Max Biaggi rischia un anno di carcere: evasione fiscale per 18 milioni

Il sei volte iridato nella stagione 2019 sarà team principal del suo omonimo team in Moto3: "Monte Carlo è casa mia". Ma per il pm sarebbe una residenza di comodo.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Pochi giorni fa Max Biaggi era balzato alle cronache sportive per la presentazione del suo team che esordisce in Moto3, lo Sterilgarda Max Racing Team, nella sua amata Monte Carlo. ma è proprio la residenza del Corsaro a finire nel mirino della procura. Secondo le prime indiscrezioni l'ex campione della SBK avrebbe evaso 18 milioni di euro fino al 2012 e rischierebbe fino ad un anno di carcere. Un processo che va avanti da tempo per essersi sottratto, in base all'accusa della magistratura, al pagamento delle imposte sui redditi e degli interessi e sanzioni amministrative relativi alle dette imposte.

A chiedere un anno di carcere è il pm Giuseppe Olivo che ha anche sottolineato come una parte delle contestazioni siano prescritte. Secondo quanto riportato da CorSera a Max Biaggi venivano contestati la gestione e lo sfruttamento dei diritti di immagine gestiti, nel periodo 2007, da una società straniera, la Media & Sport Management con sede a Londra. Dal 2011 in poi invece ad amministrare l’immagine del pilota romano è stata prima la Biaggi Racing e poi la Vuzela International Slu. In questo periodo secondo la procura si sarebbe registrata l’evasione fiscale per cui è stata chiesta la condanna.

In base alle ricostruzioni del pm l'ex rivale di Valentino Rossi avrebbe trasferito la sua residenza nel Principato di Monaco al fine di sottrarsi al pagamento delle imposte sui redditi. Nelle precedenti udienze del processo Max Biaggi aveva respinto le accuse, sottolinenando come vivesse realmente a Monte carlo dal 1992, dove sono nati e cresciuti i suoi figli. La sua difesa gravita attorno alle date e all’ammontare della cifra che avrebbe evaso. Insieme ai suoi legali, ai tempi dello scudo fiscale, si sarebbe anche recato presso gli uffici romani di Equitalia, portando i contratti in originale stipulati con le società ed evidenziando come almeno 12 milioni di euro inevasi sarebbero solo un'invenzione.

L'ex pilota e campione Max BiaggiGetty Images
Max Biaggi team principal dello Sterilgarda Max Racing Team

Max Biaggi inizia l'avventura in Moto3

Aldilà delle vicende giudiziarie Max Biaggi lo scorso 25 febbraio ha dato il via alla sua nuova avventura nel Motomondiale, presentando ufficialmente lo Sterilgarda Max Racing Team. Nella splendida cornice dello Yacht Club di Monaco, alla presenza del principe Alberto II ha svelato la livrea della KTM che sarà affidata ad Aron Canet, reduce da tre stagioni in Moto3, l'ultima delle quali conclusa al sesto posto. Una cerimonia in grande stile, con diversi ospiti d'onore: Umberto Tozzi, Max Pezzali, Marco Simone e dj Ringo di Virgin Radio, che ha animato la presentazione

Dopo la MotoGP, la Moto3 è la categoria più entusiasmante. C'è sempre battaglia, i distacchi sono contenuti ed è quindi naturale per me iniziare l'avventura mondiale da qui. Per noi è un sogno. siamo pronti per questo grande passo. Canet è un pilota che mi è sempre piaciuto per grinta e tenacia, ma dovrà imparare a gestire meglio la pressione se vuole ottenere risultati importanti. La KTM ha grande potenzialità... Sono orgoglioso di lanciare questo progetto qui a Monte Carlo che è casa mia.

La squadra dell'ex campione romano, il MAX Racing Team, sarà al via della Moto3 dopo aver corso il Civ nel 2017 e il Cev nel 2018. Grazie all’accordo raggiunto col team di Peter Ottl (Sudmetall SchedlGP), Biaggi non solo si è assicurato un posto nel Motomondiale, ma anche l'appoggio di KTM che, nella classe cadetta, punta ad estromettere il trono detenuto da Honda. Sarà una stagione impegnativa per il sei volte iridato, che rivestirà anche il ruolo di ambasciatore Aprilia, con l'obiettivo di dare una mano alla Casa di Noale ad emergere nella classe MotoGP.

Io sarò un po' il team principal, mentre Peter Oettl si occuperà del lato manageriale e gestionale. Abbiamo motivazioni ed entusiasmo, una squadra di tanti ragazzi capaci e un pilota promettente... Noi daremo il massimo, ma per avere successo servirà anche un pizzico di fortuna.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.