Inter, Spalletti: "Le lamentele non mi fanno qualificare"

Le parole del tecnico nerazzurro alla vigilia del match di Europa League contro l'Eintracht.

0 condivisioni 0 commenti

| aggiornato

Share

Vigilia di Inter-Eintracht Fraconforte, ritorno degli ottavi di Europa League. All'andata è finita 0-0, i nerazzurri devono quindi vincere per accedere ai quarti. Alla vigilia della sfida ha parlato Luciano Spalletti, che ha avuto modo di fare anche i complimenti alla Juventus per l'impresa compiuta contro l'Atletico Madrid: 

Mi congratulo con la Juve, hanno fatto una grande partita. Ci tengo però a evidenziare in particolar modo il lavoro svolto da Allegri. Ci hanno messo grande carattere

Poi si è concentrato sulla sua Inter: 

Non mi lamento per le assenze, le lamentele non mi fanno qualificare. Saremo in undici, come sempre. Avremo tutti i mezzi per vincere la partita. Keita Balde sta bene, Brozovic è tra i convocati ma andrà in panchina. Ci aspettano settimane decisive, i ragazzi devono capirlo. Non parlo di chi manca, spesso si tende a credere che manchino i migliori. Chi giocherà sarà la nostra forza. Chi non riesce a trovare motivazioni rimane un mediocre. E al derby col Milan non pensiamo, l'importante è l'Europa League. Sono però contento che domenica ci sarà Gattuso in panchina

In attacco mancherà Lautaro Martinez, squalificato. E ovviamente sarà sempre assente Icardi. Ma anche qui Spalletti non ha cercato alibi:

Quando è assente un punto di riferimento in attacco può essere un vantaggio. Se chiedete a Skriniar chi preferisce marcare tra Ibrahimovic e Messi, vi risponderà Ibrahimovic. Politano e Keita Balde atipici? Hanno giocato già in passato da punta, mentre Candreva e Perisic giocheranno al loro posto. Non parlerei di atipicità ma di giocatori che quel ruolo ce l'hanno nelle corde 

Sull'Eintracht:

Ci attende una sfida da dentro o fuori, dovremo essere bravi a prendere decisioni importanti grazie anche all'esperienza fatta in Champions League

Su Perisic e Borja Valero:

Per le sue caratteristiche Ivan è sempre fondamentale. In Germania ha rimediato un affaticamento che si è portato dietro, spero abbia recuperato in questi giorni. Dovrà giocare liberamente. Borja Valero invece si è allenato a parte, ma la sua presenza dal primo minuto non è minimamente in dubbio.

In panchina si accomoderanno tanti giovani della Primavera:

Vedo del talento, si deve esser bravi a sfruttare la propria occasione per costruire una carriera. Qualcuno potrebbe trovare spazio, dipenderà da come andrà la partita

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.