Liga, Real Madrid: Bale rischia una squalifica di 12 giornate

Dopo aver segnato il gol del 3-1 nella vittoria del Real sull'Atletico il gallese avrebbe mimato il gesto dell'ombrello, definito "osceno".

1k condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Potrebbe avere pesanti ripercussioni per Gareth Bale il gesto con cui il gallese ha deciso di festeggiare la rete del 3-1 nell'ultimo derby di Madrid vinto dal suo Real nei confronti dei cugini dell'Atletico allenati da Diego Simeone. Una commissione della Liga è stata infatti chiamata a indagare sul modo con cui l'attaccante delle merengues ha esultato subito dopo aver insaccato il pallone che di fatto ha sancito la vittoria della squadra di Santiago Solari.

Si tratterebbe del famoso "gesto dell'ombrello", considerato osceno e gravemente offensivo e punibile con una squalifica che può variare dalle 4 alle 12 giornate: se la commissione dovesse riconoscerlo come causa di una reazione ostile da parte del pubblico colchoneros presente al Wanda Metropolitano sabato sera arriverebbe una stangata che potrebbe addirittura rivelarsi decisiva nei riguardi del futuro del gallese al Real Madrid.

Il regolamento della Liga infatti parla chiaro: se venisse riscontrata l'intenzione da parte del giocatore di offendere il pubblico la sanzione sarebbe pesante, e rischierebbe di mettere fuori dai giochi fino a fine campionato il gallese, acquistato nel 2013 per una cifra che all'epoca stabilì un nuovo record mondiale e che ha sempre faticato a convincere dopo essere arrivato al Real circondato da altissime aspettative.

Liga, Bale sotto esame per l'esultanzaGetty Images

Liga, Bale rischia di pagare caro il "gesto dell'ombrello" rivolto ai tifosi dell'Atletico

In realtà le statistiche sono assolutamente dalla parte di Gareth Bale: il gol del 3-1 che ha deciso l'ultimo derby di Madrid e che ha regalato al Real il secondo posto in classifica nella Liga è il gol numero 100 segnato con la maglia delle merengues in 219 partite, una media di poco meno di un gol ogni due gare che è decisamente rispettabile ma che non basta a convincere completamente i suoi detrattori.

Il gallese infatti è quasi sempre vissuto ai margini delle merengues, schiacciato dalla presenza e dalla personalità di Cristiano Ronaldo e emergendo soltanto a sprazzi, magnifiche fiammate come quella che nell'ultima finale di Champions League sancì la vittoria del Real Madrid con una spettacolare rovesciata. Un gesto tecnico di alta scuola che aveva conquistato Florentino Perez e lo aveva convinto che il club potesse andare avanti senza CR7: sarebbe stato Bale l'erede del portoghese.

La storia ci racconta che non è stato così: Bale ha faticato a prendersi il Real, confermando alcuni limiti caratteriali e fisici che non gli hanno permesso di diventare la nuova stella della squadra. Nelle rotazioni di Santiago Solari il gallese è finito nuovamente ai margini della formazione titolare, sopravanzato dal nuovo fenomeno brasiliano Vinicius Junior, e il gol del 3-1 nel derby contro l'Atletico Madrid avrebbe dovuto sancire l'inizio di una nuova rinascita.

Resta da vedere se questa si concretizzerà o se tutto sarà reso vano dalla smodata esultanza: starà adesso alla commissione prendere in esame il gesto rivolto al pubblico e analizzarne la gravità. Esiste anche la possibilità che il modo con cui Bale ha festeggiato possa essere interpretato come una semplice provocazione, che avrebbe come conseguenza una squalifica ben più ridotta che andrebbe da una a tre giornate. Ma se così non dovesse essere la permanenza del gallese a Madrid, già messa pesantemente in dubbio dall'esplosione di Vinicius, potrebbe essere davvero prossima alla fine.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.