Ibrahimovic su Cristiano Ronaldo: "Andare alla Juventus non è una sfida"

Lo svedese ha voluto chiarire che l'acquisto di CR7 è stato un grande affare per il club e per il calcio italiano, ma non ritiene che si possa parlare di sfida.

152 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Passano gli anni, Zlatan Ibrahimovic è ormai agli sgoccioli di una carriera straordinaria, ma lui il gusto della battuta e soprattutto della provocazione non lo perde, anzi, ci prova sempre più gusto.

Del resto, uno che da solo ha una bacheca che farebbe invidia alla maggior parte dei club europei può dire (quasi) ciò che vuole. Sì, perché Zlatan ha vinto ben 35 trofei in 5 paesi diversi - Olanda, Italia, Spagna, Francia e Inghilterra - mancando, in fondo, soltanto la Champions League. Inoltre, se avesse militato sempre in Serie A, avrebbe diritto alla "stella ad honorem" da cucirsi sulla maglia, visto che si è aggiudicato il titolo nazionale per ben 11 volte, nelle squadre in cui ha militato.

Non ultimo, poi, Ibrahimovic ha vinto per 5 volte la classifica dei cannonieri - 2 in Italia con Inter e Milan e 3 in Ligue 1 col PSG - ed è arrivato, per il momento, a 425 gol segnati in 710 match da professionista. E se non bastasse, le statistiche dicono che ha pure distribuito 166 assist, alla faccia di chi lo ha spesso accusato di essere troppo egoista.

Ibrahimovic e Raiolagetty
Ibrahimovic insieme al suo agente Mino Raiola

Ibrahimovic su Cristiano Ronaldo: "Andare alla Juventus non è una sfida"

Egoista forse no, ma egocentrico e dotato di un'altissima opinione di se stesso, comunque, Ibra lo è di sicuro. Vastissimo è il campionario delle sue frasi celebri - da "Zlatan non fa provini" a "Chi compra Zlatan, compra una Ferrari" - ma Ibra ogni tanto scivola e la spara troppo grossa, incurante del fatto che la frase gli si possa ritorcere contro. Il mese scorso, per esempio, parlando della scelta di Cristiano Ronaldo di andare alla Juventus aveva detto:

Per lui è una sfida andare alla Juventus? Una squadra che ha vinto la Serie A sette volte di seguito? Ca****e. Andare in un club del genere non è una sfida. Se cercava una nuova sfida, sarebbe dovuto andare alla Juve quando era in Serie B, per riportarla in Serie A e farla tornare ai vertici.

Ibrahimovic Juventusgetty
Ibrahimovic con la maglia della Juventus

Già, peccato però che Ibrahimovic nella Juventus retrocessa in B - per i fatti di calciopoli - ci fosse, ma la avesse lasciata di gran carriera per approdare all'Inter. Un'incoerenza mica da poco, alla quale ha cercato di porre rimedio, almeno in parte, nel corso di un'intervista appena rilasciata a Dazn:

Non ho detto che l'acquisto di Cristiano Ronaldo non sia stato grandioso, ho detto che non è una sfida. Andare in una delle squadre più forti del mondo non è una sfida, dipende cosa si intende. In ogni caso è un grande acquisto per il calcio italiano. Grazie a lui si accresce l'hype attorno alla Serie A, la mia seconda casa.

Ibrahimovic MLSgetty

Per contrappeso, comunque, Ibra ha voluto dimostrare di non aver perso il gusto della battuta iperbolica e provocatoria, chiarendo di essere ormai una leggenda, mentre, richiesto di un pronostico sull'esito di questa Champions League ha dichiarato:

Penso che quest'anno la Champions sia davvero aperta, non c'è una squadra superiore all'altra, una favorita per la vittoria finale. Magari vincerà una delle mie vecchie squadre, PSG, Barcellona, Juventus, Manchester United. L'Inter è stata eliminata, il Milan non c'è. Ci sono quattro squadre e spero che una di loro possa vincere

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.