Serie A, Spalletti furioso: "È petto, eravamo in 40 a vedere il monitor"

L'allenatore interista non accetta la decisione di Abisso dopo aver visto il Var: "Domani tutti diranno che Spalletti deve andare via, quando in realtà la partita è vinta".

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Farà discutere l'episodio del calcio di rigore non concesso nella partita di Serie A al 101' di Fiorentina-Inter. Il tocco, valutato di mano dall'arbitro Abisso dopo aver consultato il Var, di D'Ambrosio è una decisione a dir poco discutibile. Le immagini sembrano mostrare un tocco di petto, non di mano. E al termine dell'incontro i due allenatori ne hanno parlato, con Stefano Pioli che per primo:

Sono onesto, certi falli di mano non li fischierei mai. Però li stanno fischiando tutti e per me ci stanno. Un giocatore per giocare a calcio non deve stare con le mani dietro la schiena. Ma li stanno fischiando e quindi per loro (gli arbitri, ndr) sono irregolari.

Poi è arrivato Spalletti, che se l'è presa con il salotto di Sky per aver preso in considerazione anche l'ipotesi del dubbio:

Ma come fate a dire "potrebbe". È chiara la cosa, non c’è bisogno di farne una votazione in base a come si è tifosi. Può essere che uno è tifoso di un’altra squadra e vede quello che gli pare. È petto netto, si muove anche la maglietta. Non si può dire “potrebbe essere”. È petto. Netto. E si vedeva tutti anche in camera. Si vedeva tutti. È petto. Senza sfiorarla con il braccio. Domani tutti diranno che Spalletti deve andare via, quando in realtà la partita è vinta. L'arbitro? A me non ha detto niente, perché non ci voglio parlare con l’arbitro che va a vedere il monitor e chiede quattro volte “ma l’ha toccata di mano?”. No, non l’ha toccata di mano. Si vede. Non ci può essere il dubbio. Eravamo in 40 a vedere lo schermo e tutti si è visto che l’ha presa di petto.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.