Serie A, Mirabelli torna a parlare di Milan: "Ora si vedono i frutti"

L'ex dirigente rossonero si rammarica per non aver avuto abbastanza tempo a sua disposizione: "Impossibile costruire una squadra in una sessione di calciomercato".

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

A luglio inoltrato, con la Serie A che sarebbe iniziata di lì a poco, dopo aver preso atto dell'esonero dal suo incarico all'interno del Milan, l'ex direttore sportivo rossonero Massimiliano Mirabelli aveva scritto una lettera ai tifosi del Diavolo, esprimendo tutto il suo rammarico e augurando il meglio al club che stava lasciando.

L'ormai ex dirigente si era dichiarato onorato di aver potuto servire la squadra e aveva ringraziato esplicitamente Gennaro Gattuso, senza menzionare mai colui che era stato il suo compagno di ventura (e sventura), Marco Fassone.

A distanza di qualche mese, e con la nuova gestione che ha rivoluzionato tutte le cariche societarie, il Milan sembra essere tornato finalmente sulla strada giusta per tornare ai fasti di un tempo. Nonostante qualche problema iniziale, la stagione sta prendendo una piega giusta e anche gli investimenti fatti nell'ultima sessione di calciomercato stanno dando i loro frutti nell'immediato, in Serie A e in Coppa Italia.

Gattuso con Mirabelli e Fassone al Milan, Serie AGetty Images
Serie A, Gattuso con Mirabelli e Fassone al Milan

Serie A, Mirabelli torna a parla del Milan

Massimiliano Mirabelli, però, è sicuro che se il Milan adesso sta ottenendo risultati, una parte del merito sia anche delle basi costruite nel corso della sua gestione.

Lo ha raccontato nel corso di un'intervista rilasciata ai microfoni di Radio Sportiva:

Mi spiace non aver avuto il tempo di raccogliere i frutti del lavoro svolto, ma è stata un'esperienza per me straordinaria. Impossibile costruire una squadra in una sola sessione di calciomercato: oggi si vedono piano piano i frutti di una squadra con tanti giovani e tanti italiani. Col tempo crescerà ancora e darà grande soddisfazione al popolo rossonero.

L'ex ds del Milan Massimiliano Mirabelli, Serie AGetty Images
Serie A, l'ex ds del Milan Massimiliano Mirabelli

Su Romagnoli, Cutrone, André Silva e Montolivo

Nel corso dell'intervista l'ex ds del Milan ha affrontato anche gli argomenti dedicati a Romagnoli, Cutrone e André Silva, giocatori arrivati a vestire la maglia rossonera nel corso del suo mandato:

Romagnoli ha dimostrato grande attaccamento, ha rinnovato con noi in tempi non sospetti nonostante avesse a sua disposizione tantissime offerte. Per quanto riguarda Cutrone, parliamo di un giocatore importante, ed è normale che scalpiti. Tuttavia sono convinto che si farà valere al Milan, quando c'è abbondanza non è mai un problema. André Silva? È un classe 1995, ognuno ha i suoi tempi di maturazione. Sul fatto che abbia grande potenziale non ho dubbi e resta un patrimonio del Milan.

Ultimo tema trattato è quello legato a Riccardo Montolivo, finito ai margini e senza una sola presenza stagionale tra Serie A e coppe:

Posso dire solo che sia un grande professionista e l'anno scorso abbia dato il suo contributo: quest'anno vedo che non gioca, ma non conosco il motivo.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.