Calciomercato, Florentino ha detto basta: Real-Bale, è finita

Il rapporto tra le merengues e il gallese, acquistato nel 2013 per 100 milioni di euro e decisivo nell'ultima finale di Champions League, è ormai arrivato ai titoli di coda.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Arrivato nell'estate del 2013 per la sbalorditiva cifra di 100 milioni di euro, che lo rendeva il colpo di calciomercato più costoso di sempre, Gareth Bale ha faticato moltissimo per prendersi un posto da protagonista nel Real Madrid: sembrava esserci riuscito finalmente il 26 maggio del 2018, quando entrando dalla panchina aveva deciso la finale di Champions League contro il Liverpool con due gol, il primo arrivato con una spettacolare rovesciata appena 3 minuti dopo il suo ingresso in campo al posto di Isco.

Era stata indubbiamente la sua serata, la sua partita, una prestazione che finalmente aveva convinto tutti, specialmente il presidente Florentino Perez che aveva deciso che il Real Madrid del futuro, che già pensava di fare a meno di Cristiano Ronaldo e che poi avrebbe rinunciato anche al tecnico Zidane, braccio e mente delle 3 Champions League vinte consecutivamente, sarebbe ripartito proprio da Gareth Bale, la stella che finalmente avrebbe potuto mostrare tutto il suo valore.

Senza più un campione inarrivabile a fargli ombra, senza più un allenatore che non lo vedeva come titolare e ne aveva chiesto addirittura la cessione, Bale avrebbe potuto finalmente prendersi il Real Madrid. O almeno queste erano le intenzioni sue e di Perez, che però si sono dovute scontrare duramente con l'amara realtà: chiamato a recitare finalmente il ruolo di protagonista nel club più importante al mondo, il gallese ha fallito clamorosamente, protagonista in negativo di una stagione che sarà l'ultima con le merengues: il prossimo calciomercato, ormai è una certezza, metterà la parola fine a un amore che di fatto non è mai davvero scoppiato.

Calciomercato, Bale da punto fermo a esuberoGetty Images

Calciomercato: a giugno Bale lascerà Madrid

A riportare la notizia, che del resto era già nell'aria da tempo, fonti molto vicine a Florentino Perez, il presidente del Real Madrid che folgorato dalla magnifica serata di Kiev contro il Liverpool aveva avallato la permanenza di Bale la scorsa estate e la conseguente rinuncia sia a Cristiano Ronaldo, campione il cui ingaggio però veniva ormai considerato un peso, sia al tecnico Zinedine Zidane che proprio del gallese aveva chiesto più volte la cessione. 

Perez sarebbe rimasto estremamente deluso dal rendimento di quello che aveva promosso a suo nuovo pupillo, e del resto è difficile dargli torto: in questa stagione Bale ha segnato appena 13 gol - 3 nel Mondiale per club contro i giapponesi del Kashima Antlers - e non è mai riuscito a prendersi sulle spalle la squadra, che si ritrova terza in classifica nella Liga e che ha dovuto lasciare la finale di Coppa del Re agli eterni rivali del Barcellona, capaci di imporsi al Bernabeu con un netto 3-0.

C'è di più: da quando Santiago Solari ha preso il posto di Julen Lopetegui sulla panchina delle merengues il rendimento del gallese è calato ulteriormente, così come il suo utilizzo del resto. Nella lista dei calciatori più utilizzati dal tecnico argentino Bale è soltanto 15esimo con 1097 minuti giocati, dato del resto tristemente coerente con quella che è stata la sua storia professionale a Madrid, che lo ha visto giocare meno della metà (47%) dei minuti giocati dal club in 6 stagioni dove un'esplosione che tutti si attendevano non si è mai verificata.

Ai continui problemi fisici si sono affiancati quelli ambientali: Bale non ha mai legato con la squadra, con i compagni, con la città, non ha mai imparato lo spagnolo e ha sempre vissuto una vita fin troppo riservata. Nell'estate del 2017 il Real Madrid aveva provato a cederlo in un calciomercato che avrebbe dovuto portare a vestire la maglia delle merengues Kylian Mbappé, ma il suo rifiuto a lasciare la Spagna aveva fatto saltare tutto.

Due estati dopo - in mezzo quella del 2018 e delle grandi illusioni - la situazione si ripresenterà identica, a meno che non si verifichi un miracolo da qui a fine stagione in cui però ormai nessuno sembra credere più. Il gallese sarà messo sul mercato per una cifra intorno ai 100 milioni di euro, soldi che serviranno a costruire il Real Madrid del futuro: la squadra che sarà chiamata a far dimenticare quella delle 3 vittorie consecutive in Champions League. Quella di Cristiano Ronaldo e Zidane e che, in fondo, non è mai stata di Gareth Bale.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.