalletti, che in tutto questo si è ritrovato a gestire una situazione davvero delicata:

Fatico a immedesimarmi negli allenatori perché il loro è un mestiere complicato. Deve avere pazienza: prima o poi la crisi passerà.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.