Champions League, le pagelle di B.Dortmund-Tottenham: dominio Sissoko

Il Borussia Dortmund ci prova, ma segna il Tottenham col solito Kane. Gli Spurs accedono ai quarti di finale. Molto bene Sissoko e Lloris, male Sancho e Alcacer.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Il Tottenham soffre, viene salvato da Lloris e colpisce alla seconda occasione con il solito Kane mandando a casa un volenteroso ma spuntato Borussia Dortmund che paga ovviamente il risultato dell'andata (3-0). Il primo è tempo è tutto di marca tedesca, ma un po' l'imprecisione degli avanti di Favre e un po' le grandi parate del portiere degli Spurs impediscono ai padroni di casa di riaprire la qualificazione ai quarti di Champions League

La ripresa si apre sulla falsa riga del primo tempo, ma un'improvvisa accelerazione del Tottenham mette fine a ogni velleità di rimonta tedesca: Akanji anticipa Kane, ma Sissoko verticalizza con immediatezza e apre a Kane una prateria per colpire Burki e portare in vantaggio i suoi. E se quello è il primo acuto della partita dell'attaccante e invece l'ennesima cosa positiva del mediano francese MVP del match.

Il gol della squadra di Pochettino fa calare il sipario e il resto della partita è quasi un allenamento per entrambe. Il Borussia è ovviamente sfiduciato, mentre gli Spurs non hanno interesse nell'andare ad affondare ulteriormente. L'ultima occasione capita sui piedi di Alcacer, ma Lloris è ancora una volta insuperabile. 

Champions League, le pagelle di Borussia Dortmund-Tottenham

Borussia Dortmund (4-1-4-1): Burki 6; Wolf 5,5 (dal 61' Larsen 6), Akanji 6, Weigl 6, Diallo 6; Witsel 6; Sancho 5,5, Reus 6 (73' Delaney sv), Goetze 6, Guerreiro 6 (dal 61' Pulisic 5,5); Alcacer 5,5. All. Favre 6

Tottenham (3-4-1-2): Lloris 7; Alderweireld 6,5, Sanchez 6, Vertonghen 7; Aurier 6, Sissoko 7,5, Winks 6 (dal 55' Dier 6); Davies 6,5; Eriksen 6,5 (dall'82' Rose sv); Son 6 (dal 70' Lamela sv), Kane 6,5. All. Pochettino 6

I migliori

Sissoko 7,5

Prova gigantesca del mediano francese. Una prestazione di fisico, di sostanza, di intelligenza tattica e pure di qualità quando verticalizza con immediatezza per Kane che poi realizza il gol che spedisce il Tottenham ai quarti di Champions League. Fa tutto bene, non sbaglia nulla. Fa filtro in mezzo al campo, aiuta Aurier scivolando a destra e andando a tamponare i movimenti di Goetze che spesso si muove in quella zona ed è il primo a proporsi quando gli Spurs si affacciano in avanti. Vitale. 

Lloris 7

Due parate salva risultato nel giro di pochi minuti prima su un colpo di testa di Weigl e poi su un destro a giro di Goetze, non si scompone nemmeno su Sancho. Se il Tottenham chiude il primo tempo sullo 0-0 e quindi mette un altro mattone sulla qualificazione deve dire grazie al suo portiere e capitano. Era già stato decisivo su Aubameyang nel finale del North London Derby. Si ripete in Champions League. È il portiere campione del mondo e un motivo ci sarà.  Impietoso quando mura Alacaer all'89' negando al Borussia pure il gol della bandiera.

Vertonghen 7

Un muro, il leader maximo della difesa degli Spurs. Sanchez sbaglia e lui mura Reus, c'è sempre, anche quando non dovrebbe nel senso che sopperisce alle mancanze dei compagni di reparto che a volte sbandano. Vero Sanchez? Dalle sue parti si aggira quel pericolo pubblico di nome Jaidon Sancho, lui però non fa una piega, non perde mai la bussola e presidia la zona con disarmante sicurezza non lasciando che le briciole al giovane talento. 

Champions League, le pagelle di Borussia-Tottenham: bene SissokoGetty Images

I peggiori

Sancho 5,5

Era l'uomo più atteso della doppia sfida. Lui londinese contro una squadra di Londra, lui soprattutto che è uno delle stelle giovani più luminose del panorama mondiale. Ma in entrambe le gare non lascia il segno. Ci prova un paio di volte a calciare verso la porta di Lloris ma senza la necessaria convinzione. Vertonghen e Davies lo controllano bene, lo disinnescano. Nell'azione del gol di Kane si addormenta e tiene in gioco il bomber del Tottenham mettendo fine alle speranze di rimonta dei suoi. 

Wolf 5,5

In fase difensiva non ha un gran da fare anche per il sistema di gioco scelto da Pochettino che non gli mette dalle sue parti giocatori offensivi a cui badare e quindi lui ingaggia un duello di fisico e di corsa con Davies e nel primo tempo riesce più volte a scendere a destra solo che le sue giocate sono sempre da mani nei capelli. Cross sballati o addosso all'avversario e tante potenziali occasioni buttate al vento. Il rapporto con il pallone non è proprio idilliaco. Un dettaglio non da poco visto il palcoscenico calcato. 

Alcacer 5,5

Fa dei movimenti molto intelligenti che aprono spazi interessanti per gli inserimenti di Reus, ma è pur vero che da lui ci si aspetterebbe molta più presenza offensiva e invece a parte in un'occasione non mette mai paura alla difesa del Tottenham. Gira troppo a largo, non si fa sentire in area, non trova mai il guizzo per dare la scossa alla partita e trascinare i suoi alla rimonta. Non è un attaccante di livello mondiale, come il suo omologo dall'altra parte del campo a cui capita un pallone e quello fa diventare oro, ma nemmeno l'ultimo arrivato. Eppure latita. Si divora il gol dell'1-1 nel finale.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.