Serie A, countdown Napoli - Juventus: "Niente vessilli bianconeri"

In occasione del big match del 26esimo turno la Questura chiede collaborazione agli juventini, ma gli Ultras disertano la trasferta. E spunta il caso degli svedesi scontenti.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Il conto alla rovescia verso Napoli - Juventus è ufficialmente iniziato. Come ormai d'abitudine, l'incrocio tra queste due squadre porta a galla rivalità e tensioni vecchie ormai di anni. Ancora una volta a tenere banco sono i problemi legati all'ordine pubblico: il posticipo della 26esima giornata di Serie A, che in caso di vittoria esterna vedrebbe la Juventus prendere definitivamente il largo in classifica, è considerata una gara a rischio ormai da moltissimi anni. Anche questo appuntamento non fa eccezione, tanto che la Questura di Napoli avrebbe consigliato ai tifosi ospiti di non indossare vessilli bianconeri nel tragitto tra Napoli e il San Paolo.

Un consiglio che riguarda principalmente i residenti in Campania, visto che da Torino i gruppi organizzati stanno seriamente pensando di disertare la trasferta in segno di protesta. Una delle battaglie storiche degli Ultras riguarda infatti proprio la libertà di potersi muovere senza aver bisogno della Tessera del Tifoso, vista dalle frange più estreme del tifo italiano come una sorta di schedatura anticostituzionale.

A questo si aggiunge poi il malumore dei napoletani, polemici con la Lega Calcio e l'Osservatorio per le Manifestazioni Sportive perché in occasione della partita di andata giocata all'Allianz Stadium, l'accesso ai tifosi ospiti era stato vietato. Due pesi e due misure? Questo è ciò che trapela dagli ambienti vicini al Napoli, che rivendicano una disparità di trattamento senza nemmeno aver ricevuto delle spiegazioni in merito. In sostanza: cos'è cambiato rispetto a un girone fa? Nulla, almeno apparentemente.

Una fase del match di andata tra Napoli e JuventusGetty Images

Serie A, tensioni pre Napoli - Juventus: un gruppo di svedesi protesta

Fatto sta che alla fine, dopo aver pensato di lucchettare il settore ospiti anche in questa occasione, sono stati messi in vendita circa 1000 biglietti riservati ai tifosi juventini, che così potranno assistere allo scontro al vertice del prossimo turno di Serie A. Il timore, almeno secondo la Questura, è che molti bianconeri residenti all'interno della regione possano acquistare tramite Tessera del Tifoso dei ticket per andare a vedere la partita in altre zone dello stadio, mischiandosi ai napoletani e rischiando di creare situazioni di scompiglio poi molto complicate da gestire.

Senza tessera è ovviamente impossibile ottenere il tagliando: lo sa bene un gruppo di 34 persone residenti in Svezia, le quali non potranno assistere al match nonostante avessero già tutto programmato da mesi. A riportare l'accaduto è Il Mattino, quotidiano di Napoli, che nell'edizione di martedì ha intervistato uno dei ragazzi pronti a partire da Stoccolma per raggiungere il San Paolo in occasione del prossimo weekend di Serie A:

È una decisione assurda: il Napoli ha tifosi ovunque e nessuno di questi può venire a vedere una partita alla quale non siamo mai mancati negli ultimi cinque anni.

Una cosa dal loro punto di vista intollerabile, soprattutto per le tempistiche:

Abbiamo prenotato tutto da mesi e le autorità italiane ci dicono una settimana prima che non possiamo partire? Non siamo i benvenuti nel nostro stadio. Spero vi rendiate conto dell'assurdità.

Nel frattempo la Digos di Torino ha avvertito i colleghi campani che dal capoluogo piemontese non dovrebbe muoversi nessuno, ma non è escluso che qualche cosiddetto "cane sciolto" decida di prendersi una domenica di vacanza e organizzi una gita a Napoli. Per il match le autorità hanno disposto circa 800 agenti e 1000 steward, calando l'artiglieria pesante per quella che dovrebbe essere solo una partita di calcio.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.