Inter, la linea Marotta: così ha recuperato Perisic e Nainggolan

Non solo la fascia di capitano tolta a Mauro Icardi e data a Samir Handanovic: ecco tutte le scelte dell'ad nerazzurro che ha rimesso al centro del progetto due big della rosa.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

L'esordio ufficiale nei panni di nuovo amministratore delegato per l’area tecnica e sportiva dell'Inter è avvenuto il 15 dicembre, in occasione di Inter-Udinese 1-0. Più di due mesi dopo, la mano di Beppe Marotta sul mondo nerazzurro è più che evidente, e non solo per la presa di posizione riguardante il presente di Mauro Icardi e i galloni di capitano, tolti all'argentino e assegnati al portiere Samir Handanovic. 

Fortemente voluto dall'Inter per portare in nerazzurro l'esperienza e la leadership acquisita nel corso degli anni trascorsi alla Juventus e ancor prima alla Sampdoria, Marotta ha concentrato il suo lavoro nei primi 70 giorni a Milano sui profili di tre uomini chiave: Icardi, appunto, Ivan Perisic e Radja Nainggolan. Tre situazioni differenti, ma con un tratto in comune: la capacità di questi calciatori di rappresentare patrimoni importanti, dal punto di vista tecnico ed economico, per la società.

Se per dare una svolta alla questione riguardante il prolungamento e l'adeguamento del contratto di Icardi, con la moglie-agente Wanda Nara spesso protagonista di schermaglie social e nei salotti televisivi con la società, Marotta - come spiegato da Sky Sport - ha optato per la via più radicale (fascia di capitano consegnata ad Handanovic, con Maurito scomparso dai radar per un infortunio al ginocchio), i "mal di pancia" di Perisic e Nainggolan stanno lentamente diventando un ricordo. Il messaggio è arrivato a tutti: nessuno conta più della squadra. Che ha recepito, come le quattro vittorie e il contestato pareggio di Firenze nelle ultime cinque uscite confermano. E Luciano Spalletti, l'allenatore, ha recuperato la centralità che il suo ruolo richiede.

Inter, la linea di Beppe Marotta funziona: ecco le mosse dell'AdGetty Images
Inter, la linea di Beppe Marotta funziona: ecco le prime mosse dell'Ad

Inter, così Marotta ha riportato Perisic al centro del progetto

La presa di posizione dell'Inter sul caso Icardi è stata accolta favorevolmente da tutti. L'effetto? Legami interni alla squadra rafforzati. Il primo a beneficiarne è sembrato Ivan Perisic. Da possibile partente nel mercato invernale, con le panchine nei match contro Torino in Serie A e Lazio nei quarti di finale di Coppa Italia, a protagonista: il croato ha messo alle spalle le sirene dell'Arsenal e nelle ultime tre partite tra campionato ed Europa League è tornato al centro del mondo di Luciano Spalletti. Gol contro il Rapid Vienna, assist contro la Sampdoria, rete a Firenze. 

Inter, Perisic e Nainggolan di nuovo al centro del progettoGetty Images
Inter, Ivan Perisic e Radja Nainggolan di nuovo al centro del progetto: merito del "Codice Marotta"

Dopo la multa è un altro Nainggolan

Sembra passata un'eternità, ma la prima mossa di Beppe Marotta al suo arrivo nelle stanze dei bottoni dell'Inter aveva riguardato Radja Nainggolan. Il centrocampista belga, fortemente voluto da Luciano Spalletti per replicare il sodalizio tecnico costruito a Roma, era stato protagonista di una prima parte di stagione al di sotto delle attese. Sul tavolo qualche assenza di troppo per infortunio e alcuni comportamenti sgraditi al club.

Che dopo aver optato per la linea morbida, aveva adottato una severa presa di posizione prima di Natale: il Ninja arriva in ritardo all'allenamento che precede la sfida al Napoli del 26 dicembre e scatta la sospensione per motivi disciplinari, da sommare a una multa. Nainggolan resta fuori dai ranghi per soli tre giorni. Dal giorno del rientro in campo ad Empoli, il 29 dicembre, è però partita la sua era 2.0 in nerazzurro: più costanza di rendimento, meno rumore fuori dal campo. Merito (anche) delle mosse di Marotta, l'uomo chiamato a portare equilibrio nel sempre turbolento mondo Inter.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.