WWE Elimination Chamber 2019, tutti i risultati del PPV in diretta

La diretta scritta del Pay-Per-View dell'Elimination Chamber Match. Nel main event sarà messo in palio addirittura il titolo WWE di Daniel Bryan.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Tutto pronto per Elimination Chamber, la nona edizione del PPV della WWE, che andrà in scena questa notte nel Toyota Center di Houston, Texas. Tanti motivi per seguire questo evento, che vi racconteremo (a partire dalla mezzanotte) come sempre passo passo con la diretta scritta qui su FOX Sports.

In questa edizione di Elimination Chamber verrà introdotto un nuovo titolo, WWE Women's Tag Team Championship, annunciato da Alexa Bliss (grande assente) lo scorso 14 gennaio nella puntata di Raw.

In palio, nel main event, la possibilità di contendere a Daniel Bryan il titolo WWE. A questi due appuntamenti - assolutamente da non perdere - si aggiungono poi gli altri che completano le WWE News e il programma di Elimination Chamber 2019: altre quattro cinture saranno infatti messe in palio nel corso dell'evento.

WWE Elimination Chamber 2019, highlights e risultati

Non mancano i motivi per assistere a Elimination Chamber, questo PPV targato WWE che l'anno scorso vide il trionfo di Roman Reigns nel main event. Dopo tali premesse e promesse, non ci resta che iniziare con il racconto di una serata fantastica all'insegna del grande wrestling.

Come ogni Pay-Per-View, anche quello che prevede il match con la gabbia circolare d'acciaio di 16 tonnellate, formata da circa due migliaia di catene, parte dal Kickoff: di fronte Buddy Murphy e Akira Tozawa, in palio il titolo di campione dei Cruiserweight.

Kickoff (Buddy Murphy vs Akira Tozawa)

Cruiserweight Championship Match

La forza di Buddy Murphy contro l'agilità di Akira Tozawa. Il campione in carica inizia alla grande, usando tutta la sua potenza. Ma alla lunga il giapponese sfrutta le sue tecniche e mette in seria difficoltà l'avversario. Sfrutta tutte le sue mosse: dalla Bicycle kick al German suplex. Niente da fare. Il match rimane in bilico e se lo aggiudica Buddy Murphy, bravo a resistere e colpire nel momento giusto. La cintura dei Cruiserweight rimane all'australiano.

The Boss 'n' Hug Connection (Bayley e Sasha Banks) vs Carmella e Naomi vs. The IIconics (Billie Kay e Peyton Royce) vs Mandy Rose e Sonya Deville vs Nia Jax e Tamina vs The Riott Squad (Liv Morgan e Sarah Logan)

WWE Women's Tag Team Championship Elimination Chamber Match

Si parte con il due contro due tra Sasha Banks e Bayley contro Mandy Rose e Sonya Deville. Allo scadere dei cinque minuti, con Bayley che colpisce Mandy Rose, si apre la cella della Riott Squad.

Sasha temporaneamente fuori gioco, si consuma un quattro contro uno, tutte contro Bayley. Una situazione che rischia di favorire le Ilconics, che all'apertura della cella, tentano il colpaccio immediato. Il momento sembra buono, ma il countdown regala un'altra coppia al match: tocca a Carmella e Naomi.

Adesso è veramente un tutti contro tutti. I corpi volano per tutto il ring, con Nia Jax e Tamina che aspettano il loro momento impazientemente. Ma la prima sorpresa arriva dall'eliminazione di Carmella e Naomi, schienata dalle Ilconics con Roll Up.

Tempismo perfetto, si apre l'ultima gabbia. Billie Kay e Peyton Royce si richiudono dentro, ma Nia Jax e Tamina le stanano e le eliminano in contemporanea. Rimangono in gioco quattro coppie.

Altra eliminazione per mano di Nia Jax e Tamina. Stavolta a farne le spese è la Riott Squad. Subito dopo il colpo di scena: l'attacco di Nia Jax su Bayley va a vuoto e sfonda una delle gabbie, rimanendo quasi prima di sensi. In quel momento scatta la coalizione, in quattro contro Tamina, schienata nel giro di pochi secondi.

La vittoria finale va al The Boss 'n' Hug Connection, merito della presa di Sasha Banks che non lascia scampo a Sonya Deville, che è costetta ad arrendersi alla Bank Statement. La prima edizione del WWE Women's Tag Team Championship Elimination Chamber Match va a Sasha Banks e Bayley. Prima della sottomissione, c'è stato un momento che ci ha riportato indietro di 12 mesi, quando il match valeva il titolo singolare di Raw: Sasha Banks e Bayley sulla gabbia. Stavolta però niente tradimento, The Boss aiuta la compagna di team, il resto è acqua passata.

The Miz e Shane McMahon vs The Usos (Jey Uso e Jimmy Uso)

 WWE SmackDown Tag Team Championship Match

La coppia The Miz e Shane McMahon mette in palio la cintura di WWE SmackDown Tag Team Champion. Ed è proprio Shane-O-Mac il grande protagonista dell'incontro: prima con il Coast to Coast (riuscito su Jey e neutralizzato da Jimmy) e poi con il Diving Elbow Drop, che mette fuorigioco Jay (e sé stesso). Sul ring rimangono Jimmy Uso e The Miz, che mette a segno la Skull Crushing Finale. Ma durante lo schienamento viene capovolto in una culla dal suo avversario. Conteggio fino a tre e titolo che passa nelle mani dei The Usos.

