Serie A, Torino: nuovo centro sportivo ai campi Robaldo nel 2020

Ok dal Comune: lo storico impianto cittadino in concessione ai granata e investimento da 4 milioni per la futura casa delle giovanili.

43 condivisioni 0 commenti

di

Share

Dopo un iter durato tre anni e mezzo, è arrivata la delibera del Consiglio comunale: il Centro Sportivo Robaldo viene assegnato al Torino FC, in concessione per trent'anni, e diventerà il nuovo centro sportivo delle giovanili granata. Un passo di enorme importanza nel percorso portato avanti dalla presidenza Cairo riguardo alle strutture d’allenamento delle proprie squadre.

Il bando di gara era stato aperto nel dicembre 2015 e aggiudicato al Torino l’8 marzo 2016, all’interno di un percorso che ha visto coinvolte due amministrazioni comunali politicamente diverse, prima con la giunta-Fassino e poi con la giunta-Appendino negli ultimi mesi. Due anni abbondanti tra sopralluoghi e dialogo continuo fra le parti, per affinare gli aspetti burocratici e limare i dettagli del progetto definitivo, hanno portato al risultato di questa delibera.

Il progetto prevede la completa riqualificazione dell’area, con il rifacimento dei 5 campi da gioco (in erba sintetica), la realizzazione di nuovi spogliatoi e locali di servizio, l’aumento delle tribune e la risistemazione delle aree di pertinenza. Il tutto per una spesa di 4 milioni di euro totalmente a carico del Torino, che verserà inoltre un canone d’affitto annuo di circa 21mila euro alla Città di Torino. Il nuovo centro sportivo dovrebbe essere pronto nel 2020.

Il nuovo centro sportivo delle giovanili granata ai campi RobaldoGoogle Maps
L'area del Centro Sportivo Robaldo evidenziata su Google Maps

Il Torino al Robaldo, dal glorioso passato alla rinascita granata

Il Centro Sportivo Robaldo, situato a Torino Sud in strada Castello di Mirafiori, è stato per molti anni la casa della società calcistica cittadina Nizza Millefonti, arrivata anche in Serie D negli anni '90 e diventata per un periodo la terza squadra più importante del capoluogo piemontese. Dal 2014, però, con il fallimento della società, il centro sportivo era in totale abbandono e da lì il bando di assegnazione con l’interesse del Toro.

Con l’esito positivo della concessione, il club pone un altro tassello nel rafforzamento di un’identità granata in questa parte di città, già legata alla presenza dello Stadio Olimpico Grande Torino (dove il Toro gioca le sue partite casalinghe di Serie A) e al vicino Stadio Filadelfia, ricostruito fra il 2015 e il 2017 (che serve da centro d’allenamento della Prima Squadra e campo da gioco per le partite ufficiali della Primavera). Un concetto ribadito anche dal presidente Cairo nei giorni scorsi:

È motivo di grande orgoglio poter finalmente pensare al futuro di questa struttura che ci sta molto a cuore e che rappresenterà un nuovo slancio per il club. Potremo curare ancor meglio il nostro brillante vivaio, un filo granata legherà i ragazzi ai valori tecnici e morali del Toro.

Nella visione del nuovo Centro Sportivo Robaldo, il Torino abbraccerà la comunità del quartiere e della Circoscrizione 2. Tutti i lavori saranno volti all'ecosostenibilità e al risparmio energetico della struttura. Inoltre, uno dei campi da gioco dell’impianto verrà messo a disposizione delle attività scolastiche e dei servizi sociali tutte le mattine dal martedì al venerdì. Inoltre, la Circoscrizione e il Comune potranno usufruire di un campo per l’organizzazione di eventi sportivi e non (anche se in numero limitato nel corso dell’anno).

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.