Inter, Julio Cesar e il Triplete: "Abbiamo una chat WhatsApp..."

L'ex portiere dei nerazzurri ha rilasciato una lunga intervista a DAZN.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Triplete. Una parola che nei tifosi dell'Inter suscita stupende sensazioni. Riporta loro alla mente il 2010, anno in cui i nerazzurri vinsero lo Scudetto, la Coppa Italia e la Champions League. Portiere di quella squadra era Julio Cesar, che ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di DAZN e ha svelato un retroscena proprio sul Triplete:

Marco Materazzi ha creato una chat WhatsApp dove ci sono tutti quelli del Triplete. Il più attivo è mister Mourinho, scherza di continuo!

Sullo Special One ha detto:

Mourinho è un allenatore capace di far diventare fortissimo un giocatore normale. Ci faceva venire il sangue agli occhi, sapeva come caricarci. Mi ricordo che una volta eravamo alla Pinetina prima del ritorno della semifinale di Champions contro il Barcellona. Vedemmo una pubblicità in cui i giocatori blaugrana dicevano che avrebbero venduto cara la pelle per ribaltare il risultato (a San Siro era finita 3-1, ndr). Era davvero una bella pubblicità bellissima. Nella consueta riunione tecnia, Mourinho parlò di quella pubbilicità e ci disse: "Allora andiamo a Barcellona a comprare la pelle". Avevo la pelle d'oca, sarei voluto scendere subito in campo 

Sul celebre siparietto con Ibrahimovic prima di un calcio di rigore nel derby:

Lui è un fuoriclasse. Abbiamo giocato insieme per due anni quindi sapevo come tirava i rigori. Mi sono avvicinato e gli ho detto: "Pezzo di me**a, non tirare forte al centro perché te lo paro". Lui faceva la solita faccia da figo e metre camminavo indietro gli ho detto: "Ti ho beccato!". Avrebbe potuto tirare forte in mezzo perché anche lui mi conosceva, ma così gli ho tolto un'opzione. A quel punto sapevo avrebbe angolato e che aveva un angolo di sicurezza, quello alla mia destra. Tirò, segnò e mi disse: "Vai e prendi il pallone, pezzo di me**a". Ibra è così, fuori di testa. Gli piace dare calci ai compagni, anche in testa. Lo fece con Cassano al Milan

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.