Calciomercato, Davie Selke: un centravanti che sa fare tante cose

Il centravanti dell’Hertha è il calciatore contemporaneo che somiglia di più al primo Ibrahimovic: in un processo di crescita costante potrebbe diventare un attaccante completo e difficile da fermare.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

In Bundesliga stanno facendo faville i finti centravanti, quelli che ormai tutti chiamano falso nueve e che vengono utilizzati in diverse varianti e con compagni di squadra molto diversi fra di loro. In vetta alla classifica dei capocannonieri c’è Jovic, un attaccante giovane che può essere considerato un centravanti, anche se molto moderno e con skills eccezionali anche nella rifinitura del gioco, mentre gli altri nomi in cima sono Reus, che si è scoperto finalizzatore in una squadra in cui l’ipotetico centravanti, Paco Alcacer, quando gioca lo fa sull’esterno, Yurary Poulsen, attaccante che svaria su tutto il fronte d’attacco, come fa anche il suo compagno d’attacco, Timo Werner.

Tanti gol hanno fatto fino ad oggi anche Sebastien Haller dell’Eintracht Francoforte, Alassane Plea del Borussia Moenchengladbach, insieme al compagno di squadra Thorgan Hazard e Ondrej Duda, trequartista slovacco dell’Hertha Berlino. Di centravanti veri che stanno facendo bene c’è il solito Lewandovski, mentre su un altro attaccante, proprio dell’Hertha, si stanno accendendo parecchi riflettori, Davie Selke. Il numero 27 del "Die Alte Dame" (La Vecchia Signora) si sta facendo notare non tanto per i gol, quattro in stagione, ma per come sta aiutando la squadra nel suo complesso.

In ottica calciomercato, una delle cose più interessanti di Davie Selke è di sicuro il fisico. Alto 1,94, per 82 kg, riesce ad unire una buona agilità nello stretto alla potenza fisica che gli permette di tenere negli scontri al centro dell’area. Ha poi una speciale capacità di coordinazione e un'ottima stamina, nonostante viene chiamato ad un lavoro oscuro e difensivo molto dispendioso. Appena lo vedi muoversi e toccare la palla, la prima idea che ti fai è quella di Zlatan Ibrahimovic. Sta a lui cercare di tendere ad un modello che con il tempo è riuscito a migliorare sempre di più.

Davie Selke, la "cosa" più vicina a Ibrahimovic può infiammare il calciomercato

Se vedi i dati di Davie Selke in questa stagione, la cosa che salta subito agli occhi sono gli 8 assist e questo dice subito tanto su di un giocatore con quel fisico e che gioca in quella posizione. Selke non è un finalizzatore puro ma sa fare gol, sa giocare in area di rigore, ma sa anche uscirne per vedere i compagni in posizione pericolosa.

View this post on Instagram

👊🏾⚽️🔥 #TOTW #FIFA19 @easportsfifa_de

A post shared by Davie Selke (@davieselke) on

Nello stretto sa destreggiarsi, ma è negli spazi larghi dove quel fisico alla massima velocità fa sfracelli. È nato il 20 gennaio 1995, non è di primissio pelo ma i suoi 24 anni non lo fanno di sicuro un giocatore attempato e che non ha più margii di crescita, per cui è molto interessante in ottica calciomercato. È cresciuto nel Werder Brema, ma nel 2015 viene venduto in quella che è a tutti gli effetti una delle squadre-laboratorio più interessanti del calcio europeo, l’RB Lipsia.

Qui avrebbe potuto subito farsi notare dai grandi club ma non ha reso e ha dovuto cambiare aria, passando all’Hertha Berlino, dove ha trovato l’allenatore ungherese Pal Dardai che lo fa giocare in un modo in cui può rendere al massimo. Intorno a lui girano una mezzapunta di classe, Duda, un centrocampista che può spaccare le difese se viene pescato in corridoio, il serbo in prestito dal Liverpool Grujic, e un’ala di esperienza che sa rifinire, come Salomon Kalou. Messo al centro di una manovra offensiva orchestrata da questi calciatori, Selke è il centravanti ideale, perché sa riempire e svuotare l’area di rigore quando serve e soprattutto sa servire i compagni, come gli 8 assist fino ad oggi certificano.

Guardando al prossimo calciomercato, la squadra perfetta per lui è quella con tanti giocatori in grado di inserirsi in area, come il Liverpool, il Bayern Monaco, che ha Goretzka ed esterni giovani, Gnabry e Coman, che stanno facendo moto bene, mentre in Italia il Napoli sarebbe la squadra che lo potrebbe esaltare di più. Un’altra squadra dove potrebbe fare benissimo sarebbe l’Atalanta, ma è probabile che il suo prezzo in estate sia inavvicinabile per Percassi.

Insieme al futuro nelle squadre di club, il suo nome inizia a girare vorticosamente anche per la Nazionale tedesca, dove Werner non sembra mai fare lo step di crescita decisivo, Reus è difficile che ritrovi gli equilibri del Borussia Dortmund e in cui serve forza giovane di cui fidarsi. Selke potrebbe essere il centravanti che Loew sta cercando.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.