Formula 1, Leclerc imita Vettel: leader nel secondo giorno di test

Archiviata la seconda giornata di test Formula 1 2019 a Barcellona. Davanti a tutti c'è Leclerc sulla Ferrari. Anche oggi le Mercedes si sono un po' nascoste. Giovinazzi quinto sull'Alfa Romeo.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Concluso il secondo dei quattro giorni di test Formula 1 2019 a Barcellona. Prosegue il lavoro iniziato ieri dai team per prepararsi al nuovo campionato, che inizierà il 17 marzo a Melbourne (Australia). L'obiettivo principale è percorrere più giri possibili, provare le varie novità tecniche e le diverse gomme portate da Pirelli. Assente anche oggi la Williams, che non è riuscita a preparare in tempo la propria monoposto e dovrebbe scendere in pista solamente da domani. La concorrenza già partiva da una base migliore rispetto a quella della scuderia di Grove, che si ritrova subito ad inseguire più di quanto si aspettasse.

Il miglior tempo della giornata odierna è stato fatto registrare da Charles Leclerc, al debutto ufficiale sulla Ferrari SF90. Il talento monegasco, che ha chiuso col crono di 1'18"247, ha proseguito nel lavoro già impostato ieri dal team con Sebastian Vettel, anche lui leader nel Day-1. La nuova macchina realizzata a Maranello si è confermata affidabile, dato che il 21enne pilota nato a Montecarlo è riuscito a completare la bellezza di 157 giri, dodici in meno rispetto al compagno ieri ma comunque più di tutti oggi. Un buon inizio per il neo-ferrarista, desideroso di dimostrare di essere all'altezza di una scuderia così prestigiosa.

Seconda posizione a sorpresa per Lando Norris con la McLaren motorizzata Renault. Uno dei rookie di questo campionato di F1 2019 è riuscito a concludere la sessione con tre decimi di ritardo da Leclerc. Lo stesso piazzamento lo aveva ottenuto ieri il suo compagno Carlos Sainz. Segnali incoraggianti da parte del team di Woking, che continua a lavorare per archiviare le deludenti stagioni passate. Il 19enne britannico ha percorso 109 giri, confermando l'affidabilità della monoposto, almeno finora. Terza piazza del Day-2 a Kevin Magnussen (1'19"206) sulla Haas VF-19 con motore Ferrari. Solo 59 le tornate per lui, sei in meno di quelle effettuate ieri dal teammate Romain Grosjean, segnale che la macchina deve ancora essere sistemata per potersi dire affidabile. Quinto Alexander Albon, altro debuttante in Formula 1, che con la sua Toro Rosso era stato protagonista di un fuori-pista nell'installation lap mattutino.

Lewis Hamilton Mercedes Test Formula 1 2019 Getty Images
Lewis Hamilton al termine della mattinata di test a Barcellona

Formula 1, test Barcellona: Mercedes ancora non esprime tutto il potenziale

Anche oggi la Mercedes si è un po' nascosta, focalizzandosi più sul ritmo gara che sulla velocità pura nel giro singolo. Lewis Hamilton ha corso al mattino, mentre Valtteri Bottas è sceso in pista nel pomeriggio. La scuderia di Brackley prosegue alternando i due piloti nel corso delle giornate di test a Barcellona. Il cinque volte campione del mondo di Formula 1 ha chiuso al decimo posto con il miglior crono di 1'19"928, invece il finlandese si è classificato sesto in 1'19"535. Sono 163 i giri totali percorsi dai piloti delle Frecce d'Argento, sintomo che la W10 si sta confermando una vettura molto affidabile.

Dopo aver fatto girare Kimi Raikkonen nella sessione di ieri, oggi il team Alfa Romeo Racing ha schierato l'italiano Antonio Giovinazzi. Per lui un quinto posto finale in 1'19"312 e 101 tornate complessive che testimoniano la bontà del nuovo progetto C38. Settimo Pierre Gasly, che al volante della Red Bull è andato a sbattere contro le barriere nel pomeriggio, dopo un testacoda. Nessuna conseguenza fisica per il talentuoso driver francese, che però ha dovuto concludere anzitempo il proprio test odierno. L'ex pilota Toro Rosso ha collezionato 93 giri, a conferma che il nuovo motore Honda per adesso sta dando affidabilità. Dietro di lui Nico Hulkenberg e Daniel Ricciardo, alle prese con una Renault che tra ieri e oggi ha avuto qualche problema. L'australiano, che ha corso al mattino, ha effettuato solamente 28 giri a causa di un'ala mobile (DRS) malfunzionante. Meglio è andata al suo compagno, che è riuscito a mettere insieme 95 tornate.

Undicesima posizione per Lance Stroll sulla Racing Point. Il fanalino di coda è stato Pietro Fittipaldi, tester Haas che ha fatto solamente 13 giri oggi. Domani nel terzo giorno rivedremo in pista Bottas (mattino), Hamilton (pomeriggio), Vettel, Verstappen, Hulkenberg (mattino), Ricciardo (pomeriggio), Grosjean, Sainz, Perez, Raikkonen e Kvyat. La speranza è di poter vedere finalmente anche la Williams, che secondo il programma stabilito dovrebbe schierare Kubica e il terzo pilota Latifi. Ecco i tempi ufficiali del secondo giorno di test di F1 2019 a Barcellona:

  1. Leclerc 1:18.247 (157 giri)
  2. Norris 1:18.553 (104)
  3. Magnussen 1:19.206 (59)
  4. Albon 1:19.301 (132)
  5. Giovinazzi 1:19.312 (101)
  6. Bottas 1:19.535 (89)
  7. Gasly 1:19.814 (92)
  8. Hulkenberg 1:19.837 (95)
  9. Ricciardo 1:19.886 (28)
  10. Hamilton  1:19.928 (74)
  11. Stroll 1:20.433 (79)
  12. Fittipaldi 1:21.849 (13)

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.