Real Madrid, Marcelo sotto accusa: "Giocare con lui è come giocare in 10"

Anche contro il Girona pessima prestazione del brasiliano, che soffre la concorrenza di Reguilon e sembra avere ormai perso il posto da titolare.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Proprio quando sembrava essersi messo finalmente alle spalle il disastroso inizio di stagione, che aveva portato all'esonero del tecnico Lopetegui e aveva lasciato evidenti strascichi mentali in una squadra che sembrava vivere unicamente di fiammate improvvise e sprazzi di classe di alcuni singoli, il Real Madrid ripiomba in una situazione critica cadendo clamorosamente in casa contro il Girona e lasciando ai cugini dell'Atletico Madrid il secondo posto nella Liga faticosamente conquistato.

Come già era accaduto in occasione del pareggio contro il Barcellona nella semifinale di andata di Coppa del Re, anche nella sconfitta contro il Girona media e tifosi sembrano avere individuato un responsabile, un giocatore che fino a pochi mesi fa veniva considerato il migliore al mondo nel suo ruolo e che invece adesso la stampa definisce "un vantaggio per gli avversari": si tratta di Marcelo, terzino brasiliano che veste la maglia delle merengues dal lontano 2007 e che negli ultimi mesi sembra il lontano parente del fantastico giocatore di un tempo.

Passato in vantaggio con Casemiro, il Real Madrid è stato prima raggiunto da un rigore realizzato da Stuani e poi ha subito il gol che è valso una clamorosa sconfitta in seguito a una respinta di Courtois su cui Marcelo non si è dimostrato abbastanza reattivo, finendo per farsi anticipare da Portu in un'azione che ha ricordato quella che ha portato al pareggio del Barcellona in Coppa del Re: anche in questo caso il brasiliano era stato lento nel rientrare in difesa, lasciando a Malcom lo spazio necessario per realizzare una rete pesantissima.

Real Madrid, il terzino brasiliano MarceloGetty Images

Real Madrid, Marcelo nella bufera: Solari lancerà definitivamente Reguilon

È Marca a definire con i numeri la crisi in cui versa il terzino, che ultimamente la tifoseria sembra aver smesso di considerare un idolo e che invece viene visto oggi come una pesante zavorra per le ambizioni di una squadra che nonostante le numerose vicissitudini vissute dopo l'addio nella scorsa estate di Zidane e Cristiano Ronaldo è ancora in corsa per vincere tutto.

Delle ultime 9 gare nella Liga giocate con Marcelo titolare, il Real Madrid ne ha vinta appena una, pareggiando in altre due occasioni e perdendo le restanti sei. Un bilancio pessimo che se confrontato al rendimento del canterano Sergio Reguilon, che Solari ha lanciato in prima squadra alternandolo al brasiliano, diventa disastroso: con in campo il giovane 22enne, infatti, le merengues hanno vinto tutte le ultime 8 gare.

I numeri non mentono, così come la sensazione costante di pericolo vissuta dalla squadra con Marcelo in campo: il pessimo periodo di forma del brasiliano non gli permette più di essere incisivo come vorrebbe in fase offensiva né di poter recuperare la posizione con la prontezza di un tempo, trasformandolo in un vero e proprio peso morto. A differenza del passato, inoltre, il Real Madrid si trova quest'anno ad avere una valida alternativa come Reguilon, che non ha mai deluso quando è stato chiamato in causa e che da qui a fine campionato dovrebbe ormai essere certo, salvo cataclismi, del posto da titolare.

A giugno, con ogni probabilità, Marcelo saluterà dopo 12 anni l'unico club con cui abbia mai giocato in Europa: le voci di un trasferimento alla Juventus, dove ritroverebbe l'amico di sempre Cristiano Ronaldo, continuano a essere insistenti, ma starà alla società bianconera valutare se sia il caso di sacrificare un talento come Alex Sandro per fare posto a quello che indiscutibilmente è stato un campione ma che ormai, almeno a giudicare dalle ultime settimane, sembra davvero a fine corsa.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.