Juventus, ora chi batte le punizioni? Il migliore è Pjanic

A Napoli il numero 5 ha colpito per la prima volta in stagione su calcio piazzato. Cristiano Ronaldo invece non ha mai a segno in 22 tentativi.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Nella Serie A 2018/2019 la Juventus ha già segnato 55 reti in 26 giornate. Nessuno ha trovato la porta con la stessa continuità dei bianconeri di Massimiliano Allegri, indiscussi leader del campionato con 16 punti di vantaggio sul Napoli secondo, ma c'è un dato sul quale Cristiano Ronaldo e soci devono ancora migliorare: la capacità di andare in rete su calci di punizione diretti.

Il centro del vantaggio realizzato da Miralem Pjanic al San Paolo di Napoli nella vittoria per 2-1 del posticipo dell'ultimo turno di Serie A è stato il primo gol su punizione diretta per la Juventus in questa Serie A. Un dato insolito per una squadra che in rosa ha a disposizione altri piedi raffinati come quelli di Paulo Dybala, Federico Bernardeschi e - soprattutto - Cristiano Ronaldo.

Proprio i numeri di CR7 sono quelli che più colpiscono nella Juventus 2018/2019: l'asso portoghese, a segno 21 volte in stagione tra campionato e Champions League, ha cercato la porta 22 volte su calcio di punizione diretto, ma non ha mai trovato la rete. Merito delle barriere, delle parate dei portieri avversari, ma anche esito della scarsa precisione dimostrata da Cristiano sui tiri da fermo nel suo primo semestre italiano.

Juventus, i volti di Pjanic, Bernardeschi e Cristiano Ronaldo prima di un calcio di punizioneGetty Images
Juventus, Pjanic, Bernardeschi e Cristiano Ronaldo prima di una punizione

Juventus, in Champions League a chi tocca sui calci di punizione? Pjanic si candida

Se per un totem come Ronaldo la media realizzativa su calcio di punizione con la maglia della Juventus sin qui è dello zero per cento, Pjanic in stagione ha convertito in rete il 25% dei calci di punizione diretti che gli sono affidati. Quello eseguito a Napoli è stato il quarto in stagione. Mai così poco presente su palla inattiva, il numero 5 bosniaco. Un dato curioso, figlio dell'affollamento alla voce "specialisti" nella rosa della Juventus. Ora la rete del San Paolo potrebbe spingere Allegri a cambiare le gerarchie e a fare del suo regista l'addetto alle prossime punizioni.

In vista della partita di ritorno degli ottavi di Champions contro l'Atletico Madrid, nell'operazione rimonta dei bianconeri anche i calci piazzati di Miralem potrebbero essere estremamente utili. Alessandro Costacurta, che ai microfoni di Sky Sport l'aveva investito del ruolo di miglior tiratore libero in rosa, prima della sfida di andata al Wanda Metropolitano aveva chiesto a Pjanic di calciare la prima punizione a disposizione a Madrid. "Domani, se ce ne sarà una, la prendo io" aveva assicurato il calciatore bosniaco. Promessa disattesa dai fatti: a occuparsi della battuta della prima punizione da posizione interessante fu Cristiano Ronaldo, con un destro dai 30 metri che trovò i riflessi di Oblak dopo pochi minuti di gioco. Questa volta l'esito sarà diverso? 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.