Emiliano Sala, il Cardiff non paga la prima rata: il Nantes si muove

Il club francese ha deciso di rivolgersi alla FIFA per ottenere i primi 6 milioni pattuiti per la vendita dell'argentino, tragicamente scomparso lo scorso 21 gennaio in un incidente aereo.

0 condivisioni 0 commenti

| aggiornato

Share

Emiliano Sala se n'è andato lo scorso 21 gennaio in un incidente aereo. Era partito da Nantes a bordo di un Piper Malibu per raggiungere Cardiff, sede della sua nuova squadra. La sua avventura in Premier League sarebbe iniziata da lì, dal Galles, ma purtroppo non è mai cominciata. Il piccolo aereo da turismo su cui era a bordo è precipitato nella Manica ed è stato ritrovato solo diversi giorni dopo. Al suo interno c'era anche il corpo del calciatore argentino, poi portato in Argentina per celebrare il funerale. 

Oggi si continua a parlare di Emiliano Sala per la disputa tra il Nantes e il Cardiff, che dai francesi lo aveva acquistato per 17 milioni di euro. La società gallese, che mercoledì scorso aveva ricevuto una proroga di una settimana, ha deciso di non pagare la prima rata pattuita, ovvero 6 milioni. 

Scaduto il termine fissato, il Nantes ha agito e si è rivolto alla FIFA. Il Cardiff dal canto suo aveva già spiegato quali fossero le sue intenzioni: aspattare che le indagini sull'incidente si concludano prima di pagare quanto stabilito. Ma la società transalpina sembra non voler aspettare e così ha deciso di bussare alle porte del massimo organo calcistico mondiale. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.