Calciomercato, Manchester City: FA indaga su acquisto Sancho del 2015

Secondo quanto riportato da Der Spiegel, il club inglese avrebbe pagato quella cifra al procuratore del calciatore allora 14enne per arrivare prima dei concorrenti.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Le accuse che arrivano da Der Spiegel sono pesanti e questa volta colpiscono direttamente il Manchester City e, in particolare, il suo presunto modo di fare calciomercato. Sul portale tedesco si legge infatti come l'attuale stella del Borussia Dortmund, Jadon Sancho, abbia nel suo "curriculum" anche dei movimenti frutto di pagamenti irregolari, quelli dei Citizens al momento dell'acquisto del ragazzo dal Watford.

Il sito internet si appoggia come sempre su documenti interni ricavati dalle indagini di Football Leaks, dai quali sarebbe possibile tracciare l'intero percorso che ha portato il classe 2000 inglese a vestire la maglia del BVB.

Sancho è entrato a far parte del settore giovanile del Watford a partire dall'Under 9 e già a quell'età, chiunque vedesse una partita con lui in campo, era pronto da subito a scommettere sul suo futuro. Un suo allenatore dell'epoca, in un'intervista al Mirror, fece questa battuta:

Sarò onesto, anche Stevie Wonder avrebbe potuto riconoscere quanto Sancho fosse un giocatore speciale.

Sancho: stella del Borussia Dortmund prelevata dal Manchester City. CalciomercatoGetty Images
Calciomercato, Sancho: stella del Borussia Dortmund prelevata dal Manchester City

Calciomercato, la ricostruzione di Der Spiegel su Manchester City e Sancho

Non c'è da stupirsi dunque se già all'epoca molti operatori di calciomercato fossero pronti a fare follie pur di accaparrarsi quel talento puro. Ai London Youth Games del 2011, pure uno scout del Manchester City si rese conto di essere di fronte a un futuro craque, come si può leggere da uno stralcio del rapporto portato al club:

È stato il capocannoniere nella sua fascia di età ogni anno da quando è arrivato a Watford. Da solo ha smantellato Arsenal e Chelsea, pur giocando in una squadra molto più scarsa.

Insomma, non importava quanto costasse. Quel giocatore andava assolutamente preso. Nel 2014 i dirigenti del Manchester City avevano calcolato che il Watford avesse diritto a 50667 sterline per la formazione impartita al ragazzo, per questo presentarono questo tipo di offerta più un bonus supplementare di altre 12mila. Una proposta inizialmente rifiutata, ma che ha portato successivamente a un accordo (a fine febbraio 2015) sulla base di 150mila sterline, nonostante Sancho avesse appena 14 anni, che sarebbero potute salire addirittura fino a 500mila nel caso in cui il talento avesse disputato 10 partite in prima squadra.

Manchester City, Sancho con le giovaniliGetty Images
Sancho con le giovanili del Manchester City

Ben 200mila sterline all'agente del giocatore allora 14enne

Non è finita, perché Der Spiegel parla anche di cifre importanti versate all'agente del ragazzo, Emeka Obasi, sotto forma di contratto di scouting. La sua agenzia infatti doveva aiutare il Manchester City a setacciare il Centro e il Sud America per giocatori di talento. E secondo il documento di Football Leaks, per questo servizio l'agente sarebbe stato remunerato con 200mila sterline.

Il problema è che questo ammontare preciso appaia in un documento interno dei Citizens sotto la voce "Tariffa dell'agente" nell'affare Sancho.

Secondo l'inchiesta, in altre parole, il contratto era apparentemente destinato a coprire un pagamento non regolare. Contattato dalla rivista tedesca, il Manchester City si è limitato a commentare che tutto questo sia semplicemente un "tentativo di danneggiare la reputazione del club" e che "il materiale sia stato violato o rubato, e rimosso dal contesto generale". A corredare il tutto, però, ci sarebbe anche una lettera che il club ha scritto al padre di Sancho nel marzo 2015. In questa, oltre a dare il benvenuto al figlio nel Manchester City, veniva specificato il salario che il club era pronto a pagare al 14enne una volta diventato un professionista. All'interno erano elencati anche il bonus di firma e il premio che poteva aspettarsi per le partite giocate con la nazionale.

Inghilterra, Sancho ha già esordito con la nazionaleGetty Images
Sancho ha già esordito con la nazionale inglese

Il passaggio al Borussia Dortmund e l'indagine della FA

Proprio per via di questi dettagli, un avvocato del club è apparso da subito molto allarmato, dal momento che esistono norme specifiche che impediscono alle società di offrire certi incentivi ai minori (per i quali, sempre in Premier League, è stato recentemente punito il Liverpool con una multa e uno stop al calciomercato):

Ho fatto un paio di modifiche - si legge in una mail interna - per chiarire che questa non sia di per sé un'offerta. Tuttavia, c'è il rischio che questo sia ancora considerato un incentivo e quindi una violazione di tale regola.

Nonostante tutto questo, alla fine Sancho non ha collezionato una sola presenza tra i professionisti con il Manchester City, trovando molti problemi all'interno dell'Academy e trasferendosi al Borussia Dortmund non appena ne ha avuto l'opportunità, al termine del "contratto borsa di studio" con il club inglese in scadenza al 2018. Il resto è storia recente, con la rabbia di Guardiola per l'addio prematuro di un giovane su cui puntava e sull'accordo trovato tra i due club sulla base di 8 milioni, che quantomeno ha evitato ai Citizens la figuraccia di perdere un talento del genere a zero. Adesso, però, arrivano nuovi guai. Come riportato dalla BBC, infatti, la Football Association ha aperto un'indagine per cercare di vederci più chiaro sulla questione.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.