Bobby Lashley e Lio Rush vs Finn Bálor

Intercontinental Championship Handicap Match

Un incontro spettacolare, che mantiene le promesse. In palio c'è l'Intercontinental Championship. La coppia formata da Bobby Lashley e Lio Rush parte con la giusta intensità, mettendo alle corde Finn Balor. Ma l'irlandese non si arrende, sostenuto senza sosta dal Balor Club. La reazione è di quelle rabbiose e la furia dell'Uomo Capace di Imprese Straordinarie si abbatte su entrambi gli avversari. Prima la Senton, poi il Coup de Grace su Lio Rush. È Finn Balor il nuovo Intercontinental Champion. Bobby Lashley si accanisce con il suo compagno di squadra, che si era preso il cambio nel momento in cui l'Onnipotente era in controllo totale della contesa, facendo perdere il vantaggio alla coppia.

Promo: il discorso di Charlotte Flair

Attacco frontale di Charlotte Flair. La Regina fa il suo ingresso a sorpresa e prende il microfono. Parole dure sia nei confronti del pubblico che di Becky Lynch:

Lei ha bisogno dei vostri cori e del vostro amore, io ho l'amore di me stessa quando mi guardo allo specchio e mi basta. Sono la migliore a Raw, Smackdown, in tutta la WWE. E ora sono qui per vedere chi affronterò a WrestleMania fra Ronda e Ruby.

Dopo aver lasciato finito il suo discorso, Charlotte si siede a bordo ring per assistere al match.

Ronda Rousey vs Ruby Riott

WWE Raw Women's Championship Match

Bastano pochi secondi per capire come andrà a finire l'incontro. Rowdy sale sul ring e mette subito le cose in chiaro: Ruby Riott si difende come può, ma deve capitolare dopo qualche minuto. La solita Armbar che non lascia all'avversaria diritto di replica. Il titolo resta a lei.

Al termine dell'incontro Charlotte Flair sale sul ring per sfidare Ronda Rousey in vista di WrestleMania. Ma è proprio in quel momento che tra il pubblico si fa largo Becky Lynch in stampelle (sospesa da Vince McMahon per 60 giorni e colpita al ginocchio sinistro da Charlotte 24 ore prima). Con estrema fatica raggiunge le rivali e risponde alle accuse di The Queen. Le lancia una stampella e con l'altra inizia a colpirla, poi concede lo stesso onore a Rowdy. Ma prima che possa accanirsi su Charlotte, Becky Lynch fa lo stesso con lei. Siamo solo l'inizio di una lunga faida.

Baron Corbin vs Braun Strowman

No Disqualification Match

Che ci sarebbe stata un'interferenza ce lo si aspettava. Ma addirittura doppia, forse no. Braun Strowman non può nulla contro Baron Corbin, dal momento che viene aiutato anche da Drew McIntyre e Bobby Lashley. Sedie, pedane, e infine tavoli. C'è di tutto sul ring al momento della Triple Powerbomb, la mossa finale già utilizzata in passato dallo Shield e ripresa da questo trio.

Daniel Bryan vs AJ Styles vs Jeff Hardy vs Kofi Kingston vs Randy Orton vs Samoa Joe

WWE Championship Elimination Chamber match

Scende la gabbia, inizia il main event di Elimination Chamber 2019. Entrano i wrestler: Kofi Kingston, accompagnato dagli amici del New Day, è il primo. Poi è il momento di Jeff Hardy, seguito da Randy Orton e AJ Styles. Iniziano sul ring Samoa Joe e il campione in carica Daniel Bryan, subito polemico nei confronti del pubblico.

Inizio piuttosto lento, ravvivato dall'ingresso di Kofi Kingston, che prende subito di mira Daniel Bryan. Ma è Samoa Joe il più temuto, soprattutto dal The Planet's Champion, che sfugge dal confronto arrampicandosi sulla gabbia.

Scadono altri cinque minuti, è il momento di AJ Styles. Gli basta poco per diventare protagonista: Phenomenal Forearm e Samoa Joe eliminato. Si apre la gabbia di Jeff Hardy, che attacca AJ: Swanton bomb, ma Daredevil non si aspetta l'intervento di Daniel Bryan. Running knee improvviso e anche Jeff Hardy è fuori.

Ora tocca a Randy Orton, sono rimasti in quattro sul ring. AJ Styles si prepara per un'altra Phenomenal, ma interviene The Viper con una spettacolare RKO che lo mette fuori gioco. Randy Orton non si accontenta e si avventa prima su Kofi Kingston e poi su Daniel Bryan. Deve fare i conti però con il componente del New Day, che si affida alla Trouble in Paradise.

Finale entusiasmante con Kofi Kingston che contende il titolo WWE a Daniel Bryan. Il campione in carica cerca più volte di schienare l'avversario, che però riesce sempre a rialzarsi. La sfida si sposta sul tetto di una gabbia, con The Planet's Champion spinto giù da Kofi. Il tentativo di Frog Splash non è fortunato, mentre il Running knee va a segno e consente a Daniel Bryan di mantenere il titolo. Kofi Kingston esce comunque tra gli applausi del pubblico, che lo ha sostenuto per tutta la durata dell'incontro.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.