Mastour flop, lascia pure il Lamia: la sua carriera finisce qui?

L'ex talento cresciuto nel Milan, a 20 anni, rescinde con il club greco. È senza squadra e potrebbe dire addio al calcio. Storia di una promessa non mantenuta.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Tutti ci hanno creduto. Maledetto YouTube, maledetti video, maledetta voglia di osannare un ragazzo e immaginarselo campione. Però da promessa a giocatore vero ce ne passa. Un pallone che sbatte forte contro il muro, un limite che una volta buttato giù ti proietta nel grande calcio. Hachim Mastour no, non ce l’ha fatta. È rimasto tra quelli che non hanno sfondato. Oggi è svincolato, è finita anche la sua avventura in Grecia tra le fila del Lamia.

Da ex talento delle giovanili del Milan, dove faceva stropicciare gli occhi a tutti con giocate da circo grazie alla sua immensa tecnica, ai prestiti che non hanno mai funzionato. Dall’estate scorsa non è più di proprietà dei rossoneri, che lo hanno lasciato andare senza rimpianti. Poi la firma a parametro zero con il club greco: sei presenze, l’ultima il 3 dicembre.

Un infortunio muscolare, le cura a Milano, i dirigenti del club che lo cercano. Ultimi mesi movimentati, poi la rescissione ufficiale del contratto. Nessuna squadra all’orizzonte. La carriera di Mastour, talento sulla carta, potrebbe finire qui. A vent’anni.

Calcio, Mastour con la maglia del Milan contro il San Lorenzo Getty Images
Calcio, Mastour con la maglia del Milan nel Trofeo Berlusconi

Mastour a fine carriera? Storia di una promessa restata tale

C’è una frase di Cristian Brocchi, all’epoca allenatore di Hachim Mastour nella Primavera del Milan, che può riassumere la storia dell’italo-marocchino:

La sua crescita deve passare attraverso l’atteggiamento: se perdi palla devi rincorrere l’avversario

A 16 anni in rossonero mostra grandissime qualità tecniche. Da cinepresa però, per i tanti tifosi voyeuristi con il telefono in mano pronti con un rec e un upload ad alimentare una promessa. Titoli sui giornali, paragoni giganti. Impressiona per i palleggi insieme a Neymar.

Poi il dimenticatoio. Il freestyle è un'altra cosa rispetto alla concretezza che serve sul terreno di gioco. Raiola lo gestisce, ma attacca:

Non mi piace il circo intorno a Mastour.

Troppo tardi. Nemmeno il guru dei procuratori, uno abile a gestire campioni già affermati, riesce a indirizzarlo sulla strada del grande calcio. Al Malaga non convince, allo Zwolle non ingrana. Al Lamia appena 6 presenze e poi l’addio. Rescissione del contratto e fine del sogno di diventare calciatore. Il classe ’98 potrebbe appendere gli scarpini al chiodo. E pensare che giusto 4 anni fa il noto quotidiano The Guardian lo inseriva tra i 50 migliori calciatori nati nel 1998.

View this post on Instagram

Le emozioni che mi regala questo incredibile sport sono ineguagliabili.. mi fa sentire vivo , mi fa saltare di gioia , rende tutta la mia vita così bella e l'ho capito fin da subito! appena nato ho capito che avrei vissuto per il calcio che avrei dato tutta la mia vita per realizzare il mio sogno confidato ai tempi , quando ero ancora un bambino , alla mia grandiosa famiglia. A 4 anni ho messo i piedi per la prima volta in quel rettangolo verde e da lì è iniziato il mio viaggio.. e come ogni viaggio ci sono sempre difficoltà da superare mettendosi in gioco ogni singolo giorno. Sono cresciuto con la dedizione del lavoro, e so per certo che con il lavoro e la forza di volontà si possono raggiungere i propri obbiettivi. Volevo ringraziare tutti per i bei messaggi che mi mandate ogni giorno siete unici!!! #football

A post shared by Hachim Mastour (@fantasyhachi) on

Quale futuro?

Ad oggi Mastour ha addosso solo l’etichetta di una promessa non mantenuta. Un vero dispiacere per lui, per il calcio italiano, per il calcio marocchino. Fine, per il momento, della sua carriera. Nessun contratto in mano. Potrebbe forse riciclarsi nel calcio A5. Uno con la sua tecnica può davvero fare bene. Ma anche su un campo piccolo serve la testa per diventare grandi. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.